Toshiba e NEC ancora insieme per i 32 nanometri

Toshiba e NEC ancora insieme per i 32 nanometri

Dopo la defezione di Sony, Toshiba e NEC decidono di continuare ugualmente a percorrere insieme la strada verso la produzione a 32 nanometri

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:13 nel canale Processori
ToshibaSony
 

Nel corso dei giorni passati NEC Electronics e Toshiba Corporation hanno dichiarato di proseguire nella collaborazione allo sviluppo del processo produttivo a 32 nanometri anche senza la partecipazione di Sony la quale recentemente si è chiamata fuori da tutti gli impegni contratti in ambito di sviluppo di nuovi processi produttivi. Resta comunque ancora non chiaro quale sarà il destino del sodalizio tra Toshiba e IBM, anche in questo caso impegnati sul fronte dei 32 nanometri e rimasti orfani di Sony.

Fin dal febbraio 2006 Toshiba e NEC hanno collaborato alle tecnologie per la produzione a 45 nanometri presso l'Advanced Microelectronics Center di Toshiba nella città di Yokohama. Il nuovo accordo prevede l'estensione della collaborazione per la produzione a 32 nanometri, con l'obiettivo di accelerare lo sviluppo e dividerne i costi.

Lo sviluppo delle tecnologie per la produzione a 32 nanometri implica risorse ed investimenti molto più considerevoli rispetto alle precedenti tecnologie. Per questo motivo molte realtà del settore stanno stringendo alleanze proprio per giungere all'obiettivo nel modo più conveniente e rapido possibile.

Successivamente alla fase dello sviluppo congiunto, Toshiba e NEC utilizzeranno individualmente quanto raggiunto per la realizzazione ciascuno delle proprie soluzioni.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SoleNeve28 Novembre 2007, 16:27 #1

Errorino...

"...di accellerare lo sviluppo..."
dovrebbe essere
"...di accelerare lo sviluppo..."
IlNiubbo28 Novembre 2007, 16:38 #2
leggendo quì pare che il processo produttivo a TOT nanometri sia standard.
Allora mi chiedo (ovvero vi chiedo) perchè ci sia discrepanza tra i processi produttivi di schede video (65 nm se non sbaglio) e processori (45 nm sempre se ricordo bene).

Nel senso che io pensavo che ogni azienda riuscisse in modo diverso a rimpicciolire i propri transistor... mi sbaglio?
Pleg28 Novembre 2007, 19:04 #3
Originariamente inviato da: IlNiubbo
leggendo quì pare che il processo produttivo a TOT nanometri sia standard.
Allora mi chiedo (ovvero vi chiedo) perchè ci sia discrepanza tra i processi produttivi di schede video (65 nm se non sbaglio) e processori (45 nm sempre se ricordo bene).

Nel senso che io pensavo che ogni azienda riuscisse in modo diverso a rimpicciolire i propri transistor... mi sbaglio?


Prima di tutto non e' vero che "ogni azienda fa per se'". I costi di sviluppo della tecnologia sono impressionanti e continuano ad aumentare: considera che una moderna fab a 45 nm per fette da 12 pollici (come quelle che hanno appunto Intele AMD per i loro processori) costano 3-5 miliardi di dollari l'una, e ce ne sono parecchie. Per non parlare dei costi di sviluppo: "fare i 32 nm" significa sviluppare nuove tecnologie ottiche per la fotoincisione (che ad esempio, se ricordo bene, non saranno piu' a trasmissione ottica ma a riflessione perche' non c'e' materiale capace di fare da lente a quelle lungheze d'onda: significa ad esempio costruire "specchi" atomo per atomo, sviluppare nuove applicazioni della fisica per descrivere la materia...), nuove macchine per maneggiare i wafer, nuove tecniche di allineamento, macchine di testing, metodi di diffusione, nuovi modelli fisici per descrivere, che so, la perdita per effetto tunnel di una barriera di gate spessa 2-3 nm... insomma, un'infinita' di ricerca ad altissimi livelli in molti settori disparati. Questa ricerca non la fa "un'azienda", ma tutto un pool di aziende e centri di ricerca e universita' che condividono esperienza, competenze, cervelli e fiumi di denaro... nessuno puo' piu' farcela da solo.

Per le dimensioni: ad ogni nodo litografico e' tradizione scndere di radice di 2 per le dimensioni lineari (cosi' da dimezzare l'area): 360 nm, 250, 180, 130, 90, 65, 45, 32.

I produttori di processori usano sempre le tecnologie piu' spinte. I costruttori di schede video (nVidia, e ATI prima di essere acquisita da AMD) sono fabless, cioe' loro progettano soltanto ma non hanno fab, e devono rivolgersi ad altri per realizzare fisicamente i loro chip (in genere le fonderie taiwanesi, che sono di solito 1-2 passi indietro, anche per ridurre i costi).

Ultima cosa: tieni conto che tutte le attrezzature si spremono fino all'ultimo, visto il costo iperbolico. Il fatto che ora Intel fa i processori di punta a 45 nm non vuol dire che non ci sia roba fatta a 65, 90, 130... io ora progetto su una tecnologia a 250 nm, e lo facciamo per motivi ingegneristici molto precisi (hint: l'elettronica digitale adora la riduzione delle dimensioni dei transistor, quella analogica no :-)
mudseason28 Novembre 2007, 20:19 #4
ottimo reply il tuo,
come fisico non posso non complimentarmi con te,
come musicista non posso che apprezzare l'elettronica analogica!
Pleg28 Novembre 2007, 21:04 #5
Originariamente inviato da: mudseason
ottimo reply il tuo,
come fisico non posso non complimentarmi con te,
come musicista non posso che apprezzare l'elettronica analogica!


Grazie :-) cmq io sono un progettista digitale :-) usiamo un processo cosi' "grande" perche' i nostri chip sono molto critici per il progetto analogico e molto meno per quello digitale (mi vien da piangere pero' quando penso a quello che potrei metterci dentro nei miei chip se avessi una tecnologia piu' spinta...)
K7-50029 Novembre 2007, 02:52 #6
Sono impressionato, spiegazione chiara perfino per me.

IlNiubbo29 Novembre 2007, 08:54 #7
Originariamente inviato da: Pleg
Prima di tutto non e' vero che "ogni azienda fa per se'". I costi di sviluppo della tecnologia sono impressionanti e continuano ad aumentare: considera che una moderna fab a 45 nm per fette da 12 pollici (come quelle che hanno appunto Intele AMD per i loro processori) costano 3-5 miliardi di dollari l'una, e ce ne sono parecchie. Per non parlare dei costi di sviluppo: "fare i 32 nm" significa sviluppare nuove tecnologie ottiche per la fotoincisione (che ad esempio, se ricordo bene, non saranno piu' a trasmissione ottica ma a riflessione perche' non c'e' materiale capace di fare da lente a quelle lungheze d'onda: significa ad esempio costruire "specchi" atomo per atomo, sviluppare nuove applicazioni della fisica per descrivere la materia...), nuove macchine per maneggiare i wafer, nuove tecniche di allineamento, macchine di testing, metodi di diffusione, nuovi modelli fisici per descrivere, che so, la perdita per effetto tunnel di una barriera di gate spessa 2-3 nm... insomma, un'infinita' di ricerca ad altissimi livelli in molti settori disparati. Questa ricerca non la fa "un'azienda", ma tutto un pool di aziende e centri di ricerca e universita' che condividono esperienza, competenze, cervelli e fiumi di denaro... nessuno puo' piu' farcela da solo.

Per le dimensioni: ad ogni nodo litografico e' tradizione scndere di radice di 2 per le dimensioni lineari (cosi' da dimezzare l'area): 360 nm, 250, 180, 130, 90, 65, 45, 32.

I produttori di processori usano sempre le tecnologie piu' spinte. I costruttori di schede video (nVidia, e ATI prima di essere acquisita da AMD) sono fabless, cioe' loro progettano soltanto ma non hanno fab, e devono rivolgersi ad altri per realizzare fisicamente i loro chip (in genere le fonderie taiwanesi, che sono di solito 1-2 passi indietro, anche per ridurre i costi).

Ultima cosa: tieni conto che tutte le attrezzature si spremono fino all'ultimo, visto il costo iperbolico. Il fatto che ora Intel fa i processori di punta a 45 nm non vuol dire che non ci sia roba fatta a 65, 90, 130... io ora progetto su una tecnologia a 250 nm, e lo facciamo per motivi ingegneristici molto precisi (hint: l'elettronica digitale adora la riduzione delle dimensioni dei transistor, quella analogica no :-)


Oh che figata trovare queste risposte!
Forse ti romperò un po' le scatole per alcune delucidaizioni, in futuro ... se sei d'accordo

Grazie mille Pleg!
Ciao
IlNiubbo
Pleg29 Novembre 2007, 18:45 #8
Originariamente inviato da: IlNiubbo
Oh che figata trovare queste risposte!
Forse ti romperò un po' le scatole per alcune delucidaizioni, in futuro ... se sei d'accordo

Grazie mille Pleg!
Ciao
IlNiubbo

Tranzi, di niente :-) Frequento il posto abbastanza, ma scrivo in genere solo quando si parla di tecnologia e processori ;-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^