Rocket Lake, Intel risponderà ai Ryzen Zen 3 solo a marzo 2021?

Rocket Lake, Intel risponderà ai Ryzen Zen 3 solo a marzo 2021?

Secondo due fonti distinte, le nuove motherboard Intel serie 500 e le CPU Rocket Lake arriveranno solamente a marzo 2021, a distanza di mesi dalle soluzioni Ryzen basate su architettura Zen 3.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Processori
IntelCoreRocket Lake
 

Per molto tempo nei mesi scorsi si è vociferato del possibile arrivo dei nuovi processori Intel Core di undicesima generazione "Rocket Lake" per il comparto desktop entro fine anno, in modo da rispondere ai processori Ryzen basati su architettura Zen 3 che AMD si appresta a svelare domani.

L'uscita dei Core di decima generazione "Comet Lake" a maggio non deponeva a favore di tali tempistiche, troppo ristrette e per questo in molti pronosticavano la presentazione delle CPU Rocket Lake a gennaio 2021, in occasione del CES 2021. Ebbene, secondo quanto riportato da Videocardz e HDTecnologia, bisognerà aspettare fino a marzo 2021 per una nuova linea di CPU desktop Intel.

Le proposte Rocket Lake, come già appurato da diverso tempo, saranno compatibili con le attuali schede madre serie 400 con socket LGA 1200, e sebbene prodotte nuovamente con processo produttivo a 14 nanometri, offriranno supporto al PCI Express 4.0 e un'architettura totalmente rinnovata, probabilmente un riadattamento dei core Willow Cove identificato dal nome in codice Cypress Cove e una GPU basata su architettura Xe. Intel trasporterà quindi le fondamenta di Tiger Lake in ambito desktop, con miglioramenti prestazionali prevedibili, anche se probabilmente meno marcati a causa del riadattamento al vecchio processo produttivo.

Le CPU Rocket Lake inserite in quelle motherboard serie 400 di cui i produttori hanno pubblicizzato il supporto PCIe 4.0 consentiranno di usare un SSD PCIe 4.0 grazie al collegamento diretto alla CPU, ma arriverà anche una nuova serie di motherboard serie 500 (Z590, H570, B560, H510 e W580) con un supporto PCIe 4.0 esteso anche alla scheda video. Per quanto riguarda la gamma di CPU, al momento non ci sono informazioni precise, ma sembra che l'offerta si fermerà a 8 core e 16 thread con un TDP di 125W, a fronte degli attuali Core di decima generazione caratterizzati da un massimo di 10 core e 20 thread.

Per quanto riguarda il settore HEDT, dove Intel ha storicamente proposto le soluzioni Core X, non sembra siano previste novità almeno per i prossimi otto mesi, il che lascia campo totalmente libero ad AMD e ai suoi Ryzen Threadripper. Campo libero che comunque AMD avrebbe almeno fino a marzo 2021 anche per i nuovi Ryzen. A proposito di AMD, HDTecnologia afferma che le CPU Zen 3 non saranno accompagnate da nuovi chipset, lasciando così la situazione immutata.

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
qboy07 Ottobre 2020, 11:26 #1
Nessun problema, bastano i fanboys Intel di questo sito a farli campare per qualche anno
kabuby7707 Ottobre 2020, 11:33 #2
I fanboys ci sono da tutte le parti. Il problema è che tutte le persone che non sono esperte di tecnologia seguono i consigli di chi vende o scelgono fra quello che trovano. Ovviamente intel dispone di un vasto parco di assemblatori, per cui se vai al centro commerciale e trovi 10 pc intel fra cui scegliere, cosa scegli?
gigioracing07 Ottobre 2020, 11:39 #3
se usano la stessa architettura della serie vecchia o anche un 10% superiori dovranno farli andare a 6ghz per star dietro a AMD
mackillers07 Ottobre 2020, 11:41 #4
Era abbastanza immaginabile, se fossero usciti a novembre ad esempio sarebbero passati solamente 7 mesi dopo il lancio della serie 10000.
oltre a ciò la serie 10000 ha avuto molti problemi di disponibilità limitate nei primi mesi dal lancio in questo sfortunatissimo anno di pandemia.

AMD se è riuscita a produrre delle buone scorte di CPU ha a disposizione circa 6 mesi per capitalizzare un forte margine prestazionale e guadagnare quote di mercato.

temo però che questo farà aumentare i prezzi medi dei loro prodotti, un pò perché AMD trovandosi in vantaggio su tutti i fronti (prestazioni single core, maggior numero di core, piattaforma più rodata e completa, consumi e temperature più basse.) non avrà bisogno di fare la guerra sui prezzi e potrebbe aumentarli un pò rispetto alla serie 3000.
oltre a ciò se queste CPU manterranno le promesse probabilmente verranno prese d'assalto e si potrebbe ripresentare in piccolo la situazione che viviamo adesso con le RTX 3000, molta richiesta, poca disponibilità e mancanza di concorrenza.. temo che i negozio se ne approfitteranno un pò per aumentare i loro , generalmente bassi, margini di guadagno.
mackillers07 Ottobre 2020, 11:44 #5
Originariamente inviato da: gigioracing
se usano la stessa architettura della serie vecchia o anche un 10% superiori dovranno farli andare a 6ghz per star dietro a AMD


è già sicuro che useranno un architettura basata su quella Willow Cove dei Tiger Lake. questo dovrebbe garantire un sensibile guadagno in IPC. casomai il problema potrebbe stare nel processo produttivo 14nm che non sappiamo se permetterà ad intel abbinato a questa nuova e più complessa architettura di mantenere i soliti picchi di clock di 5ghz.
o magari il processo produttivo lo permetterebbe ma l'architettura per come è costruita no.
è tutto da vedere ma sicuramente sarà un bel passo avanti per Intel.

probabilmente simile a quello a cui assisteremo dal lato AMD nel passaggio da ZEN 2 a ZEN 3.

p.s. ma come mai Intel incasina così tanto le proprie line prodotto mobile rilasciando diverse architetture su diversi processi produttivi.. faccio davvero molta più fatica a seguire le news su intel rispetto a quelle di AMD.
Mparlav07 Ottobre 2020, 12:07 #6
Quindi gli Zen3 desktop dovrebbero avere un 5 mesi di confronto con gli attuali Comet Lake-S,
Poi i Rocket Lake-S disponibili intorno ad aprile 2021, si confronteranno per diversi mesi con gli Zen3.

Alder Lake-S 10nm veniva dato da Intel [U]https://s21.q4cdn.com/600692695/fil...ngs-Release.pdf[/U], per l'H2/2021.
Il prossimo report finanziario sarà il 22 ottobre, vedremo se ci sono aggiornamenti in tal senso, ma appare un po' strano che possano sostituire il Rocket Lake-S entro l'anno.
Certo potrebbero rimanere insieme in commercio, considerato che adottano 2 diversi processi produttivi e piattaforme.

Secondo me, sia Alder Lake-S che gli Zen4, entrambi nuovi chipset, socket DDR5 ed architetture, si marcheranno stretti nel Q1 2022.
pierpox07 Ottobre 2020, 12:09 #7
"Per quanto riguarda il settore HEDT, dove Intel ha storicamente proposto le soluzioni Core X, non sembra siano previste novità almeno per i prossimi otto mesi".Ho la sensazione che Intel nel HEDT ormai abbia tirato i remi in barca e che quel segmento lo lasci definitivamente nelle mani di AMD e alla sue proposte da 24 core in su...
cicastol07 Ottobre 2020, 12:21 #8
Originariamente inviato da: mackillers
temo però che questo farà aumentare i prezzi medi dei loro prodotti, un pò perché AMD trovandosi in vantaggio su tutti i fronti (prestazioni single core, maggior numero di core, piattaforma più rodata e completa, consumi e temperature più basse.) non avrà bisogno di fare la guerra sui prezzi e potrebbe aumentarli un pò rispetto alla serie 3000.

AMD deve ancora guadagnare quote di mercato, quindi deve ancora mantenere un migliore rapporto prestazioni/prezzo su Intel, sicuramente i prezzi consigliati saranno gli stessi di adesso o alla peggio poco superiori ma non penso.
noppy107 Ottobre 2020, 13:06 #9
Questa mossa per me rivela molto, dice che i 14nm sono al limite e non ci si può investire molto e che viene messo in secondo piano il segmento HEDT e anche il desktop per prestazioni , infatti è chiaro che queste CPU faranno concorrenza alla APU ZEN3 e non alle CPU che AMD presenterà domani altrimenti mettere su tutte le CPU una GPU come Xe (secondo me la produrranno a 10nm creando un chip ibrido 14-10) porta via un sacco di spazio sul chip infatti anche AMD ferma a 8 i core per le APU. E' chiaro che in questo momento a intel interessi vendere APU agli OEM (sia notebook che desktop) e puntare sullo sviluppo dei processori server sotto i 14nn, mercato che ha più inerzia nel cambiamento rispetto agli altri ma dove se guadagni mercato sono un mucchio di soldi e dove AMD è ancora lenta nella penetrazione ( gli Epyc 1 sono stati abbastanza snobbati )
Vul07 Ottobre 2020, 13:50 #10
Quando scrissi nel 2017 che cpu desktop vere ad un processo diverso dai 14nm Intel non se ne sarebbero viste prima del 2022, minimo, e che Intel fosse alla frutta lato fonderie nessuno mi credeva.

Sinceramente, ora come ora, non credo che nei prossimi 24 mesi Intel possa lanciare cpu competitive su desktop.

Se e` vero il rumor che le prossime cpu AMD incrementano parecchio l'ipc e che vanno di piu` anche in ambito gaming voglio proprio vedere cosa si inventera` Intel.

Sicuramente fra contratti, nome, ecc continuera` a vendere di piu` per i prossimi tre-quattro, ma senza rinnovamento tecnologico e produttivo mi sembrano destinati a morire.

AMD oramai e` nettamente piu` performante sia su server, che desktop che mobile e offre di gran lunga un rapporto prestazioni/prezzo (e consumi) piu vantaggioso.

Mi domando quanti si continueranno ad attaccare al fatto che la cpu Intel di turno da 500 euro fa piu` fps su giochi e risoluzioni irrilevanti..Come se uno spendesse tutti quei soldi per fare 500 anziche` 460 fps..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^