Samsung e GlobalFoundries insieme per portare le tecnologie FinFET a 14nm sul mercato

Samsung e GlobalFoundries insieme per portare le tecnologie FinFET a 14nm sul mercato

Samsung e GlobalFoundries annunciano una collaborazione strategica volta a consegnare nel mercato semiconduttori prodotti con la tecnologia FinFET a 14nm in grandi volumi

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:01 nel canale Processori
Samsung
 

Samsung Electronics e GlobalFoundries hanno annunciato un'importante alleanza strategica con la quale velocizzare l'arrivo sul mercato dei primi semiconduttori basati su processi produttivi FinFET a 14nm. La produzione in massa dei primi modelli che si avvarranno delle nuove tecnologie è prevista per la fine del 2014.

Attraverso i nuovi accordi operati fra i due imponenti colossi del settore dei semiconduttori, verranno ampliate considerevolmente le rese produttive dei processori basati su tecnologia FinFET all'interno degli stabilimenti di Samsung a Hwaseong (Corea del Sud) e Austin (Texas, USA) e di GlobalFoundries a Saratoga, nello stato di New York.

Sviluppato da Samsung e offerto in licenza a GlobalFoundries, il processo FinFET a 14nm è basato su una piattaforma tecnologica che ha già maturato una certa trazione nel settore dei SoC, processori estremamente efficienti di cui si fa uso soprattutto nei sistemi mobile. La piattaforma trae beneficio dalla tridimensionalità dei transistor in modo da superare i limiti dei transistor planari.

Attraverso i nuovi processi produttivi FinFET a 14nm, le società promettono un miglioramento prestazionale del 20% rispetto alle precedenti tecnologie a 20nm, insieme ad un consumo energetico ridotto del 35%. Grazie ai nuovi accordi di licenza pluriennali, e con il rilascio dei Process Design Kit (PDK), i clienti delle due società possono iniziare sin da subito a sviluppare chip proprietari utilizzando le tecnologie FinFET, mentre la produzione in massa dei primi processori FinFET a 14nm sarà lanciata nella fine del 2014.

A trarre beneficio delle nuove tecnologie troveremo anche AMD: "La collaborazione fra Samsung e GlobalFoundries aiuterà AMD a consegnare la nostra prossima generazione di prodotti innovativi con nuovi livelli di capacità computazionale e grafica a partire dai dispositivi mobile a bassa potenza, per arrivare alle soluzioni per server o embedded ad alte prestazioni", sono state le parole di Lisa Su, Senior Vice President e General Manager di Global Business Units per AMD.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cdimauro20 Aprile 2014, 07:27 #1
Tutti a rincorrere i 14nm FinFET. Ma non erano più costosi dei vecchi processi produttivi?
Vash_8520 Aprile 2014, 11:10 #2
Quindi intel si è persa pure il vantaggio che aveva accumulato negli anni sul pp? Se voleva competere contro arm nel mercato mobile con gli atom le era restata oramai solo la carta del pp...
Come se non bastasse quest'anno Samsung ha scelto un chip Qualcomm per il tab 4, quando lo scorso anno montavano un atom.
cdimauro20 Aprile 2014, 11:34 #3
Originariamente inviato da: Vash_85
Quindi intel si è persa pure il vantaggio che aveva accumulato negli anni sul pp?

Lasciamo che escano i primi prodotti a 14nm FinFET, e poi ne riparliamo. Finora ci sono soltanto annunci.

Fermo restando il fatto che se ci sono tanti interessi su questo processo produttivo, vuol dire che anti-economico non è di sicuro.
Se voleva competere contro arm nel mercato mobile con gli atom le era restata oramai solo la carta del pp...

Non mi pare.
Come se non bastasse quest'anno Samsung ha scelto un chip Qualcomm per il tab 4, quando lo scorso anno montavano un atom.

Vero. Ma Samsung non è l'unico partner.
Vash_8520 Aprile 2014, 11:46 #4
Originariamente inviato da: cdimauro
Vero. Ma Samsung non è l'unico partner.


Oddio... perdere il partner che da solo detiene qualcosa come l'85% del mercato dei tab su base android non credo che porti chissà quali vantaggi.... ma probabilmente sono io che non riesco a vedere più in la del mio naso, e sicuramente intel sa già come piazzare i 40 mln di chip che si era prefissata di vendere entro fine anno.
cdimauro20 Aprile 2014, 11:50 #5
Di certo non rimarrà ferma, visto gli obiettivi che s'è data.
coschizza23 Aprile 2014, 10:11 #6
Originariamente inviato da: Vash_85
Quindi intel si è persa pure il vantaggio che aveva accumulato negli anni sul pp? Se voleva competere contro arm nel mercato mobile con gli atom le era restata oramai solo la carta del pp...
Come se non bastasse quest'anno Samsung ha scelto un chip Qualcomm per il tab 4, quando lo scorso anno montavano un atom.


intel produce le cpu gli altri per ora danno annunci e parlano di ipoteticeh date di lancio quando la storia insegna che fra un la ncio e una produzione di massa passa davvero tanto.

Il vantaggio di intel era di circa 2-3 anni prima e resta tale oggi, quindi è immutato. Senza considerare che intel produce cpu con la tecnologia piu attuale in formato LP e HP mentre gli altri anniìunciano solo versioni LP che coprono solo la fascia di mercato mobile e non quella ad alte prestazioni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^