Quattro nuovi processori Mobile per Intel

Quattro nuovi processori Mobile per Intel

Intel amplia la propria gamma di processori Pentium 4 Mobile e Celeron M

di pubblicata il , alle 09:55 nel canale Processori
Intel
 

Intel annuncia quattro nuovi processori destinati al mercato mobile, appartenenti alle macrofamiglie Pentium 4 Mobile con processo produttivo a 90 nm e 1 MB di cache L2 e Celeron M. i modelli Pentium 4 Mobile, con processor number 538, 532 e 518 dalle frequenze operative rispettivamente di 3,2 GHz, 3,06 GHz e 2,8 GHz, supporto alla tecnologia SpeedStep e Hyper-Threading, sono destinati all'utilizzo su soluzioni Desktop Replacement.

Il processore della famiglia Celeron M, invece, indicato dal processor number 340, dispone di una frequenza operativa di 1,5 GHz, 512 KB di cache di secondo livello e bus di sistema a 400 MHz.

In lotti da 1.000 unità, i processori Intel Pentium 4 Mobile 538, 532 e 518 sono offerti rispettivamente al prezzo di 294, 234 e 202 dollari USA, mentre il processore Intel Celeron M 340 è disponibile al prezzo di 134 dollari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
atomo3704 Giugno 2004, 10:17 #1
possibile che i P4 mobile siano arrivati già a 3,2ghz???
velociraptor6804 Giugno 2004, 10:25 #2
Forse per il mobile Intel è riuscita a proporre delle alternative valide in termini di consumo, ma per i desktop mi sembra che stia adottando delle strategie poco felici.
Di mio posso dire che ho sempre prediletto chipset Intel perché erano più supportati e quindi più stabili, ma Via in accoppiata con AMD mi sembra che sia maturata in tanti anni e AMD stessa con l'Athlon64 abbia dimostrato che i Mhz non sono tutto. Conclusione il prossimo processore sarà AMD sicuramente.
Lauro04 Giugno 2004, 10:51 #3
Per me ci stanno prendendo in giro. Riducendo le dimensioni del chip e alimentazione hanno spinto di più la frequenza ma in sostanza nn è cambiato nulla nell'architettura di base ed è quella che fa consumare un casino di potenza e genera molto calore.
dvd10004 Giugno 2004, 10:51 #4
ma il celeron m è un dothan con meno cache?
Spectrum7glr04 Giugno 2004, 11:10 #5
Originariamente inviato da dvd100
ma il celeron m è un dothan con meno cache?


sicuramente è un derivato dei Pentium-M, ma la news non specifica se il processo produttivo è a 90 (banias) o a 130 (dothan) nm
lucusta04 Giugno 2004, 11:19 #6
sul sito c'e' scritto che e' a 0.13, percio' e' probabile che sia un banias con mezza caches

http://www.intel.com/products/processor_number/info.htm
il che non dovrebbe essere nemmeno tanto male, anche se ha la meta' della potenza del dothan nuovo;
SirCam7704 Giugno 2004, 11:21 #7
Nella news è scritto che la cpu è a 90nm
Symonjfox04 Giugno 2004, 11:32 #8
In più il celeron M NON ha l'enhanched speedstep, quindi oltre ad andare meno di un Dothan, consuma di più (25W costanti, sono pochi, però è uno spreco visto che il Pentium M può consumare ancora meno quando non serve).

Secondo me il processo produttivo 0.09 consuma parecchio solo se si utilizzano frequenze > di 3 Ghz e l'architettura del P4 (non parliamo poi del prescott). Infatti il dothan ha gli stessi consumi del banias, anche se ha frequenze di utilizzo superiori.
JoJo04 Giugno 2004, 11:54 #9
Originariamente inviato da velociraptor68
Forse per il mobile Intel è riuscita a proporre delle alternative valide in termini di consumo, ma per i desktop mi sembra che stia adottando delle strategie poco felici.


"Secondo quanto riporta the Inquirer, alcuni produttori di notebook starebbero incontrando problemi nel proporre soluzioni basate su processori Intel Pentium 4 Prescott.

Il problema sarebbe la dissipazione del calore generato dal Prescott.

I 103W dissipati dal Pentium 4 Prescott sarebbero infatti difficili da gestire, visto che i dissipatori che sarebbero necessari a garantire temperature accettabili, mal si adatterebbero ai ristretti spazi notoriamente a disposizione nei notebook."


Fonte: SWZone e The Inquirer
KAISERWOOD04 Giugno 2004, 12:04 #10
Originariamente inviato da Lauro
Per me ci stanno prendendo in giro. Riducendo le dimensioni del chip e alimentazione hanno spinto di più la frequenza ma in sostanza nn è cambiato nulla nell'architettura di base ed è quella che fa consumare un casino di potenza e genera molto calore.


non è solo la frequenza, ci sono altri fattori infatti un northwodo a apri frquenza con un prescott consuma di - e va di + nonostante il processo cotruttivo è il vecchio 0,13.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^