Nuovi chip a 7 nanometri e un potenziale problema di produzione insufficiente

Nuovi chip a 7 nanometri e un potenziale problema di produzione insufficiente

La domanda di chip costruiti con tecnologia a 7 nanometri, integrati nei più recenti prodotti PC e mobile, potrebbe portare a problemi di produzione insufficiente: alla base di questa dinamica anche il successo dei nuovi iPhone di Apple

di pubblicata il , alle 12:51 nel canale Processori
AMDQualcommNVIDIATSMCSamsungRyZenNavi
 

Nel mercato dei prodotti e dei gadget di tecnologia c'è un potenziale problema che si affaccia all'orizzonte. Il suo nome è 7nm e identifica la tecnologia produttiva con la quale vengono costruiti i più recenti e potenti chip integrati nei prodotti in commercio.

Questa tecnologia produttiva è utilizzata ad esempio da Apple per i SoC implementati nei propri prodotti delle famiglie iPhone e iPad, tanto l'attuale generazione come la precedente. Oppure dai processori AMD Ryzen e dalle schede video dell'azienda americana basate su architettura Navi, o ancora da tutti i produttori di smartphone che utilizzano uno dei SoC Qualcomm di ultima generazione.

Al momento attuale sono due le aziende che producono chip a 7 nanometri per conto terzi: la taiwanese TSMC e la coreana Samsung. Trattandosi di una tecnologia produttiva recente e molto sofisticata la capacità produttiva complessiva non è infinita: i produttori devono allocare quanto a loro necessario bilanciando l'offerta da parte delle due aziende produttrici. In prospettiva sempre più aziende adotteranno tecnologia produttiva a 7 nanometri per i propri prodotti: NVIDIAad esempio si servirà tanto di TSMC come di Samsung per la propria prossima generazione di chip video.

wafer_720.jpg

Questa convergenza verso la tecnologia produttiva a 7 nanometri è però potenzialmente tale da creare un problema all'orizzonte: che non ci siano abbastanza chip per tutti. Alcuni segnali sono già emersi nelle scorse settimane e ora è Nikkei Asian Review a segnalare come il successo degli ultimi smartphone Apple potrebbe generare un impatto imprevisto sulle capacità produttiva di TSMC.

La fonte evidenzia come Apple abbia richiesto ai propri fornitori un aumento del 10% della produzione dei propri iPhone 11, per meglio rispondere alla domanda iniziale superiore alle previsioni. Questo implica la necessità di costruire circa 8 milioni di smartphone in più, con ovviamente altrettanti SoC a 7 nanometri che in questi prodotti andranno integrati.

Nel corso del mese di settembre, come indicato da Digitimes, TSMC ha incrementato il lead time dai precedenti 2 mesi a 6 mesi. Questo vuol dire che un ordine di nuovi chip a 7 nanometri verrà evaso dopo 6 mesi, richiedendo ai produttori una pianificazione strategica molto più accurata circa i volumi di chip che vogliono vengano prodotti dal partner taiwanese.

Una domanda addizionale di chip A13 Bionic da parte di Apple, forti richieste di CPU AMD della famiglia Ryzen, i volumi tradizionali e tutt'altro che ridotti di SoC Qualcomm di ultima generazione per gli smartphone top di gamma e NVIDIA che passerà nei prossimi mesi a nuove GPU costruite a 7 nanometri: sono tutte dinamiche in atto che potrebbero portare a uno scenario difficile per i produttori, in capaci di far fronte in modo adeguato alla richiesta di prodotti da parte dei propri clienti.

Le prospettive sono di una domanda di mercato molto elevata, superiore alle previsioni e soprattutto tale da saturare la capacità produttiva complessiva di TSMC. La scelta di NVIDIA di far produrre le proprie GPU tanto a TSMC come a Samsung, presumibilmente veicolando alla prima alcuni chip e alla seconda altri, sembra per molti versi legata proprio alla volontà di non restare vincolati ad un singolo fornitore e in questo modo poter meglio bilanciare la richiesta di nuovi prodotti.

Non sappiamo ancora se lo scenario complessivo sia tale da creare problemi ai produttori o se l'offerta di prodotti sarà tale da far fronte alla domanda dei consumatori. Quello che è certo è che tutti vanno nella direzione dei 7 nanometri per la produzione dei propri più recenti e potenti chip, e questa tecnologia può al momento venir gestita solo da due aziende produttrici. Viene da pensare, guardando al passato, che se ci sarà una capacità produttiva insufficiente questo potrebbe generare ripercussioni dirette più nel mercato dei componenti per PC, quindi GPU e CPU, piuttosto che in quello dei dispositivi mobile. Terremo monitorata la situazione nel corso dei prossimi mesi, alla ricerca di segnali di difficoltà o, auspichiamocelo, di stabilizzazione del mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sandro kensan05 Ottobre 2019, 13:19 #1
Ma se l'iphone è quarto nelle classifiche di vendita!
Perseverance05 Ottobre 2019, 14:30 #2
La produzione è una cosa, la vendita un'altra. Tutto ciò che viene prodotto mica viene per forza venduto. Anzi...
Bradiper05 Ottobre 2019, 15:07 #3
Può essere anche una strategia, forte domanda su poca produzione vuol dire aumento dei prezzi.
Comunque concordo, tutto questo gran successo del nuovo iphone lo vedono solo loro...
kliffoth05 Ottobre 2019, 19:29 #4
Originariamente inviato da: Bradiper
Può essere anche una strategia, forte domanda su poca produzione vuol dire aumento dei prezzi.
Comunque concordo, tutto questo gran successo del nuovo iphone lo vedono solo loro...


...ma perchè, non può essere quarto nelle vendite con numeri comunque superiori alle aspettative?

Nell'articolo non si dice che l' iPhone sia un successo planetario o che la gente si stia strappando i denti per comprarlo, solo che ha una richiesta superiore alle aspettative
Nessuno ha usato il termine successo, nessuno ha detto più di quello che c'è scritto
phmk05 Ottobre 2019, 20:08 #5
Quello che è certo è che il 3900x non si trova ai prezzi giusti.
Ordinato su Amazon a 563€ in attesa da oltre un mese...
nickname8806 Ottobre 2019, 10:54 #6
E tanti cari saluti alla tutela sul consumatore.
corvazo06 Ottobre 2019, 11:57 #7
Se avessi bisogno di comprare una CPU o scheda video a 7 nm - AMD ovviamente, non aspetterei troppo, i prezzi potrebbero aumentare più che abbassarsi tenendo conto che NVidia deve ancora passare ai 7 nm.
lucusta06 Ottobre 2019, 23:00 #8
Originariamente inviato da: kliffoth
...ma perchè, non può essere quarto nelle vendite con numeri comunque superiori alle aspettative?

Nell'articolo non si dice che l' iPhone sia un successo planetario o che la gente si stia strappando i denti per comprarlo, solo che ha una richiesta superiore alle aspettative
Nessuno ha usato il termine successo, nessuno ha detto più di quello che c'è scritto


le cose ovvie, kliffoth, sfuggono ai più

ricordiamoci che AMD sta per presentare nuovi chip video in questi giorni e devano essere prodotti già da un po' per essere integrati, da qui la carenza di CPU AMD che hanno portato ad un piccolo rialzato dei prezzi (oggi vendono il 2700x al prezzo del 3600).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^