RotaryWave: generatore di clock rivoluzionario?

RotaryWave: generatore di clock rivoluzionario?

Un nuovo tipo di generatore di clock permetterebbe di realizzare processori dal consumo energetico contenuto, risparmiando fino al 75% dell'energia necessaria

di pubblicata il , alle 16:05 nel canale Processori
 

Una delle sfide più ardue che le realtà coinvolte nella progettazone dei moderni processori si trovano a dover affrontare è quella del contenimento del consumo energetico. Nonostante gli sforzi di Intel e AMD di proporre soluzioni cosiddette "low power", una CPU continua a rappresentare un elemento caratterizzato da un consumo energetico particolarmente elevato.

Secondo alcuni studi recenti, pare che più della metà del fabbisogno energetico di un processore sia destinata al funzionamento del dispositivo (oscillatore) che si occupa di generare il segnale di clock per la sincronizzazione di tutte le operazioni svolte dal processore.

Tale dispositivo, infatti, è un particolare circuito elettronico in grado di generare (semplificando di molto il discorso) un segnale elettrico periodico che indica i circuiti logici del processore il momento in cui è possibile scambiarsi le informazioni o, detto in altri termini, è i segnale che sancisce il momento in cui possono essere ritenuti validi i segnali di input dei vari circuiti. La frequenza con la quale viene emesso tale segnale è comunemente conosciuta con il nome di "velocità di clock" ed è indicata in hertz e multipli di hertz ed è quel numerino che spesso conduce numerosi "celoduristi" dell'overclock a profondi problemi esistenziali derivati dall'ansia da prestazione.

Come detto precedentemente, l'energia utilizzata per gernerare questo segnale periodico ammonta a più della metà dell'energia necessaria per il funzionamento del processore. Una possibile strada, quindi, per abbattere il consumo energetico può essere quella di trovare un metodo alternativo per sincronizzare gli elementi del processore.

Ed è a questo punto che entra in gioco Multigig Inc. una piccola azienda californiana che ha studiato una particolare tecnica per approntare un nuovo tipo di generatore di clock in grado di risparmiare fino al 75% dell'energia utilizzata da un generatore di clock tradizionale.

Si tratterebbe di un oscillatore "a rotazione" (rotary oscillator) chiamato RotaryWave. Questo oscillatore farebbe uso di una struttura quadrata e ciclica (square loop) che, in virtù proprio di quest'ultima caratteristica, permetterebbe il riutilizzo di gran parte dell'energia impiegata per il funzionamento. Un utilizzo tipico di questo tipo di struttura, utilizzo attualmente in fase di studio e di test, è quello di una sorta di griglia composta da questi "square loop" in grado di sincronizzarsi tra di loro in modo autonomo. Le informazioni disponibili sono comunque piuttosto sommarie, ma sono sufficienti per dare un'idea di massima del principio di funzionamento di tale tecnologia.

La tecnologia RotaryWave permetterebbe inoltre di risolvere il problema dello "skew", ovvero della differenza temporale con la quale i segnali generati dai clock convenzionali giungono ai diversi circuiti logici. Si tratta di un problema che pregiudica la precisione del clock soprattutto a frequenze elevate.

Multigig attualmente sta dialogando con alcuni produttori di chip per cercare di fornire le licenze d'uso per tale tecnologia, dal momento che è compatibile con tutti i più diffusi processi di produzione dei chip, quali SiGE, SoI e CMOS.

Per maggiori informazioni segnaliamo il sito ufficiale di Multigig.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gianni187910 Maggio 2006, 16:11 #1
bella notizia davvero!
sarebbe una bella soluzione per ridurre i consumi...
R@nda10 Maggio 2006, 16:12 #2
Queste invenzioni però sono sempre frutto "di una piccola azienda Californiana".
Però sarebbe un bel passo in avanti, sia in risparmio energetico che in prestazioni .
Redvex10 Maggio 2006, 16:18 #3
In compenso le vga continueranno a consumare sempre di +
RadeonDexter10 Maggio 2006, 16:20 #4

domanda da ignorante

ma ke serve risparmiare un po di energia elettrica quando cmq tra computere e monitor si consumano all'incirca 250 - 300 watt e si è arivati al punto che si montano 2 sk video il sli collegate a loro volta cn lo spinotto di alimentazione delle periferiche...??

magari in altri campi può aavere un senso tipo se si usano su navicelle spaziali o robe così dove è importante risparmiare ogni singolo milliampere ma per i computer secondo me è un risparmio abb inutile....

grazie x delucidazioni!

ciauz!!

liviux10 Maggio 2006, 16:21 #5
quel numerino che spesso conduce numerosi "celoduristi" dell'overclock a profondi problemi esistenziali derivati dall'ansia da prestazione


Pura poesia!
soft_karma10 Maggio 2006, 16:22 #6
Non sarebbe inoltre un modo per continuare a salire con le frequenze dei processori? Se non ho capito male dato che il problema principale con frequenze alte è l'assorbimento, e quindi il calore generato, con questa tecnologia si potrebbero superare i limiti attualmente raggiunti.
R@nda10 Maggio 2006, 16:24 #7
Originariamente inviato da: RadeonDexter
ma ke serve risparmiare un po di energia elettrica quando cmq tra computere e monitor si consumano all'incirca 250 - 300 watt e si è arivati al punto che si montano 2 sk video il sli collegate a loro volta cn lo spinotto di alimentazione delle periferiche...??

magari in altri campi può aavere un senso tipo se si usano su navicelle spaziali o robe così dove è importante risparmiare ogni singolo milliampere ma per i computer secondo me è un risparmio abb inutile....

grazie x delucidazioni!

ciauz!!


Si ma tu pensa a sistemi di calcolo cluster dove ci sono 5mila CPU anche 10 schifosissimi Watt fanno una bella differenza!
NAM_Xavier10 Maggio 2006, 16:24 #8
ehehhe .... "celoduristi".... non è molto giornalistico....ma rende alla perfezione l'idea!!

Bravo Andrea
stalker17010 Maggio 2006, 16:32 #9
nell'articolo viene scritto che il generatore di clock "si occupa di generare il segnale di clock per la sincronizzazione di tutte le operazioni svolte dal processore". Se questo nuovo tipo di generatore può sembrare innovativo può darsi che possa permettere di avere maggiore stabilità alle alte frequenze data la sua capacità di "sincronizzazione delle operazione svolte dalla cpu", o sbaglio????
pisto10 Maggio 2006, 16:32 #10
non ho capito un ciulo sul funzionamento

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^