Processo a 40 nanometri da TSMC

Processo a 40 nanometri da TSMC

La principale fonderia taiwanese annuncia di aver sviluppato un nuovo processo produttivo, che difficilmente verrà adottato in prodotti disponibili sul mercato nel 2008

di pubblicata il , alle 14:51 nel canale Processori
 

Grazie alle informazioni pubblicate dal sito web Digitimes in questo articolo, veniamo a conoscenza dei prossimi piani di sviluppo tecnologico previsti da TSMC, la più importante fonderia produttiva di Taiwan che spesso viene utilizzata da vari produttori per la costruzione delle proprie soluzioni.

TSMC si prepara ad annunciare la disponibilità della tecnologia produttiva a 40 nanometri nel corso del secondo trimestre dell'anno, traguardo che almeno sulla carta supera quanto Intel ha a disposizione in produzione per i propri processori, cioè la tecnologia produttiva a 45 nanometri. AMD dovrebbe immettere in commercio i primi processori a 45 nanometri nel corso della seconda metà dell'anno, presumibilmente tra gli ultimi mesi del 2008.

Il nuovo processo produttivo a 40 nanometri verrà fornito da TSMC in due distinte versioni: la prima, indicata con il nome di 40G, sarà destinata ad architetture ad elevate prestazioni quali processori, GPU, chip per console e in generale per prodotti destinati a dispositivi di elettronica di consumo di elevata potenzialità.

La seconda versione, indicata con il nome di 40LP, verrà invece destinata specificamente a dispositivi che mirano al massimo contenimento dei consumi di funzionamento, come quindi prodotti portatili o fortemente basati su tecnologie wireless. TSMC ha fornito una indicazione del 15% come margine di riduzione dei consumi medi ottenibile passando da tecnologia a 45 nanometri a quella a 40 nanometri.

Sia AMD che NVIDIA utilizzano al momento attuale tecnologie produttive sviluppate da TSMC, delegando la produzione delle proprie GPU a questa fonderia. AMD sta utilizzando processo a 55 nanometri per le proprie soluzioni della famiglia ATI Radeon 3800, mentre NVIDIA sta sfruttando il processo a 65 nanometri per le GPU della serie G92 e per le nuove schede video GeForce della serie 9000. E' presumibile che NVIDIA possa presto passare al processo a 55 nanometri sfruttando sempre l'architettura base della GPU G92.

Non è ipotizzabile che il processo produttivo a 40 nanometri, soprattutto nella versione 40G per utilizzi in architetture GPU, possa venir utilizzato in prodotti destinati alla commercializzazione prima della fine del 2008. Sarà solo con future generazioni di architetture video che il processo a 40 nanometri verrà abbinato a GPU NVIDIA e ATI.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dottorpalmito25 Marzo 2008, 15:03 #1
forse forse ci facciamo uscire fuori un ps3 slim entro 1/2 anni
AndreKap25 Marzo 2008, 15:06 #2
Come mai i processi produtti delle GPU (80nm->55nm->40nm...) sono sempre "sfalsati" rispetto a quelli delle CPU (90nm->65nm->45nm->32nm....)?
C'è un motivo tecnico o solo ragioni storiche?
Spellsword25 Marzo 2008, 15:14 #3
in effetti la catena sarebbe 90>80 65>55 45>40 32 etc.. dove il segno > indica lo shrink ottico, ognuno poi sceglie ciò che è meglio per le sue esigenze. gli shrink ottici portano un benefico minore rispetto allo shrink tradizionale, vedasi r600->rv670..
dado197925 Marzo 2008, 15:18 #4
Originariamente inviato da: AndreKap
Come mai i processi produtti delle GPU (80nm->55nm->40nm...) sono sempre "sfalsati" rispetto a quelli delle CPU (90nm->65nm->45nm->32nm....)?
C'è un motivo tecnico o solo ragioni storiche?

Non è vero. G80 di Nvidia (GPU) è a 90nm.
Boogey_man25 Marzo 2008, 15:22 #5
Vorrei capire una cosa: "Sia AMD che NVIDIA utilizzano al momento attuale tecnologie produttive sviluppate da TSMC, delegando la produzione delle proprie GPU a questa fonderia", cioé sia una che l'altra delegano a TSMC la produzione, e allora perché AMD utilizza i 55 Nm e Nvidia i 65?Cosa mi sono perso...??
AndreKap25 Marzo 2008, 15:55 #6
Originariamente inviato da: dado1979
Non è vero. G80 di Nvidia (GPU) è a 90nm.


Hai ragione.
E anche il 65nm, come dice l'articolo.....

Allora cambio domanda: come mai le CPU procedono sempre rigorosamente per salti di radice di 2, mentre le GPU fanno anche i passi intermedi?
dado200525 Marzo 2008, 16:07 #7
Originariamente inviato da: AndreKap
Come mai i processi produtti delle GPU (80nm->55nm->40nm...) sono sempre "sfalsati" rispetto a quelli delle CPU (90nm->65nm->45nm->32nm....)?
C'è un motivo tecnico o solo [COLOR="Red"]ragioni [/COLOR]storiche?
[COLOR="Red"]Economiche[/COLOR], come al solito.

Le fabbriche di semiconduttori hanno costi considerevoli(dell'ordine dei 3 - 4 miliardi di dollari)

e a causa della concorrenza sempre piu' spietata, che rendono gli impianti obsoleti nel giro di pochi anni,

la loro vita media tende ad accorciarsi sempre piu'.

Da qui la necessità di recuperare i costi in breve tempo producendo inizialmente soprattutto circuiti integrati che hanno un "buon" margine di guadagno e che il mercato richiede in "grandi" volumi: in primis i processori.


Come è consuetudine consolidata nell' high_Tech: investimenti enormi con necessità di recupero di capitale & profitti in tempi sempre più brevi, pena il fallimento o forte ridimensionamento del giro d'affari.
Lud von Pipper25 Marzo 2008, 17:23 #8
Originariamente inviato da: AndreKap
Allora cambio domanda: come mai le CPU procedono sempre rigorosamente per salti di radice di 2, mentre le GPU fanno anche i passi intermedi?


Una delle tante ragioni potrebbe essere che le CPU cambiano di tecnologia "prima" e le GPU seguono. Questo fa si chhe le tecnologie siano più mature quando ci arrivano le GPU.
Un altra possibilità è data dal costo delle GPU stesse a causa delle grosse superfici che occupano rispetto ad un processore: in questi casi ridurre anche di poco la dimensione del chip (es da 65 a 55nm) può essere lucroso (più pezzi per lastra di silicio), mentre per i processori forse non vale la pena.
Infine, può essere dovuto alle elevate frequenza delle CPU rispetto alle GPU, per cui sperimentare tecnologie più spinte diventa anche più rischioso, da cui tendono a fare solo salti più grossi e in periodi più lunghi.

Ovviamente sonno solo mie ipotesi.
Mercuri026 Marzo 2008, 11:27 #9
Originariamente inviato da: AndreKap
Come mai i processi produtti delle GPU (80nm->55nm->40nm...) sono sempre "sfalsati" rispetto a quelli delle CPU (90nm->65nm->45nm->32nm....)?
C'è un motivo tecnico o solo ragioni storiche?

(veramente le G9x di nVidia sono a 65nm....)
In realtà il discorso impostato in questa ottica è piuttosto semplicistico. TSMC non fa solo GPU (ci mancherebbe) e non tutti i processi di TSMC sono adatti per fare GPU: TSMC, come tutte le fonderie, ha più processi anche per uno stesso nodo, a seconda delle differenti applicazioni.

nVidia e AMTI usano quello che passa il convento (TSMC) per le loro applicazioni. Però va da sé che AMD potrebbe in futuro decidere di produrre anche le GPU in casa (in una futura versione di Fusion) e quindi le GPU useranno non solo la stessa dimensione, ma proprio la stessa tecnologia produttiva delle CPU.
Originariamente inviato da: Boogey_man
Vorrei capire una cosa: "Sia AMD che NVIDIA utilizzano al momento attuale tecnologie produttive sviluppate da TSMC, delegando la produzione delle proprie GPU a questa fonderia", cioé sia una che l'altra delegano a TSMC la produzione, e allora perché AMD utilizza i 55 Nm e Nvidia i 65?Cosa mi sono perso...??

Non sempre "più piccolo è meglio", e ci sono ragioni tecniche ed economiche: tecnicamente, devi riprogettare parte del chip e devi farcelo funzionare, e non è detto che sia facile o anche solo tecnicamente conveniente.

Economicamente, usare un processo più spinto è anche più costoso, e devi prevedere volumi di vendita maggiori.
IceHot8326 Marzo 2008, 12:48 #10
da quel che so io è per la ricerca e per la progettazione dei nuovi componenti che spendono molto una volta passato ad un processo produttivo migliore i costi calano anche perchè da un pezzo di silicio riescono a ricavare + unità rispetto a un vecchio processo produttivo
correggetemi se sbaglio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^