Nuovi bios e utility in arrivo per le CPU AMD Ryzen 3000

Nuovi bios e utility in arrivo per le CPU AMD Ryzen 3000

AMD aggiorna il supporto ai processori Ryzen correggendo il bug legato alla gestione delle frequenze di boost clock; in arrivo nuovi bios dai produttori di schede madri oltre a migliori strumenti per il monitoraggio

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Processori
AMDRyZen
 

Come promesso nei giorni scorsi, AMD ha fornito sul proprio blog ufficiale informazioni dettagliate sulle nuove versioni di bios che verranno rese disponibili dai produttori delle schede madri compatibili con i processori AMD Ryzen 3000. Si tratta di versioni che correggono un bug del firmware di queste CPU che non permette di sfruttare al meglio tutto il margine reso disponibile sulla carta dalla tecnologia di boost clock.

Le nuove versioni di bios implementeranno AGESA 1003ABBA e da queste saranno distinguibili, ma non saranno disponibili da subito: ci vorranno circa 3 settimane prima che i produttori di schede madri completino la fase di testing interno e verifica dell'implementazione della nuova aggiornata AGESA.

AMD ha inoltre voluto rimarcare come le varie modifiche implementate nelle differenti versioni di AGESA nel corso degli ultimi mesi non siano legate alla ricerca di una maggiore durata nel tempo delle proprie CPU. Nei giorni scorsi è emersa online una teoria che indicava come il mancato raggiungimento delle frequenze di boost clock con i processori Ryzen fosse legata alla volontà di AMD di non spingerne il funzionamento troppo in alto, evitando così che potessero sorgere problemi di malfunzionamento e danneggiamento nel medio-lungo periodo. clock maggiori vengono ottenuti intervenendo sulla tensione di alimentazione massima, parametro che però influenza negativamente anche la vita utile dei processori nel momento in cui è spinto troppo in alto.

AMD ha inoltre annunciato per il 30 settembre il rilascio della nuova AMD monitoring SDK, con la quale gli sviluppatori software potranno sviluppare propri tool per il monitoraggio dei parametri di funzionamento dei processori Ryzen. Nello specifico saranno implementate più di 30 chiamate API nella prima versione della SDK, comprendenti:

  • temperatura operativa istantanea
  • tensione di alimentazione di picco dei core
  • tensione di alimentazione media dei core
  • frequenza di clock di picco
  • varie tensioni di alimentazione di differenti componenti
  • EDC, TCD e PPT per il monitoraggio di tensioni e potenza della scheda madre, della circuiteria di alimentazione e del socket

La nuova versione dell'utility Ryzen Master è già stata aggiornata implementato la APU per il monitoraggio della tensione di alimentazione core media. Attendiamoci quindi ora i nuovi bios per la fine del mese, e a seguire anche varie utility di terze parti che potranno fornire un più accurato monitoraggio dei parametri di funzionamento dei processori Ryzen 3000.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8811 Settembre 2019, 14:19 #1

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^