Processori Intel a 10 nanometri: 3 differenti architetture, ma non prima del 2017

Processori Intel a 10 nanometri: 3 differenti architetture, ma non prima del 2017

L'evoluzione nelle tecnologie produttive dei semiconduttori Intel passerà attraverso processo produttivo a 10 nanometri, atteso non prima della seconda metà del 2017 e destinato a venir utilizzato per 3 differenti architetture

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:56 nel canale Processori
IntelCore
 

Intel utilizza al momento attuale tecnologia produttiva a 14 nanometri per la produzione dei propri processori destinati a sistemi server, desktop e mobile. L'utilizzo di un processo più sofisticato, caratterizzato cioè da una dimensione minima dei transistor che è più contenuta rispetto al precedente, permette di ottenere un incremento nel numero di componenti integrati in ogni chip oltre a un contenimento dei consumi a parità di numero di transistor.

E' per questo motivo che tutte le aziende produttrici di semiconduttori cercano di accelerare, per quanto loro possibile, la migrazione verso una tecnologia produttiva più sofisticata rispetto a quella in uso in quanto i benefici sono numerosi. Tutto questo ha ovviamente un costo, in termini di maggiore investimenti richiesti per adeguare le fabbriche produttive alle nuove tecnologie e più in generale agli investimenti richiesti per poter ottenere prodotti con processi produttivi sempre più sofisticati.

Come dicevamo Intel utilizza al momento tecnologia produttiva a 14 nanometri per i propri processori: questa è alla base dei core della famiglia Broadwell oltre che di quelli Skylake, e verrà adottata dall'azienda americana anche dai processori della famiglia Kaby Lake attesi al debutto nel corso del 2016.

Sarà solo a partire dal 2017 che Intel presenterà i primi processori costruiti con tecnologia produttiva a 10 nanometri, debuttando con le soluzioni attualmente indicate con il nome in codice di Cannonlake. A seguire, stando a quanto anticipato a questo indirizzo, troveremo i processori Icelake che debutteranno nel corso del 2018 seguiti l'anno successivo da quelli Tigerlake sempre a 10 nanometri. L'evoluzione successiva, con tecnologia produttiva a 7 nanometri, è prevista non prima del 2020 ma per questa mancano al momento indicazioni sul nome in codice dei primi processori che la utilizzeranno.

E' da evidenziare come Intel sia passata ad una nuova cadenza nel debutto delle proprie architetture costruite con tecnologia produttiva più sofisticata della precedente. Se in passato l'azienda americana ha sviluppato due famiglie di processori per processo produttivo nel passaggio ai 14 nanometri tale numero è aumentato sino a tre, chiaro segnale della maggiore difficoltà nel passare ad un processo più sofisticato e della necessità di avere più tempo a disposizione per lo sviluppo e l'implementazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gridracedriver22 Gennaio 2016, 09:21 #1
CVD

l'avevo detto tempo fa che non poteva reggere ancora per molto il tick-tock, è già con il 22nm si è visto altro che il 14nm...
...a meno che non apra DAVVERO le fonderie a TERZI...
matrix201522 Gennaio 2016, 09:30 #2
INTEL è almenno 10 anni + avanti tecnologicamente, il mercato non riesce a stargli dietro e deve rallentare.
coschizza22 Gennaio 2016, 09:40 #3
Originariamente inviato da: matrix2015
INTEL è almenno 10 anni + avanti tecnologicamente, il mercato non riesce a stargli dietro e deve rallentare.


il problema è che le persone hanno la mente corta, si dimenticano per esempio che le altre fonderie cominciano a produrre cpu con tecnologie che intel usa dal 2012 cioè 3-4 anni prima degli altri (e nemmeno tutte lo fanno o lo faranno a breve).
djfix1322 Gennaio 2016, 09:57 #4
costano sempre un po' troppo ma io resto Intel, sempre avuto soddisfazioni...il periodo d'oro AMD con i k5 - k6 e Sempron - Athlon è andato per sempre.
LMCH22 Gennaio 2016, 10:19 #5
Originariamente inviato da: matrix2015
INTEL è almenno 10 anni + avanti tecnologicamente, il mercato non riesce a stargli dietro e deve rallentare.


E' avanti in termini di R&D ma non ha lo stesso margine in termini di capacità di produrre in massa; ad ogni nuovo step ci sono problemi e costi maggiori di R&D e "messa a punto delle linee di produzione" rispetto a quello precedente.

Ed ora si è arrivati al punto che Intel non ha abbastanza roba da produrre per ammortare con le tempistiche precedenti i costi di R&D
(per questo ad esempio ha preferito rinconvertire a 14nm fab già operative ritardando il passaggio a tale step piuttosto che costruirne di nuove, aveva un surplus di capacità produttiva tale da poterlo fare senza conseguenze negative).
gridracedriver22 Gennaio 2016, 10:51 #6
Originariamente inviato da: matrix2015
INTEL è almenno 10 anni + avanti tecnologicamente, il mercato non riesce a stargli dietro e deve rallentare.


hai la vaga idea di quanti sia dire "almeno 10 anni avanti"?

Originariamente inviato da: coschizza
il problema è che le persone hanno la mente corta, si dimenticano per esempio che le altre fonderie cominciano a produrre cpu con tecnologie che intel usa dal 2012 cioè 3-4 anni prima degli altri (e nemmeno tutte lo fanno o lo faranno a breve).


parli del finfet?
in realtà quello utilizzato con i 22nm era un 2.5D, molto efficace e che comunque ha portato una notevole diminuzione dei consumi molto più di quello che non è avvenuto con i 14nm.

se parli di integrazione, TSMC e Samsung sono sempre state avanti negli ultimi 5 anni con i 28 e 20nm in quanto a densità, è solo con i 14nm che hanno perso questo primato, le altre come GF, UMC ecc sono sempre state dietro a parte quando AMD assieme a GF faceva il SoI.

indubbiamente Intel è ancora avanti in quanto a processo produttivo ed ha sfruttato bene il vantaggio fino qua, ma sta perdendo terreno ed è inutile negarlo ed il rimedio sarà aprire le FAB ad altri produttori o diminuire gli investimenti in nuove FAB e ritardare i PP successivi, c'è un intera fabbrica a 14nm "vuota", ma così di fatto hai allungato di 1 anno il salto ai 10nm anche per rientrare nei costi dei 14nm ed ha già fatto il refresh dei 22nm per lo stesso motivo...
benderchetioffender22 Gennaio 2016, 12:21 #7
e via di freno a mano!

...sicuramente scalare la teconologia è un investimento con parecchi zeri, ma è anche vero che intel sia col fiato corto su quel fronte: i minori guadagni in termini di prestazioni portano sicuramente a minori guadagni anche nel portafogli, la longevità ora di una piattaforma tipo i7/extreme/xeon è aumentata molto imho, vedo che su macchine di 6 anni fa girano molto tranquillamente applicazioni odierne

si nota pure dalla bassa offerta di processori high-end in listino rispetto le generazioni passate, haswell praticamente saltato a piè pari e ora... saltiamo direttamente al 2017 per i 10nm... direi che la sequenza la dice lunga...

d'altronde la concorrenza a sua volta è ai ferri corti (o riescono a risorgere a livelli decenti con Zen, o IMHO, chiudono baracca e burattini) quindi che senso ha non prendersela con calma?
coschizza22 Gennaio 2016, 13:41 #8
Originariamente inviato da: gridracedriver

parli del finfet?
in realtà quello utilizzato con i 22nm era un 2.5D, molto efficace e che comunque ha portato una notevole diminuzione dei consumi molto più di quello che non è avvenuto con i 14nm.

se parli di integrazione, TSMC e Samsung sono sempre state avanti negli ultimi 5 anni con i 28 e 20nm in quanto a densità, è solo con i 14nm che hanno perso questo primato, le altre come GF, UMC ecc sono sempre state dietro a parte quando AMD assieme a GF faceva il SoI.


guarda che tutti sono a 2.5D forse ti confondi con altro visto che la forme dei transisstor è quella a prescindere della fabbrica utilizzata.
inolte le densita delel litografia sono semre state superiori a detta dei dati ufficiali che si misurano con la densita delel celle di sram per esempio, in questo intel non ha mai avuto concorrenti.
gridracedriver22 Gennaio 2016, 14:39 #9
Originariamente inviato da: coschizza
guarda che tutti sono a 2.5D forse ti confondi con altro visto che la forme dei transisstor è quella a prescindere della fabbrica utilizzata.
inolte le densita delel litografia sono semre state superiori a detta dei dati ufficiali che si misurano con la densita delel celle di sram per esempio, in questo intel non ha mai avuto concorrenti.


no, i 22nm sono 2.5D mentre i 14/16nm, tutti compresi anche quelli di TSMC e di SS, sono 3D puri, cambia proprio la struttura del GATE
Link ad immagine (click per visualizzarla)

a parte questo, la densità era a favore dei competitor perché Intel utilizzava il "nodo principale" mentre gli altri anche il "mezzo nodo" dopo
die shrink

in realtà i 14nm si SS sarebbero dei 16nm come quelli di TSMC all'incirca, ma loro li chiamano comunque 14, ma non so il motivo...
non trovo l'immagine che ne esplicava le dimensioni reali dei transistor...
cdimauro22 Gennaio 2016, 17:01 #10
Originariamente inviato da: gridracedriver
CVD

l'avevo detto tempo fa che non poteva reggere ancora per molto il tick-tock, è già con il 22nm si è visto altro che il 14nm...

Non è certo l'unica a non poter reggere: la fisica è la stessa per tutti, e infatti tutte le fonderie hanno avuto problemi negli ultimi anni.
...a meno che non apra DAVVERO le fonderie a TERZI...

Questo non c'entra nulla coi problemi dei nuovi processi produttivi.

Ma poi Intel non riesce a soddisfare la richiesta di Skylake, e dovrebbe aprire le sue fonderie ad altri?!?
Originariamente inviato da: gridracedriver
indubbiamente Intel è ancora avanti in quanto a processo produttivo ed ha sfruttato bene il vantaggio fino qua, ma sta perdendo terreno

Beh, non è che gli altri se la passino meglio.
ed è inutile negarlo ed il rimedio sarà aprire le FAB ad altri produttori

Vedi sopra: direi proprio di no. Prima deve soddisfare la domanda per i suoi prodotti.
o diminuire gli investimenti in nuove FAB e ritardare i PP successivi,

I processi produttivi sono già in ritardo di per sé, a causa delle problematiche che vengono ormai incontrate, per cui non ha senso bloccarli.

E' bene notare che con questa nuova roadmap la legge di Moore è passata da 24 a 36 mesi: è un salto notevole, che non succedeva da parecchio tempo.
c'è un intera fabbrica a 14nm "vuota", ma così di fatto hai allungato di 1 anno il salto ai 10nm anche per rientrare nei costi dei 14nm ed ha già fatto il refresh dei 22nm per lo stesso motivo...

Vedi sopra: non ha allungato per piacere personale, ma per le difficoltà che ha incontrato. Altrimenti le sue fonderie sfornerebbero Skylake per soddisfare la richiesta di mercato, lasciando anche spazio per eventuali terzi.
Originariamente inviato da: benderchetioffender
e via di freno a mano!

Non esiste alcun freno a mano tirato, a meno che non ti riferisca alla natura, che allo scendere così tanto per la dimensione dei transistor sta mettendo parecchi ostacoli.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^