Processori Intel Tiger Lake-H35 per notebook gaming in arrivo a gennaio 2021

Processori Intel Tiger Lake-H35 per notebook gaming in arrivo a gennaio 2021

Attesi al debutto al CES 2021 nuovi notebook gaming abbinati a processori Intel Tiger Lake sempre con architettura quad core, ma che grazie al consumo più elevato offriranno maggiori prestazioni

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Processori
IntelCoreTiger Lake
 

Una delle novità attese per l'edizione 2021 del CES, che per via della pandemia si terrà solo in forma virtuale, è il lancio di nuovi processori Intel della famiglia Tiger Lake specificamente pensati per l'abbinamento con notebook gaming di fascia alta.

Queste CPU sono indicate con il nome di Tiger Lake-H35, differenziandosi dai modelli Tiger Lake di undicesima generazione per sistemi notebook ora in commercio per un consumo più elevato che aprirà spazio a prestazioni più elevate: lo segnala il sito Videocardz.

Il TDP di questi processori dovrebbe essere pari a 35 Watt, maggiore quindi di quello dei modelli Tiger Lake della serie U che hanno TDP di default pari a 15 Watt con possibilità di venir selezionato tra un minimo di 12 Watt sino ad un massimo di 28 Watt a seconda delle preferenze del produttore del notebook.

mobile-tiger-lake-intel_720.jpg

Questi processori manterranno architettura quad core, la stessa di quelli in commercio, beneficiando di frequenze di clock più elevate grazie al superiore TDP. In questo modo Intel potrà offrire soluzioni di ultima generazione in abbinamento ai nuovi notebook gaming previsti al debutto sul mercato, dotati delle nuove GPU NVIDIA GeForce RTX 3000 il cui lancio dovrebbe avvenire proprio al CES 2021.

Questi processori saranno affiancati, presumibilmente nel corso del secondo trimestre 2021, dalle proposte Tiger Lake-H con TDP pari a 45 Watt e architettura a 6 e 8 core a seconda della versione. Sarà mantenuto il processo produttivo a 10 nanometri e l'architettura di base, ma grazie al superiore consumo e al maggior numero di core queste CPU saranno abbinate a notebook gaming di fascia alta presumibilmente abbinati alle GPU più potenti.

I processori Tiger Lake di undicesima generazione sono utilizzati da vari notebook sottili in commercio; alcuni produttori hanno scelto di mettere a disposizione impostazioni di funzionamento che spingono il TDP anche oltre i 28 Watt da specifica ottenendo un netto incremento delle prestazioni con ovviamente ripercussioni in termini di consumo e rumorosità di funzionamento. I processori Tiger Lake-H35 di fatto spingeranno oltre questo approccio, sfruttando le potenzialità di questa architettura in abbinamento a sistemi di raffreddamento opportunamente dimensionati.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
yarhig28 Dicembre 2020, 08:51 #1

Brutti tempi per Intel molto per migliorare

Con le controparti ARM con punteggi banch mark senza precenti e il potenziale di ottimizzazione che il set di istruzioni offre Intel si troverà una concorrenza più forte che potrebbe nel lungo termine anche surclassarla ritrovandosi nel migliori delle ipotesi in stallo tenuto dalla operatività compatibile con alcuni programmi se non immetterà delle soluzioni in grado di contrastare ARM.
cdimauro28 Dicembre 2020, 09:43 #2
Per quanto brillanti siano i risultati dell'M1 di Apple, al monento non sono ancora in grado di sovrastare le soluzioni x86, Intel inclusa, in termini di pura prestazione (e mi riferisco esclusivamente alla componente CPU AKA i core Arm o x86/x64).
supertigrotto28 Dicembre 2020, 12:37 #3
AMD ha degli ottimi core, attualmente superiori ad Intel,l'unico neo resta la grafica integrata,ha ancora Vega o al massimo rdna 1 (quella della serie 5000),questo perché quando sviluppano le CPU notebook è quella che hanno già pronta in casa.
Ci stanno lavorando ma non è semplice.
Vediamo nel 2021/22 se il lavoro svolto da Keller riuscirà a pareggiare i conti.
sbaffo28 Dicembre 2020, 17:18 #4
@ cdimauro
mi interessa la tua opinione visto che sei esperto, io ho letto prove dove M1 svernicia gli x86 (sia amd che intel) in single core come ipc, in particolare su dday.it hanno fatto parecchi articoli con prove estese. Chiaramente restando sempre in ambito portatili, se lo confronti una cpu da 125w 10core a 5ghz certo che le prende.
Come performance per watt sembra non ci sia paragone, ma anche con le differenze di tdp che ci sono tra i portatili Mac intel e M1, circa il doppio, vinceva ancora M1 con distacco. Sembra anche che M1 abbia addirittura del margine prestazionale inespresso se alzasse il tdp a valori intel.

Poi vabbè i mac intel erano a 14nm e M1 a 5nm, facile vincere sul tdp, ma per ora è quello che c'è.
Nui_Mg28 Dicembre 2020, 18:40 #5
Sembra che la versione retail (probabile debutto al ces 2021) dell`Intel Core i7-11700K (8 core) batta il Ryzen 9 5950X in single core, 1807 vs 1672, nel geekbench5, sperem (concorrenza in primis).
cdimauro29 Dicembre 2020, 08:36 #6
Originariamente inviato da: sbaffo
@ cdimauro
mi interessa la tua opinione visto che sei esperto, io ho letto prove dove M1 svernicia gli x86 (sia amd che intel) in single core come ipc, in particolare su dday.it hanno fatto parecchi articoli con prove estese.

Un test l'ha fatto proprio questo sito con la recensione del MacBook Air con l'M1:
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Un altro usando Rosetta:
Link ad immagine (click per visualizzarla)
che ha prestazioni di circa il 30% inferiori (come riportato sempre dall'articolo), per cui se ti fai dei conti vedi che rozzamente rimane sotto.

Altri benchmark qui: Intel And AMD x86 Mobility CPUs Destroy Apple’s M1 In Cinebench R23 Benchmark Results
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Nota che Tigerlake ha soltanto 4 core, mentre l'M1 e le soluzioni di AMD ben 8. A breve arriverà la versione a 8 core di Tigerlake.

Link ad immagine (click per visualizzarla)

In quest'ultimo, in single-core, le prestazioni di TigerLake sono al top.
Chiaramente restando sempre in ambito portatili, se lo confronti una cpu da 125w 10core a 5ghz certo che le prende.

Infatti non era quello il confronto.
Come performance per watt sembra non ci sia paragone, ma anche con le differenze di tdp che ci sono tra i portatili Mac intel e M1, circa il doppio, vinceva ancora M1 con distacco. Sembra anche che M1 abbia addirittura del margine prestazionale inespresso se alzasse il tdp a valori intel.

Sì, ma c'è da dire che l'M1 è un SoC a cui hanno rimosso tutto il possibile, mentre gli altri hanno diversi controller integrati.
Poi vabbè i mac intel erano a 14nm e M1 a 5nm, facile vincere sul tdp, ma per ora è quello che c'è.

Infatti: anche i 5nm incidono parecchio.
Originariamente inviato da: Nui_Mg
Sembra che la versione retail (probabile debutto al ces 2021) dell`Intel Core i7-11700K (8 core) batta il Ryzen 9 5950X in single core, 1807 vs 1672, nel geekbench5, sperem (concorrenza in primis).

Geekbench è pura spazzatura, per cui meglio attendere le prestazioni con applicazioni reali.
sbaffo29 Dicembre 2020, 14:46 #7
Originariamente inviato da: cdimauro
Un test l'ha fatto proprio questo sito con la recensione del MacBook Air con l'M1
...
Nota che Tigerlake ha soltanto 4 core, mentre l'M1 e le soluzioni di AMD ben 8. A breve arriverà la versione a 8 core di Tigerlake.
...
Sì, ma c'è da dire che l'M1 è un SoC a cui hanno rimosso tutto il possibile, mentre gli altri hanno diversi controller integrati.
...

il test fatto da Hwupgrade è con un solo programma Handbrake, non fa molto statistica (e casomai lo standard è cinebench), e comunque l'M1 è contornato dalle versioni H che hanno tdp di 45W se non sbaglio, e batte l' i7-1185g7. L'altro test è con Cinebench ma con Rosetta2 in emulazione perde il 30% di prestazioni, ovvio che non va paragonato ai nativi, e comunque non sfigura, sta affianco a un i7-1165g7 nonostante l'emulazione, senza gli sarebbe il 30% sopra circa.

Gli 8 core di M1 sono 4big e 4little come nei cellulari, quelli che contano sono solo i 4big. Infatti nei test precedenti gli AMD con 8core erano gli unici che battevano M1 (di poco ma con tdp doppio o triplo almeno). In single core invece AMD è dietro e Intel davanti ma di pochissimo, WCCftech non dice però le frequenze effettive.

Per quanto riguarda il Soc credevo fosse il contrario, cioè nei soc c'è quasi tutto come dice il nome (Sistem On a Chip), in M1 addirittura c'è saldata la ram, nelle cpu invece c'è meno roba che è lasciata sulla mobo.

Poi a me Apple non sta simpatica come sai, si vede anche dal mio nuovo avatar (preso da una class action sul batterygate il cui slogan era "alcune mele marciscono prima", non cerco di difenderla anzi, ma mi pare che questa volta abbia fatto un ottimo lavoro. Windows on arm invece è un mezzo disastro finora, purtroppo.
cdimauro30 Dicembre 2020, 08:10 #8
Originariamente inviato da: sbaffo
il test fatto da Hwupgrade è con un solo programma Handbrake, non fa molto statistica (e casomai lo standard è cinebench),

Scusami, ma chi ha stabilito che Cinebench sarebbe lo "standard" quale benchmark? Cinebench è soltanto UNA applicazione, e nemmeno la migliore per avere un'idea delle prestazioni generali (ossia col più vasto numero di applicazione) di una CPU, visto che è un raytracer che stressa per lo più la FPU / unità SIMD, e scala quasi linearmente coi core. E', insomma, quanto di più lontano dall'impiego fatto da un utilizzatore medio.

Handbrake è già molto meglio da questo punto di vista, considerato che i formati video più avanzati utilizzano codificatori entropici basati sulla predizione dei pixel adiacenti e facenti uso di un algoritmo di compressione aritmetico per la predizione calcolata. Queste due cose assieme mettono in ginocchio l'unità "intera / scalare / general purpose" di una CPU, che è quella che viene usata per lo più. Comunque è anche possibile far uso di più core per questa parte, visto che la grafica è divisa in blocchi.
Ovviamente nella codifica video c'è anche la parte delle trasformate DCT, Wavelet, et similia, e quella di motion compensation per il calcolo degli spostamenti della grafica. Tutte due fanno uso dell'FPU / unità SIMD, oltre al fatto che scalano anche linearmente coi core.

Come vedi Handbrake è, come benchmark, certamente più completo e più vicino ai casi d'uso comune rispetto a Cinebench.
e comunque l'M1 è contornato dalle versioni H che hanno tdp di 45W se non sbaglio,

Dipende da com'è configurato il TDP del processore nello specifico laptop.
e batte l' i7-1185g7.

Di poco, e anche l'i7-1165g7 non è tanto distante. Ma sono entrambi con 4 core, contro gli 8 dell'M1.
L'altro test è con Cinebench ma con Rosetta2 in emulazione perde il 30% di prestazioni, ovvio che non va paragonato ai nativi, e comunque non sfigura, sta affianco a un i7-1165g7 nonostante l'emulazione, senza gli sarebbe il 30% sopra circa.

Ehm... no. Poco sotto ho riportato anche i risultati di Cinebench R23 nativo, dove l'M1 sta di poco sotto l'i7-1165g7 nel test in single core.

Da notare che l'i7-1185g7 fa meglio, ma di poco, pur avendo ben 10W in più di TDP a disposizione rispetto all'i7-1165g7 (che è 15W, se non ricordo male): segno che il power-budget non è così importante con questo tipo di test, visto che sfrutta un solo core (che evidentemente è arrivato praticamente al limite in entrambi i processori).

In Cinebench R23 multicore l'M1 va molto meglio, ed è anche ovvio che sia così, visto che ha ben 8 core a disposizione.
Gli 8 core di M1 sono 4big e 4little come nei cellulari, quelli che contano sono solo i 4big. Infatti nei test precedenti gli AMD con 8core erano gli unici che battevano M1 (di poco ma con tdp doppio o triplo almeno).

No, l'M1 ha una diversa implementazione, che non ha nulla a che vedere col Big.Little usata in altri processori ARM. Infatti i core "little" sono meno potenti e raggiungono frequenze meno elevate, ma sono usati tutti e 4 assieme ai 4 core "big" in questi test (mentre in genere negli altri processori ARM si usano o i big o i little, ma mai tutti assieme), dando un buon contributo alle prestazioni.

Sarebbe stato utile se avessero fatto dei test anche soltanto coi soli 4 core "big" (e magari altri coi soli 4 core "little", per capire quanto contribuiscano questi tipi di core a livello prestazionale.
In single core invece AMD è dietro e Intel davanti ma di pochissimo, WCCftech non dice però le frequenze effettive.

Nemmeno quelle dell'M1 vengono riportate.

Ma c'è anche da ricordare che, come evidenziato dalla stupenda recensione di HWUpgrade, le frequenze dei core dell'M1 crollano dopo un po' di tempo, per rientrare nel power-budget & temperature d'esercizio.
Quindi test sui carichi lasciano il tempo che trovano su questi Mac, che sono pensati per altro tipo d'utilizzo.
Per quanto riguarda il Soc credevo fosse il contrario, cioè nei soc c'è quasi tutto come dice il nome (Sistem On a Chip), in M1 addirittura c'è saldata la ram, nelle cpu invece c'è meno roba che è lasciata sulla mobo.

Appunto: è proprio questo il vantaggio! Apple ha tolto di mezzo tanta roba che incide parecchio nei consumi (e nei transistor impiegati). L'M1 non ha un memory controller tradizionale (visto che i chip di memoria vengono direttamente controllati), e nemmeno un controller PCI-Express (che consuma parecchio: vedi ventolina nel chip / south-bridge del chipset 500 di AMD).

Ovvio che vinca a mani basse per quanto riguarda i consumi, avendo tolto di mezzo tutto il possibile.

E' un confronto impari da questo punto di vista. Intel e AMD, per competere, dovrebbero proporre SoC simili, e quindi dedicare un'apposita linea di processori/SoC (nonché apposito progetto) solo per questo, mentre in genere offrono una piattaforma generica che utilizzano in più segmenti di mercato.

Apple ha il suo mercato e si realizza i chip soltanto e strettamente per quello che le serve. Giustamente!
Poi a me Apple non sta simpatica come sai, si vede anche dal mio nuovo avatar (preso da una class action sul batterygate il cui slogan era "alcune mele marciscono prima", non cerco di difenderla anzi, ma mi pare che questa volta abbia fatto un ottimo lavoro. Windows on arm invece è un mezzo disastro finora, purtroppo.

Senz'altro! Come già detto, l'M1 è un chip spettacolare! Tanto di cappello ad Apple per il meraviglioso lavoro che ha fatto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^