Nuove informazioni sulle future CPU Ryzen a 12 e 16 core

Nuove informazioni sulle future CPU Ryzen a 12 e 16 core

Attese per i prossimi mesi nuove declinazioni top di gamma dei processori AMD Ryzen, capaci di offrire prestazioni estremamente elevate in ambito multitasking grazie ad un numero di core che sale sino a 16 per socket

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Processori
RyZenAMDIntelCore
 

Aumentano le indiscrezioni legate al prossimo debutto di una particolare versione di CPU AMD della famiglia Ryzen dotata al proprio interno di ben 16 core, il doppio rispetto a quelli abbinati alle CPU Ryzen 7 attualmente presenti in commercio (la nostra analisi prestazionale è online a questo indirizzo). Soluzioni di questo tipo abbinerebbero tecnologia SMT per poter elaborare sino a 32 threads in parallelo, unita a controller memoria DDR4 quad channel, andando a posizionarsi quali dirette alternative alle soluzioni Intel HEDT basate su socket LGA 2011-v3.

Questi processori adotteranno un nuovo tipo di schede madri, dotate di socket indicato con il nome di SP3r2. Per queste soluzioni sono al momento attuale attese schede madri basate su chipset indicato con il nome di AMD X390, soluzioni che debutteranno in concomitanza con il rilascio di queste nuove CPU.

AMD prevede di presentare le proprie soluzioni della famiglia Naples per sistemi server nel corso del secondo trimestre 2017. Possiamo quindi ipotizzare che il debutto di queste nuove proposte Ryzen con 16 core possa avvenire tra Q2 e Q3, allineandosi al periodo di lancio delle nuove CPU Intel della famiglia HEDT basate su architettura Skylake-E.

Le indiscrezioni apparse online in questi giorni indicano per tali CPU con 16 core un TDP pari a 180 Watt, con frequenze di clock che varierebbero tra 3,1 GHz quale base clock e 3,6 GHz come boost clock. Un processore di questo tipo, sulla carta, sarebbe quindi capace di offrire il doppio della potenza di calcolo di una CPU AMD Ryzen 7 1700 quantomeno con riferimento al clock e al numero di core.

Sono anche apparse online informazioni su una versione di CPU dotata di 12 core, capace di processare 24 threads in parallelo. Un modello di questo tipo ha sulla carta perfettamente senso in quanto permetterebbe ad AMD di offrire una gamma più ampia di opzioni per la propria piattaforma con chipset AMD X390. Un modello di questo tipo sarebbe ottenuto affiancando due die a 6 core ciascuno, mantenendo ovviamente controller memoria di tipo quad channel DDR4 al pari della declinazione a 16 core.

Con una famiglia di prodotti di questo tipo AMD sembra essere pronta a contrastare Intel in tutti i settori del mercato dei PC desktop, con alternative tanto per le soluzioni socket LGA 2011v3 come per quelle LGA 1151.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axel.vv27 Marzo 2017, 10:47 #1
mi sa che server con queste CPU conviene raffreddarli così:
https://en.wikipedia.org/wiki/Server_immersion_cooling
rockroll27 Marzo 2017, 13:38 #2
Originariamente inviato da: Axel.vv
mi sa che server con queste CPU conviene raffreddarli così:
https://en.wikipedia.org/wiki/Server_immersion_cooling


Non credo ne abbiano bisogno, si tratta di 180 W da smaltire su area doppia rispetto agli R 7 (quindi 90+90 W).

A parte questo, la soluzione di refrigerazione ad immersione diretta in liquido dielettrico (magari h2o puro) è da tempo che mi chiedo perchè non viene adottata come standard: se fornita in stock e quindi in volumi direttamente dalle case produttrici, sarebbe una soluzione decisamente efficiente oltre che silente e magari risparmiosa (un progetto che preveda all'origine CPU (e non solo) così "boxate" dovrebbe portare ad un sovraprezzo non superiore al costo di dissipatori tradizionali).
Tutto quel che produce calore (ALI, CPU, GPU ...) sarebbe così "boxato"; su ogni box si innesterebbero tubicini di ingresso ed uscita che li collegano uno ad uno e che alla fine passono per un dissipatore direttamente affacciato su una fiancata del Case e provvisto di una miniventola ad immersione che mette in circolazione un liquido da pochi euro a decilitro!
Odio i brevetti, l'idea è FREE
tuttodigitale27 Marzo 2017, 13:56 #3
cerco di completare la notizia..
l'esemplare in questione (16 core 3,1/3,6GHz@180W), è uno step B1, quello usato per Ryzen, ma NON è un Qualification Sample. Le frequenze e/o il TDP non sono quelli definitivi
Sinceramente io mi aspetto con quel TDP, un 3,4GHz base come minimo per il modello di punta.
tuttodigitale27 Marzo 2017, 14:07 #4
la Fury, GPU da 300W è raffreddata efficacemente da un sistema aio a liquido non particolarmente prestante rispetto ai canoni tipici dei sistemi di dissipazione delle CPU. Questo perchè il calore è maggiormente distribuito all'intero del die rispetto ad una CPU.
Axel.vv27 Marzo 2017, 16:21 #5
Sì sì, certo, non intendevo dire che sia strettamente necessario adottare un sistema di raffreddamento ad immersione, ma che potrebbe essere più conveniente di uno ad aria.
IBM con il power 6, se non ricordo male, aveva optato per il raffreddamento a liquido.
Micene.106 Maggio 2017, 16:55 #6
che goduria sarebbe vedere intel contrastata anche sul segmento workstation e server

amd sta facendo un lavorone....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^