Prime voci sul prezzo di Prescott

Prime voci sul prezzo di Prescott

Trapelano alcune indiscrezioni sul possibile prezzo dei primi modelli di processori basati su core Prescott

di Andrea Bai pubblicata il , alle 19:34 nel canale Processori
 

Il sito web Xbitlabs riporta una notizia, del tutto non ufficiale, relativa al prezzo dei primi modelli di processore Prescott con 1MB di cache L2. Il nuovo processore dovrebbe costare 640$; il prezzo è da intendersi per lotti di 1000 unità.

Come già noto, il processore Prescott sarà realizzato con processo a 90 nanometri con tecnologia strained silicon. Il nuovo processore è costituito da circa 100 milioni di transistor, all'incirca lo stesso numero di transistor utilizzati per i processori Athlon 64.

Come già detto il quantitativo di cache L2 è di 1MB mentre la cache di primo livello è di 16KB. Prescott inoltre dovrebbe portare con sè le 13 PNI (Prescott New Instruction), alcune delle quali dovrebbero velocizzare le procedure di encoding video. Le altre istruzioni supportano conversioni da virgola mobile a intero e operazioni aritmetiche complesse. Infine Prescott supporta la tecnologia di sicurezza Intel La Grande, realizzata espressamente per la protezione dei dati sensibili del sistema, in particolare per applicazioni di e-Commerce.

Prescott dovrebbe essere disponibile sul mercato per l'ultimo trimestre dell'anno e in data 26 Ottobre Intel dovrebe tagliare i prezzi dei processori Pentium 4 desktop: $420 e $275 per i modelli 3,20GHz e 3,0GHz; 260 dollari per il modello 3,06GHz, 220 dollari per il modello 2,80GHz e 180 dollari per il modello 2,80GHz a 533MHz di bus.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zepelin_2208 Luglio 2003, 19:45 #1
secondo me costa veramente tanto, e sopratutto li prenderà dall'Athlon 64; comunque bisogna sempre vedere qual'è l'assorbimento di corrente dei due nuovi proci, che storicamente é stato sempre a favore di Intel, tranne per gli ultimi proci a partire dal 2,80GHz (e forse anche dal 2.4).
supermarchino08 Luglio 2003, 19:46 #2
LA GRANDE = PALLADIUM?

se è così, allora per me questa cpu può marcire sugli scaffali, da prodotto liberticida qual è, e i siti di ecommerce che vogliono il relativo supporto, fallire miseramente...
xeal08 Luglio 2003, 19:57 #3
Re: "LA GRAND = PALLADIUM?"

La risposta è drammaticamente: SI!
OverClocK79®08 Luglio 2003, 20:23 #4
mi sembra normale per il pezzo di punta INTEL.....
l'anno prossimo costerà la metà

anke il 3.2 appena uscito costava/costa il doppio del 3.0

nulla di strano
normale amministrazione

BYEZZZZZZZZZZZZZZZ
Zepelin_2208 Luglio 2003, 20:25 #5
bhè, adesso tutti adesso a palladium e intel (giustamente, come anche il sottoscritto); ma credetemi se ne venderanno tanti; il marchio Intel fa gola a tanti, sopratutto ai non adetti ai lavori che guardano il nome e si fidano di chi vende (ai quali interessa fare soldi)....
Sig. Stroboscopico08 Luglio 2003, 21:03 #6
bah... il costo è pienamente nella media... purtroppo

^^

la cosa più curiosa sarà sicuramente vedere come lavora effettivamente il sistema La Grande

^^'

Ciao!
ErDaino08 Luglio 2003, 21:17 #7
Per Il Bene Di Tutti Speriamo che non lavori Affatto!
Super-Vegèta08 Luglio 2003, 21:19 #8

La grande (fregatura) avrà vita breve se tutti sono consapev

Purtroppo è quello il famoso dispositivo aderente agli standard TCPA che a sua volta si lega con quell'orrore di Maicro$oft noto come palladium (polladium per gli amici). Molto dipenderà da come il mercato prenderà questo schifo ed è inutile che Int€l lo nasconda dietro l'e-commerce perchè ci ha già provato a suo tempo a FREGARE gli utenti tramite il famoso seriale (qualcuno lo ricorda? fu rimosso a furor di popolo). Il discorso è quindi tutto da vedere, non siate così sicuri che si venderà facilmente con quel dispositivo all'interno. A suo tempo il p3 subì un grosso boicottaggio.

Per ciò che mi riguarda il mio PIV 2,6 sarà anche l'ultimo che monterò se mai dovrò installare sul mio pc un simile schifo. Molto dipenderà anche dal fatto che sia disattivabile o meno.

Notate quanto sia strano che Int€l da sempre molto dettagliata nell'esporre i suoi sistemi si nasconda come un pulcino con questo peso di Lagrande. Credo che Int€l si guadagnerà un'altro boicottaggio e per me tutto ciò che è contro polladium BEN VENGA
ErDaino08 Luglio 2003, 21:35 #9
Lo spero proprio; non vorrei proprio che a decidere per il mio sistema sia qualcuno cha pensa solo ai propri interessi. Quindi se questa tecnologia prenderà piede mi terrò il mio attuale P4 2GHz e Windows Xp Professional per ancora molto tempo! Comunque non credo proprio che se il TCPA (o altra roba simile) verra implementato come si dice, sarà disattivabile poichè tradirebbe i scopi per cui è stato ideato.
KAISERWOOD08 Luglio 2003, 21:48 #10
lA GRNADE PER FUNZIONARE DEVE ESSERE AFFIANCATA DL CHIP DEL PALLADIUM CHE SI TROVA SULLA MOBO ATTUALMENTE NESSUNA SCHEDA MADRE DOVREBBE AVERLO PERCIò BASTA ACCOSTARE UN 875 O 865 CON UN PRESCOTT SOKET 478 CHE SECONDO I PIANI DI INTEL ARRIVERA FINO A 3,6GHZ, CMQW IL CHIP PER ADESSO DOVREBBE ESSERE INTEGRATO NELLA MOBO E PUò DARSI CHE ALCUNI PRODUTTORI PER VENDERE NON LO INTEGRERANNO, SARANNO C@ZZ! AMARI QUANDO IL CHIP VERRà INTEGRATO ALL'INTERNO DEL CORE SIA DEGLI ATHLON CHE DEGLI AMD.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^