Raggi laser per interconnessioni tra CPU

Raggi laser per interconnessioni tra CPU

Lightfleet annuncia una particolare tecnologia che prevede l'impiego di raggi laser per eliminare i colli di bottiglia nel trasferimento di dati interno ad un sistema

di pubblicata il , alle 08:27 nel canale Processori
 

Lightfleet è un'azienda nata nel corso del 2003 con l'obiettivo di sviluppare tecnologie ottiche, che facciano uso delle proprietà della luce, per l'implementazione nei moderni sistemi di computazione. In particolare Lightfleet mira a realizzare soluzioni in grado di eliminare i colli di bottiglia del trasferimento di dati e informazioni all'interno dei computer.

E' di questi giorni l'annuncio dell'azienda relativo allo sviluppo di un particolare sistema di comunicazione e trasferimento dati tra le CPU di sistemi multivia in grado di sfruttare i raggi laser che si pone l'obiettivo primario di evitare la fisiologica congestione delle trasmissioni che si verifica in un normale sistema di comunicazione "cablato" quando in esso si trova a fluire una abbondante mole di dati. In queste situazioni, infatti, l'interscambio di dati tra processori diventa un vero e proprio freno alla velocità teorica alla quale i processori sono in grado di poter elaborare i dati.

L'impiego del laser per questo genere di applicazioni risulta però essere differente da quanto avviene normalmente con le attuali tecnologie. Anziché utilizzare la fibra ottica, infatti, Lightfleet ha messo a punto un sistema di lenti e specchi in grado di indirizzare il fascio di luce attraverso percorsi predefiniti. Ogni processore sarà provvisto di un trasmettitore laser e di un sensore ricevente che si occuperà di interpretare le informazioni inviate dagli altri chip.

La caratteristica peculiare di questo sistema è rappresentata dalla capacità di ogni processore di inviare simultaneamente le proprie informazioni a tutti gli altri, informazioni che saranno recepite solamente dal/i chip destinato/i a riceverle, tramite una particolare informazione identificativa trasmessa, sempre mediante il laser, assieme all'informazione principale. Corowave, questo il nome della tecnologia, risulta particolarmente idonea in sistemi in cui elevati volumi di informazioni e dati necessitano di essere acquisiti ed elaborati in tempo reale.

Corowave, a detta di Lightfleet, risulterebbe anche di più economica realizzazione e implementazione rispetto alle tecnologie che utilizzano fibra ottica. La nuova tecnologia sarà implementata in una nuova linea di server, equipaggiati con 32 processori dual core forniti da Intel, che sarà messa sul mercato nel corso della prossima estate. Il costo del sistema non è però stato ancora comunicato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick10 Marzo 2007, 09:28 #1
Gia' gia' il mio prof di optoelettronica ha consigliato di prendere come esame della specialistica "micro optoelettronica per la realizzazione dei circuiti" ma non so se lo faro' dipende dal prof... :/

Cmq figo, e' il futuro...
Rubberick10 Marzo 2007, 09:29 #2
Sta a vedere che se la soluzione e' buona la cray si compra il brevetto... se ogni computer li lavora con scemi scemi 20000 processori...
}DrSlump{10 Marzo 2007, 10:25 #3
Originariamente inviato da: Rubberick
Gia' gia' il mio prof di optoelettronica ha consigliato di prendere come esame della specialistica "micro optoelettronica per la realizzazione dei circuiti" ma non so se lo faro' dipende dal prof... :/

Cmq figo, e' il futuro...


Personalmente mi sto occupando di cristalli fotonici, e ti assicuro che l'argomento è molto interessante: non si tratta solo di collegare cpu con raggi laser, ma creare dispositivi fotonici.
Cecco BS10 Marzo 2007, 10:33 #4
è positivo che nella news si parli già di commercializzazione prossima... di solito quando si tratta di notizie riguardanti innovazioni tecnologiche di una certa entità si è sempre molto nebulosi per quanto riguarda la applicazioni commerciali...
RICKYL7410 Marzo 2007, 12:10 #5
Immagino tutto ciò al servizio desktop, a quando un PC con questa tecnologia


IN TANTO:
La nuova tecnologia sarà implementata in una nuova linea di server, equipaggiati con 32 processori dual core forniti da Intel, che sarà messa sul mercato nel corso della prossima estate. "Il costo del sistema non è però stato ancora comunicato."

??????? paura!!!! "non lo voglio sapere"
OverCLord10 Marzo 2007, 12:49 #6
Se non lo fanno in fibra vedo un nemico:

LA POLVERE!!!

Rubberick10 Marzo 2007, 12:53 #7
basta energizzare i laser tanto da fondere la polvere circostante...

















ghgh ovviamente scherzo andremmo contro il principio della low energy alimentation...

+ttosto dubito fortemente ci saranno problemi di polvere, il tutto dovrebbe essere allo stato microscopico e possibilmente integrato nel silicio...
gabi.243710 Marzo 2007, 13:12 #8
Che dite, se ci finisce la polvere lì dentro vuol dir che tutto il dispositivo è smontato/rotto/andato a donne di malaffare?
OverCLord10 Marzo 2007, 13:14 #9
Se non lo fanno in fibra vedo un nemico:

LA POLVERE!!!

luckye10 Marzo 2007, 13:41 #10
Ma quanto durerà il diodo che emetterà il fascio ? Resistenza agli urti ? eventuali impurità interne ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^