Ryzen Threadripper 5000: nuove conferme sulle CPU enthusiast di AMD

Ryzen Threadripper 5000: nuove conferme sulle CPU enthusiast di AMD

I processori Tyzen Threadripper basati su architettura Zen 3 debutteranno entro la fine dell'anno, mantenendo il numero massimo di core agli attuali 64 ma sfruttando i benefici della nuova architettura

di pubblicata il , alle 14:11 nel canale Processori
RyzenZenThreadripperAMD
 

Nella gamma di processori AMD Ryzen della famiglia 5000 manca al momento all'appello una tipologia di processori: parliamo ovviamente di quelli Ryzen Threadripper, soluzioni destinate all'utilizzo nelle workstation più potenti che offrono il più elevato numero di core tra i processori AMD Ryzen.

Nel corso del 2021 ci sarà il debutto della nuova generazione di processori Ryzen Threadripper, indicati con la serie numerica 5000 al pari dei modelli standard ora in commercio. Per queste CPU troveremo quindi architettura Zen 3, con tecnologia produttiva a 7 nanometri e stesso socket adottato anche con le schede madri pensate per i modelli Threadripper 3000 ora in commercio.

La gamma sarà composta da due famiglie di processori: a quelli Ryzen Threadripper standard si affiancheranno le CPU Ryzen Threadripper PRO, dotate di controller memoria a 8 canali contro i 4 canali delle proposte Ryzen Threadripper tradizionali e di controller PCI Express Gen 4.0 dotato di un massimo di 128 linee. Facile attendersi un balzo in avanti delle prestazioni a parità di core rispetto ai modelli della serie 3000 ora in commercio, in virtù delle innovazioni architetturali introdotte da AMD con l'architettura Zen 3.

ryzen_threadripper_3000_720.jpg

I processori Ryzen Threadripper continueranno a venir abbinati alle schede madri dotate di socket sTRX4, mentre quelli Ryzen Thredripper Pro dovranno essere utilizzati con schede madri dotate di socket sWRX8. Il numero massimo di core integrati continuerà a restare quello di 64,con versioni a 32 e 24 core per la famiglia Ryzen Threadripper e soluzioni anche con 16 oppure 12 core per le versioni Ryzen Threadripper PRO.

Non cambierà il TDP dei processori, sempre pari quale massimo a 280 Watt; facile quindi ipotizzare che AMD non richiederà modifiche nel sistema di raffreddamento abbinato a questi processori, con dissipatori ad aria e kit a liquido che potranno quindi essere riutilizzati anche con le nuove CPU.

Non resta ora che attendere il momento di annuncio di questi processori; mancano informazioni ufficiali a riguardo ma è ipotizzabile che AMD possa presentare questi processori nel corso del quarto trimestre 2021, dando priorità alla gamma Ryzen Threadripper.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^