Si chiarisce la vicenda tra Freescale, IBM, Intel e Apple

Si chiarisce la vicenda tra Freescale, IBM, Intel e Apple

La volontà di Freescale e IBM di cambiare target per i propri processori ha portato Apple a scegliere Intel

di pubblicata il , alle 11:11 nel canale Processori
AppleIntelIBM
 

CNET News.com ha pubblicato un'interessante intervista a Michel Mayer, Chief Executive Officer di Freescale Semiconductor. Freescale, che può essere un nome non particolarmente noto ai più, non è altro che uno spin-off completamente controllato da Motorola e che si occupa dello sviluppo e realizzazione di processori PowerPC.

L'intervista fa luce su quale è lo scenario verso il quale questo tipo di processori si sta muovendo e fa luce sulle vere motivazioni del passaggio di Apple ai processori Intel x86. Tra i numerosi clienti di Freescale (se ne contano più di diecimila) oltre ad Apple vi sono anche i principali 10 costruttori di automobili.

Mayer dichiara espressamente che le intenzioni di Freescale sono quelle di spostare la propria attenzione dal segmento di mercato dei sistemi desktop verso lidi potenzialmente più interessanti e remunerativi:

"Il segmento PC è una parte molto piccola del nostro business. Il nostro solo cliente in questo segmento è Apple, che si prepara a passare ai processori Intel. Certamente non siamo felici di perdere un cliente ma francamente, con tutte le opportunità di crescita verso le quali possiamo orientarci, difendere una posizione di mercato dello 0,5% dove domina Intel non è un impiego intelligente delle nostre risorse.

Ci sono moltissime altre opportunità nel mondo dell'Hi-Tech al di fuori del segmento PC che ci permettono di impiegare in modo più remunerativo le nostre risorse. La vera innovazione si sta spostando al di fuori del segmento PC in direzione del segmento consumer electronics. Console di gioco, automobili, cellulari, iPod: questa è l'innovazione. Il segmento PC è un mercato che non intendiamo più servire".

Ecco quindi il primo motivo che ha spinto Apple a considerare le soluzioni di Intel: la roadmap di Freescale non avrebbe permesso alla compagnia di Cupertino di disporre di processori G4 adeguati per il tipo di impiego e il target dei prodotti della Mela.

Ma tra G4 ed Intel c'è di mezzo IBM con i processori G5. Anche in questo caso, tuttavia, la situazione non sarebbe particolarmente differente in quanto IBM (per la quale Mayer è stato responsabile della divisone semiconduttori fino alla scorsa primavera) sta anch'essa orientandosi verso i medesimi segmenti di mercato individuati da Freescale.

In particolar modo IBM sta concentrando i propri sforzi per produrre soluzioni destinate all'impiego con console di gioco. Ne sono un esempio il processore a tre core che equipaggia Xbox 360 e il processore Cell sviluppato in collaborazione con Toshiba e Sony. Inoltre IBM, sempre secondo le dichiarazioni di Mayer, non ha mai mostrato l'effettiva volontà di voler dedicarsi a processori mobile, situazione che avrebbe lasciato Apple al palo nel settore dei portatili.

Dall'intervista emerge inoltre il ruolo di mediazione che Mayer ha ricoperto durante i rapporti tra IBM e Apple: fu proprio l'attuale CEO di Freescale a convincere IBM a realizzare il processore G5 e contemporaneamente a convincere Apple ad adottarlo per le sue macchine, in un periodo nel quale Steve Jobs, CEO della compagnia della Mela, stava già accarezzando l'idea di passare ad Intel, ovvero 5 anni fa circa. Tale rivelazione giustifica anche il motivo per il quale già da 5 anni il sistema operativo Mac Os X viene sviluppato in binario per PCC e in binario per X86.

Alla luce di queste considerazioni, appare evidente come il passaggio verso i processori Intel abbia rappresentato per Apple una svolta necessario per poter continuare a restare competitiva sul mercato desktop e notebook.

L'intera intervista è pubblicata a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

125 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
riaw07 Dicembre 2005, 11:24 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg

appare evidente come il passaggio verso i processori Intel abbia rappresentato per Apple una svolta necessario per poter continuare a restare competitiva sul mercato desktop e notebook.


"restare competitiva"?
ma dove?
e quando?
sono anni che apple non è competitiva.....
al massimo il passaggio a processori intel permette ad apple di DIVENTARE competitiva.........

io non capisco perchè apple continua a produrre computer, ormai il suo guadagno principale (nonchè motivo per cui non è fallita una seconda volta) è la vendita di lettori mp3.....
Criceto07 Dicembre 2005, 11:35 #2
Originariamente inviato da: riaw
"restare competitiva"?
ma dove?
e quando?
sono anni che apple non è competitiva.....
al massimo il passaggio a processori intel permette ad apple di DIVENTARE competitiva.........

io non capisco perchè apple continua a produrre computer, ormai il suo guadagno principale (nonchè motivo per cui non è fallita una seconda volta) è la vendita di lettori mp3.....


1. Apple E' competitiva con i G5 di fascia alta. Non in tutte le applicazioni, ma sicuramente in quelle dove il suo mercato professionale è più forte (Audio/Video/scientifico).

2. Non è vero che Apple guadagna più con gli iPod che con i Mac. Benchè il mercato degli iPod sia (sorprendentemente) esploso la maggior parte degli introiti di Apple derivano ancora dai Mac.
ultimate_sayan07 Dicembre 2005, 11:52 #3

"restare competitiva"?
ma dove?
e quando?
sono anni che apple non è competitiva.....
al massimo il passaggio a processori intel permette ad apple di DIVENTARE competitiva.........

io non capisco perchè apple continua a produrre computer, ormai il suo guadagno principale (nonchè motivo per cui non è fallita una seconda volta) è la vendita di lettori mp3.....


Ma quante stupidaggini... un'azienda come Apple è competitiva già solo per il fatto di essere sopravvissuta al monopolio PC per più di un decennio e questo grazie solo ai suoi computer e al suo sistema operativo. Non solo, ma si è imposta come standard già dai primi anni '90 nel Desktop Publishing... anzi, Apple con il suo Mac ha quasi "inventato" il desktop publishing...
diabolik198107 Dicembre 2005, 11:54 #4
Originariamente inviato da: ultimate_sayan
Ma quante stupidaggini... un'azienda come Apple è competitiva già solo per il fatto di essere sopravvissuta al monopolio PC per più di un decennio e questo grazie solo ai suoi computer e al suo sistema operativo. Non solo, ma si è imposta come standard già dai primi anni '90 nel Desktop Publishing... anzi, Apple con il suo Mac ha quasi "inventato" il desktop publishing...



questo non è del tutto vero (leggasi come ha superato le varie crisi finanziarie)
ShinjiIkari07 Dicembre 2005, 11:57 #5
x riaw: no comment.

x la news: Si sapeva che le cose erano andate così, altrimenti perché avrebbero sviluppato macosx anche per x86, già dal 2001.
ultimate_sayan07 Dicembre 2005, 12:09 #6
questo non è del tutto vero (leggasi come ha superato le varie crisi finanziarie)


Certo... conosco la questione ma ripeto... le crisi le ha superate comunque...
Consideriamo che è dal 1984 che dicono che Apple è vicina al fallimento... :-)
E in ogni caso... anche nei periodi meno felici di Apple non ha mai perso il sostegno dei suoi clienti e soprattutto di quella fascia di mercato (come dicevo sopra il desktop publishing) che non l'ha mai abbandonata.
Questo non significa che Apple ha sempre fatto cose buone ecc...
JohnPetrucci07 Dicembre 2005, 12:14 #7
Originariamente inviato da: riaw
"restare competitiva"?
ma dove?
e quando?
sono anni che apple non è competitiva.....
al massimo il passaggio a processori intel permette ad apple di DIVENTARE competitiva.........

io non capisco perchè apple continua a produrre computer, ormai il suo guadagno principale (nonchè motivo per cui non è fallita una seconda volta) è la vendita di lettori mp3.....

Non hai tutti i torti se ti riferisci al mercato desktop nel suo complesso.
Ma in alcuni ambiti di nicchia professionali, la Apple (le va dato atto) è uno standard.
Piuttosto adesso che adotteranno cpu Intel, credo che le differenze tra un pc e un Mac di simile fascia saranno relegate al solo sistema operativo.
Sulla potenza bruta anch'io sono un estremista del pc anche perchè spendo meno e me lo assemblo da solo con componenti da me selezionati, quindi non potrei mai scegliere un Apple.
riaw07 Dicembre 2005, 12:23 #8
Originariamente inviato da: Criceto]1. Apple E' competitiva con i G5 di fascia alta. Non in tutte le applicazioni, ma sicuramente in quelle dove il suo mercato professionale è

[QUOTE=ultimate_sayan]Ma quante stupidaggini... un'azienda come Apple è competitiva già solo per il fatto di essere sopravvissuta al monopolio PC per più di un decennio e questo grazie solo ai suoi computer e al suo sistema operativo. Non solo, ma si è imposta come standard già dai primi anni '90 nel Desktop Publishing... anzi, Apple con il suo Mac ha quasi "inventato" il desktop publishing...


competitivo può significare solo due cose:o intendi "competitivo" come "offre prodotti buoni a prezzi allineati o sotto prodotti simili" oppure "competitivo" significa che prestazionalmente sei sopra a prodotti simili.
apple offre, e ha offerto in questi anni, prodotti (soprattutto in ambito mobile) che prestazionalmente vanno la metà e costano il doppio rispetto alla controparte pc.

mi spiegate dove è rimasta "competitiva"?

se vogliamo riconoscerle il merito di aver fatto un buon s.o. ed essere "sopravvissuta" in questi anni, facciamolo, ma, per carità, non definitemela "competitiva" che proprio è l'aggettivo che meno si adatta....
vedremo quando passerà a intel se tornerà a produrre notebook e computer con prestazioni decenti, perchè attualmente, tolto il quad core powermac (che, tra l'altro, ha praticamente il prezzo di un quadriprocessore xeon), gli altri in quanto a potenza bruta sono surclassati da pc che costano quasi la metà....
Criceto07 Dicembre 2005, 12:26 #9
Originariamente inviato da: riaw
competitivo può significare solo due cose:o intendi "competitivo" come "offre prodotti buoni a prezzi allineati o sotto prodotti simili" oppure "competitivo" significa che prestazionalmente sei sopra a prodotti simili.


Competitivo significa che con un G5 dual e FinalCut puoi fare cose che per farle in ambito PC con AVID spendi X volte tanto...
LucaTortuga07 Dicembre 2005, 12:34 #10
Originariamente inviato da: riaw
competitivo può significare solo due cose:o intendi "competitivo" come "offre prodotti buoni a prezzi allineati o sotto prodotti simili" oppure "competitivo" significa che prestazionalmente sei sopra a prodotti simili.
apple offre, e ha offerto in questi anni, prodotti (soprattutto in ambito mobile) che prestazionalmente vanno la metà e costano il doppio rispetto alla controparte pc.

mi spiegate dove è rimasta "competitiva"?

se vogliamo riconoscerle il merito di aver fatto un buon s.o. ed essere "sopravvissuta" in questi anni, facciamolo, ma, per carità, non definitemela "competitiva" che proprio è l'aggettivo che meno si adatta....
vedremo quando passerà a intel se tornerà a produrre notebook e computer con prestazioni decenti, perchè attualmente, tolto il quad core powermac (che, tra l'altro, ha praticamente il prezzo di un quadriprocessore xeon), gli altri in quanto a potenza bruta sono surclassati da pc che costano quasi la metà....


Allora, per favore, spiegami tu quale sarebbe quel portatile paragonabile all'iBook 12" che va il doppio (?) e costa la metà (500 euri)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^