Nuove strade per il raffreddamento a nanotubi

Nuove strade per il raffreddamento a nanotubi

La Purdue University porta avanti un progetto per l'impiego di nanotubi di carbonio nella realizzazione di una superficie ad elevata efficienza di scambio termico

di pubblicata il , alle 14:38 nel canale Processori
 

Qualche anno fa avevamo avuto modo di accennare ad uno studio condotto da un gruppo della Purdue university e relativo all'impiego di nanotubi di carbonio per incrementare e rendere più efficiente lo scambio termico di un chip con il proprio dissipatore, sfruttando il fenomeno di ionizzazione dell'aria per produrre microcorrenti in grado di coadiuvare la dissipazione termica.

Proprio in questi giorni circolano informazioni riguardanti un nuovo studio, condotto da un altro gruppo di ricerca della stessa università, che si propone anch'esso di impiegare i nanotubi di carbonio allo scopo però di realizzare una superficie di scambio, tra chip e dissipatore, in grado di ottimizzare il trasferimento di calore.

E' precisamente il Birck Nanotechnology Center del Purdue Discovery Park ad occuparsi del progetto. La realizzazione prevede la collocazione di dendrimeri (strutture macromolecolari tridimensionali, ramificate e simmetriche, simili alla forma di un cristallo di neve) sulla superficie di un chip di silicio e l'impiego di piccole particelle di metallo che fungano da catalizzatori. Il tutto viene poi immesso in una atmosfera composta da gas metano il quale a sua volta viene scisso nei componenti carbonio ed idrogeno grazie ad una esposizione alle microonde.

Il carbonio liberatosi dalla scissione si lega ai dendrimeri e si aggrega sulla superficie formando dei nanotubi. La struttura dei nanotubi di carbonio realizzati con questa tecnica è paragonabile a quella di una rete metallica a maglie esagonali arrotolata più volte su se stessa: tale caratteristica conferisce ai nanotubi una elevata robustezza e stabilità strutturale, una buona efficienza nel trasferimento di calore e permette di limitare la comparsa di difetti. Al fine di rispondere a precise esigenze di impiego, i ricercatori hanno dichiarato che è possibile, tramite un metodo non meglio precisato, poter controllare e definire il diametro dei nanotubi e la densità dei tubi stessi.

Attualmente il problema della conducibilità termica, causato dalle microscopiche bolle d'aria che si vengono a formare nella superfice disomogenea (sempre parlando a livello microscopico) del dissipatore e del package del processore, viene contenuto mediante l'impiego di paste termoconduttive. In realtà il progetto portato avanti dal gruppo di ricercatori permette di ottenere risultati migliori anche per via della possibilità di attuare un contatto diretto tra il chip ed il suo dissipatore.

Per un approfondimento rimandiamo alla pubblicazione della notizia presos il sito della Purdue University.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor04 Ottobre 2007, 14:45 #1
faccio una domanda magari scontata, ma ci provo... perchè non sagomare direttamente la CPU in modo che le "alette di raffreddamento" siano parte del chip stesso? poi lì sopra ci si potrebbe montare la solita ventolina, ma si eviterebbe di dover cercare in tutti i modi di far passare il calore dalla CPU al dissipatore e, infine, da quest'ultimo all'aria circostante...

ok, ditemi dove sbaglio
Usque04 Ottobre 2007, 14:46 #2
niente più dissy lappati
bididead04 Ottobre 2007, 14:52 #3
cosi i produttori di dissi non venderebbero piu'....sarebbe un disastro x loro
Ratatosk04 Ottobre 2007, 14:57 #4
Originariamente inviato da: Paganetor
faccio una domanda magari scontata, ma ci provo... perchè non sagomare direttamente la CPU in modo che le "alette di raffreddamento" siano parte del chip stesso? poi lì sopra ci si potrebbe montare la solita ventolina, ma si eviterebbe di dover cercare in tutti i modi di far passare il calore dalla CPU al dissipatore e, infine, da quest'ultimo all'aria circostante...

ok, ditemi dove sbaglio


Originariamente inviato da: bididead
cosi i produttori di dissi non venderebbero piu'....sarebbe un disastro x loro


Provate a pensare a fare overclock peso con un dissipatore stock, sarebbe la morte, mentre com'è ora si può scegliere il dissipatore opportuno, magari abbastanza silente, e ancor più silente non volendo fare overclock. Io non rinuncerei mai ad uno Zalman da 800 metri di diametro :>
MakenValborg04 Ottobre 2007, 14:58 #5
Originariamente inviato da: Paganetor
faccio una domanda magari scontata, ma ci provo... perchè non sagomare direttamente la CPU in modo che le "alette di raffreddamento" siano parte del chip stesso? poi lì sopra ci si potrebbe montare la solita ventolina, ma si eviterebbe di dover cercare in tutti i modi di far passare il calore dalla CPU al dissipatore e, infine, da quest'ultimo all'aria circostante...

ok, ditemi dove sbaglio


e se uno vuole raffreddare a liquido con questo tuo ingegnoso sistema come fà?
ken Falco04 Ottobre 2007, 15:05 #6
perchè non miniaturizzare le ventoline e inserirne direttamente dentro la cpu !?
erupter04 Ottobre 2007, 15:06 #7
Uh madonna!
Ma non è questione di marketing, bensì di tecnologia!
Non si può etchare su rame o alluminio
erupter04 Ottobre 2007, 15:07 #8
Daje... miniaturizzare le ventole...
Perchè il radiatore di una macchina non lo facciamo 12x12?
Poi magari ci mettiamo una ventola supersilenziosa 8x8 eh?
E pure i led blu!
K7-50004 Ottobre 2007, 15:15 #9
erupter, il led blu sarebbe troppo tamarro!! luce bianca come tutti, via...

Sta tecnologia deve arrivare a qualcosa, l'idea non è iperfantascientifica da Asimov.
D3stroyer04 Ottobre 2007, 15:21 #10
lol quella di miniaturizzare le ventole e metterle nella cpu mi ha davvero fatto ridere.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^