Processori Haswell refresh attesi all'inizio del 2014

Processori Haswell refresh attesi all'inizio del 2014

Per il secondo trimestre del prossimo anno è previsto il debutto di processori Haswell refresh, nome che lascia intendere come la futura successiva architettura sviluppata da Intel non arriverà prima del 2015

di pubblicata il , alle 17:23 nel canale Processori
Intel
 

Una roadmap aggiornata dei processori Intel per sistemi desktop è stata resa disponibile online nelle scorse settimane a questo indirizzo; in essa sono presenti informazioni su quanto l'azienda americana ha in programma di presentare sul mercato sino al secondo trimestre del prossimo anno.

Nel settore delle proposte desktop socket 1150 LGA, quindi quello delle schede madri per sistemi Core i7 e Core i5 basati su architettura Haswell, troveremo vari modelli basati sulla stessa architettura e differenziati per le frequenze di clock e la presenza o meno di tecnologia HyperThreading.

Da segnalare, per il secondo trimestre del 2014, l'indicazione di una famiglia di processori indicati con il nome di Haswell Refresh: il nome scelto lascia intendere che il debutto della prossima generazione di processore Intel verrà preceduto da un aggiornamento minore dell'architettura Haswell, spostando il successivo maggior aggiornamento all'anno 2015.

Per le CPU delle famiglie Core i3 e Pentium il debutto di proposte basate su architettura Haswell avverrà a partire dal terzo trimestre del 2013. Per le soluzioni della serie Celeron dovremo invece attendere i primi mesi del prossimo anno per un cambio di architettura, seguendo in questo le tempistiche già viste in atto con le proposte Ivy Bridge e con quelle di precedente generazione.

Per il segmento top di gamma delle CPU Core i7 viene segnalato per il terzo trimestre il debutto delle soluzioni Ivy Bridge-E, processori destinati all'utilizzo su piattaforme socket 2011 LGA che andranno a sostituire quelle Sandy Bridge-E attualmente presenti sul mercato. Per queste soluzioni presumiamo che verrà mantenuto il numero massimo di 6 core integrati, con declinazioni anche quad core.

Dal versante chipset segnaliamo come Intel abbia recentemente annunciato i modelli della serie 8 per piattaforme socket 1150 LGA. Nel corso del secondo trimestre 2014 Intel presenterà i chipset Z97 e H97 destinati rispettivamente ai segmenti Performance e Mainstream del mercato, andando a prendere il posto dei modelli Z87 e H87 ora sul mercato. Nulla cambierà per le soluzioni top di gamma in quanto le schede madri socket 2011 LGA basate su chipset X79 supporteranno con un aggiornamento del bios i processori Ivy Bridge-E al debutto nel corso del terzo trimestre 2013.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NoX8313 Giugno 2013, 17:40 #1
Non abbiamo ancora visto le novità Haswell che parliamo già del suo refresh. Pare la moda, quando arriva il momento di provare qualcosa, si parla delle prossime novità
Vash_8513 Giugno 2013, 17:44 #2
Credo che sia dovuto anche alle difficoltà che intel sta avendo\ha avuto nel modernizzare i propri nodi a 14nm
http://www.bitsandchips.it/hardware...mancano-i-fondi
News di qualche mese fa...
Pat7713 Giugno 2013, 17:44 #3
Refresh= saldare l'his= must buy
Se non fosse per le temp per me arriverebbero anche a 4.7-4.8 di media.
Wawacco13 Giugno 2013, 17:45 #4
Ed è proprio per questo che bisogna comprare solo quello che serve realmente
Darkon13 Giugno 2013, 17:50 #5
È un po' diverso NoX....

Il problema è che si è arrivati a un punto di enpasse.

Da una parte c'è una parte di utenza piccola in numeri che chiede maggior potenza di calcolo ma che con maggiore si intende molto maggiore a un extreme attuale. Ad esempio chi si occupa di encoding video/audio.

Dall'altra per l'utenza domestica si è raggiunto un punto di poca appetibilità commerciale in quanto se una fascia media è già sovrabbondantemente potente perché devo aggiornare il mio pc?

IMHO hanno trovato la soluzione mescolando un po' di marketing... l'utente medio statisticamente non resiste più di 3/4 generazioni che poi gli viene la scimmia di aggiornare e in questo modo cercono di venire anche a sopperire alla mancanza di forza bruta per alcuni specifici settori prendendo 2 piccioni con una fava.

Lo scoglio più grande e preoccupante rimane però è che nonostante di anno in anno ci si avvicini al limite fisico del silicio e diciamolo anche delle architetture che si possano basare su esso a tutt'oggi non c'è l'ombra di un prototipo, un sample, un qualcosa che possa dare speranza per il futuro ma solo vaghi progetti come il carbonio e simili di cui si parla da che andavo ancora a scuola e i pc erano cosa di pochissimi.

se l'aggiornamento delle periferiche continuerà verso e oltre il FHD per tutti prevedo fiumi di sangue per chi fa encode visto che per un encode da destinare a un blueray FHD già oggi si impiega anche oltre 48 ore non oso immaginare quando si andrà oltre il FHD.
Kino8713 Giugno 2013, 18:44 #6
Originariamente inviato da: Darkon
È un po' diverso NoX....

Il problema è che si è arrivati a un punto di enpasse.

Da una parte c'è una parte di utenza piccola in numeri che chiede maggior potenza di calcolo ma che con maggiore si intende molto maggiore a un extreme attuale. Ad esempio chi si occupa di encoding video/audio.

Dall'altra per l'utenza domestica si è raggiunto un punto di poca appetibilità commerciale in quanto se una fascia media è già sovrabbondantemente potente perché devo aggiornare il mio pc?

IMHO hanno trovato la soluzione mescolando un po' di marketing... l'utente medio statisticamente non resiste più di 3/4 generazioni che poi gli viene la scimmia di aggiornare e in questo modo cercono di venire anche a sopperire alla mancanza di forza bruta per alcuni specifici settori prendendo 2 piccioni con una fava.

Lo scoglio più grande e preoccupante rimane però è che nonostante di anno in anno ci si avvicini al limite fisico del silicio e diciamolo anche delle architetture che si possano basare su esso a tutt'oggi non c'è l'ombra di un prototipo, un sample, un qualcosa che possa dare speranza per il futuro ma solo vaghi progetti come il carbonio e simili di cui si parla da che andavo ancora a scuola e i pc erano cosa di pochissimi.

se l'aggiornamento delle periferiche continuerà verso e oltre il FHD per tutti prevedo fiumi di sangue per chi fa encode visto che per un encode da destinare a un blueray FHD già oggi si impiega anche oltre 48 ore non oso immaginare quando si andrà oltre il FHD.


Probabilmente si decideranno a fare degli encoder decenti che sfruttino le potenzialità delle moderne gpu (che di potenza grezza sono di almeno un ordine di grandezza sopra ad una CPU dello stesso costo). E non ditemi che già ci sono gli encoder per GPU che si è visto quando intel lanciò il quick sync al tempo dei sandy bridge quali erano i risultati: l'hd2000 integrata in un 2500k risultava più veloce e qualitativamente superiore di quello che si poteva ottenere con una gtx580 (e non ditemi che le potenze sono anche solo vagamente paragonabili, il problema è solo la scrittura pessima del software per hardware AMD/nVidia).
Il discorso è applicabile un pochino a tutto e in verità, anche vedendo come nel mercato server esistono processori ben più prestanti, Intel ha semplicemente smesso di premere sull'accelleratore delle prestazioni perché, come giustamente hai detto tu, non ce n'è bisogno e a questo punto tantovale puntare sull'efficienza.
lor68pdit13 Giugno 2013, 18:57 #7
Ma con la crisi che c'è non si corre un pò troppo?
Tra poco si arriverà a comprare hardware nuovo oggi e già vecchio il giorno dopo.
Viva lo sviluppo.
Sevenday13 Giugno 2013, 19:09 #8
Mi sa che siamo già arrivati al bivio, ciò che si spende in ricerca non rientra in guadagno...

E' bene che Intel inventi altro, perchè anche quest'anno sarà in rosso e di brutto.

Ultrabook ancora over 1000 euro, ibridi idem, cpu 300 sacchi...è finita la pacchia, monopolio o no.
flapane13 Giugno 2013, 19:30 #9
Originariamente inviato da: Darkon
l'utente medio statisticamente non resiste più di 3/4 generazioni che poi gli viene la scimmia di aggiornare


In realtà, gli utenti medi che conosco io hanno altre e ben più lente tempistiche. Puoi, per piacere, citarmi la fonte di queste statistiche?
Grazie
frankie13 Giugno 2013, 19:49 #10
Io trovo gente che cambia il pc perchè è più bello sottile e dura di più.
Oppure cambia dal netbook di prima, si per prestazioni ma da un atom.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^