TSMC costretta a sospendere temporaneamente la produzione a causa di un virus

TSMC costretta a sospendere temporaneamente la produzione a causa di un virus

Il pieno recupero delle attività previsto per oggi 6 agosto. Il cliente maggiormente impattato potrebbe essere Apple e i chip A-Series della prossima generazione di iPhone, ma non vi sono dettagli

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Processori
TSMC
 

Incidente di percorso per la fonderia taiwanese TSMC che si è vista costretta lo scorso venerdì a sospendere temporaneamente la produzione per via di un virus che ha colpito alcuni dei macchinari usati nelle linee produttive di semiconduttori nelle varie fabbriche della compagnia.

Non vi sono molti dettagli sull'accaduto e per quanto ciò possa sembrare essere un attacco mirato, la società afferma che il problema non si è verificato per via di un'intrusione nella rete informativa ma per una inadeguata gestione del processo di installazione del software per un nuovo macchinario.

Il problema è stato comunque isolato tempestivamente e sebbene alcune macchine siano state riportate all'operatività nel giro di poche ore, il recupero della piena attività produttiva è atteso solamente per la giornata odierna.

"TSMC è stata attaccata da virus in precedenza. Ma è la prima volta che ciò condiziona le nostre linee di produzione" ha dichiarato il CFO Lora Ho. Secondo quanto indicato dalla società, che non ha rivelato comunque dati precisi sulla capacità produttiva temporaneamente perduta, il problema potrebbe comportare una riduzione del 3% circa del fatturato trimestrale e assottigliare il margine lordo dell'1%. La società è comunque fiduciosa del fatto che nel quarto trimestre si potrà recuperare il rallentamento e pertanto non ha ritoccato gli obiettivi precedentemente annunciati e previsti per il 2018, mantenendoli sullla "crescita a singola cifra alta", ovvero vicini al 10%.

La produzione di chip non è un processo breve o istantaneo, quindi l'interruzione momentanea della produzione avrà ovviamente ripercussioni sulla capacità produttiva delle fabbriche coinvolte ancora per qualche settimana. TSMC ha comunque notificato l'accaduto ai principali clienti. La società non ha voluto commentare quali siano i clienti direttamente o maggiormente colpiti dall'inconveniente, ma storicamente all'inizio del mese di agosto la fonderia alloca la gran parte della sua capacità produttiva per la realizzazione dei nuovi chip A-Series di Apple, così che siano pronti per il debutto dei nuovi iPhone nel mese di settembre e per la commercializzazione nelle settimane successive.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rabs9506 Agosto 2018, 13:35 #1

+10%

Ecco la scusa per l'aumento dei prezzi, mi ricorda un pò l'inondazione e l'aumento dei prezzi degli hard disk.
lookgl06 Agosto 2018, 13:59 #2
Mi risulta tantino strana la cosa. Primo macchinari del genere dovrebbero essere offline o comunque in una rete locale, secondo anche l'addetto alle pulizie, come minimo, ha una qualche laurea in ingegneria, ergo non se ne va in giro con la pennetta USB con file scaricati dall'amico del cugino.
floc06 Agosto 2018, 15:30 #3
Nel frattempo nel reparto "Truffe & raggiri di TSMC"...

"Beh la famosa alluvione ormai è troppo indietro nel tempo per servire ancora come scusa utile, poi ci sono state le criptovalute ma ultimamente stanno declinando... Ma sì dai un virus va bene!"
maxy0407 Agosto 2018, 08:45 #4
Originariamente inviato da: lookgl
Mi risulta tantino strana la cosa. Primo macchinari del genere dovrebbero essere offline o comunque in una rete locale, secondo anche l'addetto alle pulizie, come minimo, ha una qualche laurea in ingegneria, ergo non se ne va in giro con la pennetta USB con file scaricati dall'amico del cugino.


a leggere bene l'articolo mi sembra che il virus arrivi dal software che hanno installato su un macchinario, probabilmente era gia' infetto.
yeppala07 Agosto 2018, 15:26 #5
Il virus si è diffuso nella loro rete sfruttando con ogni probabilità la stessa falla di sicurezza che sfruttava WannaCry.
- Non hanno installato le patch di sicurezza che Microsoft ha rilasciato più di 1 anno fa, in maniera del tutto eccezionale anche per i sistemi obsoleti fuori supporto come XP.
- Non hanno seguito i più basilari principi di sicurezza.
E sono shockati di essere stati infettati?
Alessio.1639007 Agosto 2018, 15:39 #6
La scusa del momento.

Un pò come i vari Hosting provider, che, per ogni cosa danno la colpa a presunti e fantomatici attacchi DDoS.

Si è rotto lo switch? attacco ddos
HDD andati? Siamo sotto attacco ddos
blackout della farm? ancora attacco ddos
il sistemista nel fare update ha distrutto tutto? ddos ddos ddos
aqua8407 Agosto 2018, 15:53 #7
Originariamente inviato da: Alessio.16390
La scusa del momento.

Un pò come i vari Hosting provider, che, per ogni cosa danno la colpa a presunti e fantomatici attacchi DDoS.

Si è rotto lo switch? attacco ddos
HDD andati? Siamo sotto attacco ddos
blackout della farm? ancora attacco ddos
il sistemista nel fare update ha distrutto tutto? ddos ddos ddos

in effetti questo ddos lo usano un po' per qualunque cosa...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^