Un difficile secondo trimestre nei risultati finanziari AMD

Un difficile secondo trimestre nei risultati finanziari AMD

AMD conferma la propria posizione finanziaria di difficoltà annunciando una perdita nel corso del secondo trimestre 2007; migliora invece il volume di processori commercializzati

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Processori
AMD
 

A questo indirizzo abbiamo pubblicato alcune informazioni sui risultati finanziari registrati da Intel nel corso del secondo trimestre 2007. Nonostante gli ultimi 12 mesi siano stati un periodo difficile per il colosso americano, i valori registrati nel secondo trimestre dell'anno vedono una forte crescita sia di fatturato che di utile rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Lo stesso non può essere di certo detto di AMD, che nella giornata di ieri ha pubblicato i propri risultati finanziari del secondo trimestre, con dati pubblicamente accessibili a questo indirizzo. Ci si attendeva una perdita consistente, e così è stato, ma alcuni indicatori mostrano segnali di ripresa che dovranno sicuramente venir consolidati nel corso del terzo trimestre 2007.

Il fatturato del periodo è stato pari a 1.378 milioni di dollari USA, in crescita del 12% circa rispetto ai 1.233 milioni di dollari del primo trimestre 2007 e del 13% se viene preso come riferimento il quarto e ultimo trimestre 2006. Ricordiamo come nel fatturato complessivo di AMD sia incluso anche quello generato dalle attività ex ATI: per questo motivo non è possibile confrontare questo parametro con quanto registrato nei mesi precedenti al quarto trimestre 2006, periodo nel quale l'acquisizione di ATI è stata completata.

Il risultato operativo del periodo vede una perdita di 457 milioni di dollari, contro un valore di 504 milioni di dollari per il primo trimestre 2007 e un utile di periodo di 102 milioni di dollari registrato nel corso del quarto trimestre 2006. La perdita netta del secondo trimestre è stata pari a 600 milioni di dollari USA, da confrontarsi con i 611 milioni di dollari perso nel corso del primo trimestre 2007 e i 574 milioni di dollari del quarto trimestre 2006. Nel complesso, quindi, AMD ha registrato una perdita complessiva di 1.785 milioni di dollari USA negli ultimi 9 mesi, a fronte di un fatturato cumulato di 3.827 milioni di dollari.

I freddi dati di bilancio del periodo confermano uno scenario difficile che si prevedeva: AMD non ha a disposizione al momento nuove tecnologie dal versante processori, ed è stata costretta a combattere con Intel un'aspra guerra commerciale fatta di continue riduzioni di prezzo, che ha portato ad una riduzione del prezzo medio di vendita generalizzata sia per AMD che per Intel. Questo trova conferma nei volumi di vendita: nonostante un fatturato che ha registrato un incremento ridotto nel periodo, AMD è stata capace di incrementare la propria quota di mercato oltre ad aumentare il proprio margine lordo, portandolo dal precedente 31% all'attuale 34%. Il margine in crescita è sicuramente un elemento positivo, ma il 34% è ancora troppo basso rispetto a quanto la stessa AMD si era abituata ad avere non più tardi di alcuni trimestri fa: nel secondo trimestre 2006, periodo nel quale AMD vendeva solo processori, il margine era stato del 56%.

AMD ha segnalato come nel corso del secondo trimestre dell'anno sia stata capace di incrementare del 38% il volume di processori commercializzati, prendendo come riferimento i primi 3 mesi del 2007; segnaliamo in particolare come le vendite di processori per sistemi notebook siano cresciute del 21% rispetto al primo trimestre 2007, e dell'81% prendendo come riferimento lo stesso periodo dello scorso anno.

Il fatturato complessivo di 1.378 milioni di dollari USA è nel dettaglio composto, per 1.098 milioni di dollari USA, dalle vendite della divisione Computing (in crescita rispetto ai 918 milioni di dollari del primo trimestre 2007), per 195 milioni di dollari da quelle della divisione Graphics (rimasta stabile rispetto al Q1 2007), per 85 milioni di dollari dai prodotti di Consumer Electronics (in calo rispetto ai 118 milioni di dollari USA del primo trimestre 2007).

AMD non ha fornito dati specifici sulla propria quota complessiva nel mercato dei processori; stando a quanto anticipato dall'istituto di ricerca iSuppli, AMD dovrebbe aver totalizzato una quota complessiva dell'11,4% a livello mondiale, in crescita rispetto al 10,9% attribuito al produttore americano nel corso del primo trimestre 2007. Tale valore è comunque inferiore rispetto a quanto è stata capace di ottenere AMD nel corso di vari trimestri dello scorso anno, nel momento in cui le vendite di processori Opteron e Athlon 64 erano più forti rispetto ad ora grazie all'inferiore pressione competitiva di Intel.

Questa l'analisi dei numeri, passiamo ora ad alcune considerazioni. AMD deve assolutamente migliorare i propri risultati finanziari, cercando di giungere più rapidamente possibile ad una posizione di profittabilità nel trimestre; per ottenere questi risultati sarà indispensabile riuscire a immettere sul mercato in volumi elevati sia i processori Opteron della serie Barcelona, attesi al debutto nel corso del mese di Settembre, sia quanto prima anche le cpu Phenom, nuove architetture dual e quad core per sistemi desktop. Se queste architetture saranno di successo e in grado di contrastare le tecnologie Intel ci vorranno sicuramente alcuni mesi prima che la loro adozione sul mercato generi consistenti riflessi sui risultati finanziari di AMD: lo stesso è avvenuto del resto con le cpu Core 2 Duo di Intel al momento del debutto.

Nel corso del terzo trimestre 2007 AMD beneficierà sicuramente delle incrementate vendite nel settore graphics, grazie al lancio delle soluzioni ATI Radeon HD 2000 e dell'adozione delle soluzioni Radeon HD 2600 e Radeon HD 2400 in sistemi OEM. E' ipotizzabile che la domanda di processori Athlon 64 X2 e Turion continuerà a restare sui valori registrati nel corso del secondo trimestre, con tuttavia le limitazioni in termini di prezzi medi di vendita che avranno ripercussioni non di poco conto sul fatturato complessivo.

AMD continuerà sicuramente a contenere i propri costi operativi, in quanto è uno dei pochi strumenti a disposizione per cercare di contenere le perdite; riteniamo che i risultati del terzo trimestre 2007 saranno migliori di quanto fatto sino ad ora sia in termini di fatturato che di quote di mercato, ma è prematuro ritenere che il lancio delle cpu Barcelona permetterà, a Settembre, di portare già in utile il risultato di periodo di AMD. E' evidente come il 2007 sarà l'anno di svolta per AMD, e prima di vedere una situazione chiara sul futuro di quest'azienda il 2007 dovrà essere terminato.

Si apre inoltre una situazione difficile per AMD dal punto di vista della liquidità: con queste perdite trimestrali AMD sta continuando a ridurre la propria liquidità, e sarà necessario correre ai ripari cercando non solo di aumentare il fatturato diminuendo i costi, ma anche cercando qualche partnership strategica che permetta ad AMD di intervenire in modo più strutturale sui propri costi. Vari analisti hanno segnalato nelle scorse settimane come uno scenario percorribile per AMD possa essere quello di vendere le proprie fabbriche produttive, ma riteniamo questa una elucubrazione di qualche analista poco avvezzo alla tecnologia che uno scenario percorribile ed economicamente sensato per AMD.

La prossima settimana, il giorno 26, AMD terrà il proprio Analyst Technology Day: è questo un evento nel quale storicamente il produttore americano ha annunciato importanti novità dal punto di vista delle prossime generazioni di tecnologie, e potrebbe fornire ulteriori dettagli sulle roadmap dei prodotti AMD per i prossimi 12-24 mesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nellosamr20 Luglio 2007, 10:15 #1
speriamo si riprenda e speriamo che il k10 sia un'ootima architettura
enjoymarco20 Luglio 2007, 10:16 #2
Che dire... da profano assoluto in materia di economia aziendale, mi chiedo come faccia un'azienda a lavorare in perdita. Cmq correggetemi se sbaglio, se negli ultimi 9 mesi ha fatturato 3.827 dollari e ne ha persi 1.785, vuol dire che le spese totali dei 9 mesi (immagino contando tutto: fornitori, stipendi, costi di produzione ecc..) ammontano a 5.612 dollari? Qualcuno ferrato in economia mi illumini, grazie!
faber8020 Luglio 2007, 10:17 #3
"...evento nel quale storicamente il produttore americano ha annunciato importanti novità ..."

mi sa che questo "Analyst Technology Day" dura da mesi, poichè per ora non fanno altro che annunciare, profetizzare, rassicurare.....

e intanto la barca affonda..... mi ricorda i musicisti del Titanic che suonavano sul ponte, mentre affondavano tutte cose

Dire che è un " Un difficile secondo trimestre " per amd, è un complimento, vero? Io, con tutta la buona volontà, penso che finora non hanno voluto mettere in commercio il k10 perchè non sarà competitivo più di tanto, e con i costi alti iniziali, tutti si butteranno su Intel o sulla fascia bassissima di Amd, ma nn so fino a che punto converrebbe; il motivo è semplice: se sto perdendo quote, e ho un processore buono da mostrare per risollevare le sorti, non me lo tengo ancora in fabbrica, lo comincio a diffondere, anche in quantità limitate; o quantomeno faccio vedere i BENCH per mostrare la sua potenza (come ha fatto Intel); invece no, non mostro niente perchè il processore mi sa fa la fine di R600: tanto fumo (in tutti i sensi)

che non si pensi che sono Intel-lista; io son fanboy del mio portafoglio, e spero si risollevi perchè i prezzi attuali ce li sognamo se Il K10 non carbura (specie con Nehalem)
203020 Luglio 2007, 10:24 #4
...e intanto il mio prossimo pc non dovrà assolutamente avere ATI. Parlo da utente linux, hanno promesso più volte driver migliori ma non hanno fatto assolutamente niente finora. Sono nella cacca? Bene, mandano una mail agli sviluppatori del kernel, gli mandano una scheda per ogni modello con le specifiche per fare i driver e un accordo di riservatezza da firmare. Nel giro di pochissimi mesi per linux escono i driver tosti per le schede ATI e quasi tutta la comunità ci si fionda sopra (anche perchè NVidia non rilascia nulla di aperto) e sistemano buona parte dei loro problemi. Peccato che vogliano restare fuori da un mercato crescente e si attirino le ire degli utenti linux (me compreso) con una politica assurda. E dire che potrebbero avere i driver scritti gratis e fatti davvero bene, mica quei poltigli che fanno loro.

Parlo dei driver perchè l'hardware mi sembra già molto buono, però senza i driver anche questo non funziona come dovrebbe. Credo che la mia prossima scheda video sarà una Intel (non sono un videogiocatore incallito).
Menion8320 Luglio 2007, 10:27 #5
Cavolo come ti do ragione 2030!!!
Per mettere Compiz Fusion su Ubuntu con una X1800XT ho dovuto passare le pene dell'inferno!!!
sinergine20 Luglio 2007, 10:41 #6
Originariamente inviato da: faber80
"...evento nel quale storicamente il produttore americano ha annunciato importanti novità ..."

mi sa che questo "Analyst Technology Day" dura da mesi, poichè per ora non fanno altro che annunciare, profetizzare, rassicurare.....

e intanto la barca affonda..... mi ricorda i musicisti del Titanic che suonavano sul ponte, mentre affondavano tutte cose

Dire che è un " Un difficile secondo trimestre " per amd, è un complimento, vero? Io, con tutta la buona volontà, penso che finora non hanno voluto mettere in commercio il k10 perchè non sarà competitivo più di tanto, e con i costi alti iniziali, tutti si butteranno su Intel o sulla fascia bassissima di Amd, ma nn so fino a che punto converrebbe; il motivo è semplice: se sto perdendo quote, e ho un processore buono da mostrare per risollevare le sorti, non me lo tengo ancora in fabbrica, lo comincio a diffondere, anche in quantità limitate; o quantomeno faccio vedere i BENCH per mostrare la sua potenza (come ha fatto Intel); invece no, non mostro niente perchè il processore mi sa fa la fine di R600: tanto fumo (in tutti i sensi)

che non si pensi che sono Intel-lista; io son fanboy del mio portafoglio, e spero si risollevi perchè i prezzi attuali ce li sognamo se Il K10 non carbura (specie con Nehalem)


Se le vedi nella fascia di prezzo in cui è collocato non è così male...
Poi in un'intervista ad AMD è saltato fuori che le schede R600 sono state tutte vendute e i partner non ne avevano più a disposizione per cui non è così male...
3l3v3n20 Luglio 2007, 10:42 #7
Originariamente inviato da: Menion83
Cavolo come ti do ragione 2030!!!
Per mettere Compiz Fusion su Ubuntu con una X1800XT ho dovuto passare le pene dell'inferno!!!


L'importante è esserci riusciti, così si impara.

Per il resto ... speriamo davvero che le promesse di AMD non siano solo fumo.
Bluknigth20 Luglio 2007, 10:43 #8
Va beh, questo era prevedibile. Credo che se AMD avesse lasciato stare ATI probabilmente avrebbe affrontato tutto questo con quello che aveva messo in cascina negli anni scorsi.

Però, aspetterei a darla per morta. Se qualche grosso investitore vede della tecnolgia all'altezza nei prossimi progetti AMD, può essere che arrivi del denaro fresco.

Credo che se ripresa ci sarà bisognerà attendere il 2008
nonikname20 Luglio 2007, 10:50 #9
Azz!!! per ricavare un dollaro ne spendono 1,5...

E dire che se non avessero fatto quella dannata acquisizione di ATI , a quest'ora nessuna delle 2 compagnie sarebbe cosi in perdita....

E i rumors sul barcellona parlano di un 3-4% di die x wafer che supera i 2.5Ghz , mentre gli altri arrivano al massimo a 2Ghz...

Per AMD si prospetta un 2007 da incubo.. speriamo che riescano a riprendersi in fretta , altrimenti......
faber8020 Luglio 2007, 10:52 #10
Originariamente inviato da: sinergine
Se le vedi nella fascia di prezzo in cui è collocato non è così male...
Poi in un'intervista ad AMD è saltato fuori che le schede R600 sono state tutte vendute e i partner non ne avevano più a disposizione per cui non è così male...


vero che hanno venduto, ma tutto quello che avevano profetizzato sulla "mitica" tecnologia dell'R600 si è materializzata in una scheda che ha risultati da fascia medio-alta (e non può neanche essere overcloccata poichè hanno già spinto la gpu al top

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^