Qualcomm Centriq 2400 è ufficiale: la prima serie di CPU per server di Qualcomm

Qualcomm Centriq 2400 è ufficiale: la prima serie di CPU per server di Qualcomm

Qualcomm ha ufficializzato la prima serie di CPU per server da impiegare nei datacentre: chiamata Centriq 2400, offre fino a 48 core operanti a 2,6 GHz e prestazioni per watt superiori (sulla carta) alle controparti Intel

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Processori
Qualcomm
 

Qualcomm ha annunciato in via ufficiale il via alla commercializzazione dei suoi primi processori destinati al mercato server: i Qualcomm Centriq 2400. La nuova famiglia di processori è pensata per competere con Intel Xeon e AMD EPYC e fa dell'efficienza energetica uno dei principali punti a favore assieme al rapporto prestazioni/consumi.

La serie Qualcomm Centriq 2400 è composta da chip monolitici prodotti da Samsung con processo FinFET a 10 nm con 18 miliardi di transistor integrati in 398 mm2. Ogni processore può arrivare a contenere fino a 48 core; ciascun core ARMv8 a 64 bit è a singolo thread (non è quindi presente una tecnologia di simultaneous multi-threading) e opera a frequenze di clock fino a 2,6 GHz.

La connessione tra i vari core avviene con bus ad anello segmentato bidirezionale, con 250 Gbps di banda complessiva. Ogni coppia di core condivide 512 KB di memoria cache L2 e sono presenti fino a 60 MB di cache L3 condivisa tra tutti i core. L'interfaccia con la RAM, di tipo DDR4, avviene tramite sei canali ed è presente il supporto fino a 768 GB di memoria. La connessione con le periferiche avviene con 32 lane PCIe Gen3 e sei controller PCIe.

Qualcomm afferma che i consumi sono "inferiori a 120 watt" - un risultato che, coniugato con i dati prestazionali diffusi dall'azienda, renderebbe possibile la realizzazione di datacentre più efficienti e densi. Qualcomm afferma, infatti, che la punta di diamante Centriq 2460 offre prestazioni quattro volte superiori a parità di costo e un rapporto prestazioni/consumi superiore del 45% rispetto all'Intel Xeon Platinum 8180.

Come riportato dalla stessa Qualcomm nella presentazione, utilizzando il benchmark SPECint_rate2006 i suoi processori hanno un vantaggio competitivo rispetto alle controparti Intel che arriva al 45% nel caso del Centriq 2460, con un'area inferiore e una maggiore densità di transistor.

I processori Qualcomm Centriq sono predisposti per la virtualizzazione e sono compatibili con KVM, Xen e Docker; le principali distribuzioni Linux (Ubuntu, Red Hat, SuSE e CentOS) supportano già i processori e permettono di utilizzare una vasta parte del catalogo software già presente.

Qualcomm ha inoltre confermato che i processori Saphira saranno la prossima generazione di processori, chiamati Firetail. Non si sa ancora se questo sia il nome in codice della nuova famiglia o se sia una nuova linea di prodotti.

I primi processori sono già in corso di spedizione ai clienti, con prezzi che vanno da 888$ per il modello di fascia più bassa, il Centriq 2434 con 40 core, per arrivare a 1373$ per il Centriq 2452 a 46 core e a 1995$ per il Centriq 2460 a 48 core. La disponibilità viene al momento definita "limitata", con un maggior numero di unità che sarà consegnato nel corso del prossimo trimestre.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
H.D. Lion10 Novembre 2017, 12:55 #1
Ormai il panorama delle cpu odierne è diventata la "Sagra dei core" a chi ne offre di più, ma sono proprio necessari? Fino a ieri erano sufficienti 2 o al massimo 4 core adesso non più?
Mparlav10 Novembre 2017, 13:23 #2
Ci sono dei test preliminari qui:
https://hothardware.com/news/qualco...fare-benchmarks

il prestazioni/consumi è sicuramente interessante in certi ambiti d'utilizzo.
mikypolice10 Novembre 2017, 19:12 #3
#1 infatti è per server non per desktop...
Quindi se esiste una possibilità di aumentare le prestazioni abbassando i comsumi... beh che ben venga.. .
rockroll11 Novembre 2017, 05:10 #4
Originariamente inviato da: mikypolice
#1 infatti è per server non per desktop...
Quindi se esiste una possibilità di aumentare le prestazioni abbassando i comsumi... beh che ben venga.. .


Ottimo, sopratutto per evitare il monopolio Intel nel settore; ora c'è Centriq oltre ad Epyc ed al solito Xeon.
LMCH13 Novembre 2017, 15:23 #5
E' stato progettato specificatamente per server che fanno girare applicazioni cloud base, web serving e simili, quindi senza cose che non servono in tale ambito e che andrebbero ad incidere su consumi e costi.

La cosa da notare è che nulla vieta di svilupparne altri ottimizzati per "uso desktop" oppure per applicazioni "da supercomputer".

La cosa che fa più paura ad Intel non è un singolo produttore di cpu ARM che l'attacca su tutta la linea, ma l'erosione delle sue quote di mercato da più produttori di cpu ARM ognuno specializzato in varie nicchie, più o meno come e' già successo sul settore mobile/embedded.

Per ora l'unica cosa che avvantaggia davvero Intel sono i requisiti di retrocompatibilità con i software scritti per x86 già in uso.
Ma con Microsoft stessa che cerca di slegarsi dal vecchio software x86 ...
nickname8813 Novembre 2017, 16:27 #6
E' ottimizzato solo per un determinato settore, non è una cpu in grado di competere su tutti i campi coperti da Intel e AMD.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^