Riduzione di prezzo per i processori Intel Sandy Bridge

Riduzione di prezzo per i processori Intel Sandy Bridge

Calo dei listini per i produttori taiwanesi, così da meglio promuovere le proprie soluzioni notebook in attesa del debutto delle CPU appartenenti alla famiglia Ivy Bridge

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:11 nel canale Processori
Intel
 

Il debutto sul mercato delle CPU Intel della famiglia Ivy Bridge, le prime costruite con tecnologia produttiva a 32 nanometri, è atteso non prima del mese di Aprile 2012. In genere Intel ha sempre annunciato nuove architetture di processore in concomitanza con il CES di Las Vegas, evento che si tiene nelle prime settimane di Gennaio.

Quest'anno la dinamica di presentazione delle nuove architetture di CPU sarà differente, complice presumibilmente le difficoltà legate ad una tecnologia produttiva così sofisticata come quella a 22 nanometri.

Proprio per tenere viva la domanda di mercato nei primi 3 mesi dell'anno, in mancanza di evidenti novità dal versante processori, Intel prevede di praticare una riduzione nei listini di alcuni dei propri processori della serie Sandy Bridge, appartenenti alle famiglie Core i5 e Core i3.

Stando alle informazioni rese disponibili dal sito Digitimes a questo indirizzo, i produttori di notebook asiatici starebbero già operando una riduzione dei propri listini agendo proprio in forza di una lieve riduzione nei prezzi dei processori, quantificata tra il 10% e il 15%. Dinamica simile è quella che si prevede per le soluzioni Ultrabook, attese ad una riduzione nei prezzi a partire da Gennaio 2012 con listini che dovrebbero partire da circa 800 dollari.

Le soluzioni Ivy Bridge arriveranno solo nel corso della primavera, con livelli di prezzo che dovrebbero di fatto essere coincidenti con quelli delle soluzioni Sandy Bridge di simili caratteristiche tecniche. Anche per questo motivo una riduzione nei prezzi di queste ultime proposte, negli ultimi mesi di "vita utile" sul mercato prima di venir sostituite da quelle Ivy Bridge, è dinamica che potrà aiutare una ripresa degli acquisti da parte dei consumatori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ulk22 Dicembre 2011, 11:13 #1
Peccato che l'iva sarà al 23% e che nessuno si accorgerà della riduzione di prezzo in pratica, per non parlare del modus operandi di tanto rivenditori italiani...
Foglia Morta22 Dicembre 2011, 11:20 #2
Originariamente inviato da: ulk
Peccato che l'iva sarà al 23% e che nessuno si accorgerà della riduzione di prezzo in pratica, per non parlare del modus operandi di tanto rivenditori italiani...


Al 23% ci arriva a Settembre 2012 se ricordo bene... o hanno modificato qualcosa ?
michael1one22 Dicembre 2011, 11:22 #3
ma no l'iva del 23% sarà a settembre
Jackari22 Dicembre 2011, 11:30 #4
Originariamente inviato da: michael1one
ma no l'iva del 23% sarà a settembre


Originariamente inviato da: ulk
Peccato che l'iva sarà al 23% e che nessuno si accorgerà della riduzione di prezzo in pratica, per non parlare del modus operandi di tanto rivenditori italiani...


veramente in questo campo pare che l'iva incida ben poco
peterpan7022 Dicembre 2011, 11:42 #5
In italia il brand sara' IVA Bridge? ;-)
AleLinuxBSD22 Dicembre 2011, 11:46 #6
Supponendo che la riduzione di prezzo sarà riservata solo ad alcuni modelli non K, che sarà effettivamente del 10-15%, sono curioso di vedere se l'utente finale la vedrà per intero oppure in misura risibile (tipo 1-2 %).
Gli aumenti dell'Iva sono sempre seguiti da arrotondamenti (verso l'alto).
Se poi la riduzione dei prezzi sarà effettuata solo sui modelli di fascia media, considerando il loro prezzo di partenza già elevato, difficilmente una riduzione lato cliente, risibile, comporterà scelte d'acquisto differenti.
Con un 15 % di riduzione, effettivo, la cosa invece potrebbe farsi più interessante.
Juanito.8222 Dicembre 2011, 12:02 #7
ma Ivy Bridge non saranno le prime CPU a 22 nanometri?
piccolo errore nell'articolo o la mia memoria ha deciso di saltare completamente?
9joker622 Dicembre 2011, 12:22 #8
@ Juanito

penso tu abbia ragione, sono a 22nm non 32...
User11122 Dicembre 2011, 13:11 #9
ecco, quello che voglio sentire, riduzione per i processori intel 32nm

ps: niente riduzione per il core i7? solo notebook? niente desktop?
Elnotaro22 Dicembre 2011, 13:22 #10
Queste riduzioni sono proprio ciò che ci voleva.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^