OpenCL 3.0, le nuove specifiche per il calcolo eterogeneo sono ormai pronte

OpenCL 3.0, le nuove specifiche per il calcolo eterogeneo sono ormai pronte

Il Khronos Group ha annunciato la pubblicazione delle specifiche provvisorie dello standard OpenCL 3.0. Si tratta della specifica industriale per svolgere calcoli sfruttando differenti componenti hardware - CPU, GPU, acceleratori, FPGA, DSP, ecc.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Processori
 

Il Khronos Group, il consorzio industriale che si occupa di creare standard interoperabili, ha annunciato la pubblicazione delle specifiche provvisorie di OpenCL 3.0. Il materiale è disponibile su GitHub, affinché la comunità degli sviluppatori fornisca contributi prima che le specifiche e i test di conformità vengano finalizzati.

Per soddisfare la crescente varietà di dispositivi OpenCL, le nuove OpenCL 3.0 rendono opzionali tutte le funzionalità oltre la versione 1.2. Tutte le applicazioni OpenCL 1.2 continueranno a funzionare senza problemi sui dispositivi basati sulla nuova specifica. Neil Trevett, vicepresidente di Nvidia, presidente del Khronos Group e parte del gruppo di lavoro dedicato a OpenCL, ha spiegato che "nonostante le OpenCL 2.X offrano funzionalità importanti, le OpenCL 1.2 rappresentano la base necessaria per tutti i fornitori e mercati".

Per quanto riguarda lo sviluppo del kernel C++, l'OpenCL Working Group è passato dal linguaggio OpenCL C++ definito con le OpenCL 2.2 al progetto open-source comunitario "C++ for OpenCL" supportato da Clang. "C++ for OpenCL garantisce compatibilità con OpenCL C, permette agli sviluppatori di usare le funzionalità C++17 nei kernel OpenCL ed è compatibile con qualsiasi implementazione OpenCL 2.X o OpenCL 3.0 che supporta l'integrazione SPIR-V".

Insieme alla specifica OpenCL 3.0, il Khronos Group ha rilasciato le estensioni Extended Asynchronous Copy e Asynchronous Work Group Copy Fence per consentire transazioni DMA efficienti e ordinate. "Queste estensioni sono le prime importanti novità in OpenCL per migliorare il supporto ai processori embedded", sottolinea il consorzio.

L'obiettivo è quello di estendere ancora di più la portata di OpenCL oltre le CPU e le GPU, consentendo il calcolo eterogeneo su piattaforme dotate anche di FPGA, DSP e acceleratori di vario tipo.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^