Nuova fabbrica AMD a Dresda

Nuova fabbrica AMD a Dresda

La compagnia dichiara di essere in perfetto orario sulla tabella di marcia per la realizzazione del nuovo impianto in Germania

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:32 nel canale Processori
AMD
 

Nella giornata di ieri AMD ha confermato di essere perfettamente entro i piani stabiliti per la costruzione della nuova fonderia per la produzione di chip a Dresda, in Germania. La compagnia pare abbia completato la costruzione dell'edificio ed è quindi in procinto di installare le infrastrutture necessarie per il primo stabilimento a 300mm.

AMD ha iniziato le prime operazioni per la realizzazione dello stabilimento in data 20 Novembre 2003. Il nuovo impianto, chiamato AMD Fab 36, fa parte di AMD Fab 36 LLC & Co. KG ed è realizzato nei pressi della AMD Fab 30 di Dresda.

La Fab36 avrà un costo totale di 2,4 miliardi di dollari. AMD ha ottenuto 1,5 miliardi come aiuto: 500 milioni da sussidi, 700 milioni come prestito e 300 milioni in egual misura da due partner, quali Saxony e una serie di finanziatori Europei. I restanti 900 milioni saranno versati dalla stessa AMD.

L'edificio, comprensivo di infrastrutture, dovrebbe essere completato nel tardo 2004. La compagnia inizierà con l'installazione degli equipaggiamenti appena prima la fine dell'anno in corso e nella prima metà del 2005 avvierà le procedure per la qualifica dei prodotti. La Fab36 dovrebbe avviare la produzione in volumi per il 2006. Il nuovo impianto permetterà l'assunzione di circa 1000 persone.

La Fab 36 realizzerà chip in wafer da 300mm con processo produttivo a 65 nanometri; inizialmente la capacità produttiva della fabbrica sarà di 13.000 wafer da 300mm al mese, ma i piani sono quelli di giungere ad una capacità produttiva di 20.000 wafer al mese.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

64 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Nikobeta18 Maggio 2004, 14:38 #1
Un altro treno che l'Italia ha perso, e non mi dite che il costo della mano d'opera ed infrastrutture è minore in Germania :-)
Certo che fra scioperi, scioperini, girotondi, girotondini, tangenti e briciole di milioni di € che si perdono tra le mani di chi sposta i fogli bollati, come si fà a raccomandare di investire in Italia?
LASCO18 Maggio 2004, 14:43 #2
In questo caso oltre alla mancanza di competitività in particolare in certi settori dell'Italia, bisogna anche considerare che la Germania, soprattutto dopo il secondo dopoguerra, è una delle nazioni europee all'avanguardia in ambito tecnologico.
Ad esempio, almeno fino a pochi anni fa, il treno a levitazione magnetica, oltre che in Giappone, è stato sperimentato solo in Germania.
flutterboy18 Maggio 2004, 14:52 #3
In questo caso oltre alla mancanza di competitività in particolare in certi settori dell'Italia, bisogna anche considerare che la Germania, soprattutto dopo il secondo dopoguerra, è una delle nazioni europee all'avanguardia in ambito tecnologico.
Ad esempio, almeno fino a pochi anni fa, il treno a levitazione magnetica, oltre che in Giappone, è stato sperimentato solo in Germania


infatti dove si svolge il cebit? (una delle più importanti fiere della tecnologioa al mondo!!!)
TyGerONE18 Maggio 2004, 14:54 #4

L'erba del vicino

è sempre più verde
DioBrando18 Maggio 2004, 15:03 #5
Certo che fra scioperi, scioperini, girotondi, girotondini, tangenti e briciole di milioni di € che si perdono tra le mani di chi sposta i fogli bollati, come si fà a raccomandare di investire in Italia?


il discorso degli scioperi era già stato messo in mezzo in un altro thread e io come nell'altro consiglio di "soprassedere"...i problemi sono altri e riguardano una certa avversione politica ( a tout court, nè di sx nè di centro nè di dx) per l'investimento nei giovani e nella ricerca...

Se mi si dice che l'AMD n è venuta perchè qlc migliaio di persone fà i girotondi in piazza non posso che mettermi a ridere
Gekker18 Maggio 2004, 15:11 #6
Originariamente inviato da Nikobeta
Un altro treno che l'Italia ha perso, e non mi dite che il costo della mano d'opera ed infrastrutture è minore in Germania :-)
Certo che fra scioperi, scioperini, girotondi, girotondini, tangenti e briciole di milioni di € che si perdono tra le mani di chi sposta i fogli bollati, come si fà a raccomandare di investire in Italia?

Quoto in pieno.
Ciaoo
oxota18 Maggio 2004, 15:13 #7
Non vorrei dire baggianate ma come si legge per fare questa fabbrica hanno avuto un mare di sussidi statali che normalmente non possono essere erogati dallo stato, vedi multe ryanair in belgio e problemi alitalia da noi!
Penso che visto che la germania si e' dovuta accollare praticamente un paese sano (germania dell'est) li vige una qualche deroga europea per le sovvenzioni statali o altri tipi di aiuti, (tipo irlanda) che altri stati non possono operare.
Praticamente ora con l'ingresso dei nuovi paesi saremo fritti! la maggior parte dei soldi comuitari andra' a loro.
Scezzy18 Maggio 2004, 15:19 #8
Non c'e' nulla di abusivo nella FAB36 ecco perche' non e' in Italia. Troppo poco magna magna
lasa18 Maggio 2004, 15:34 #9
Mah....il problema in Italia è uno solo: è tutto troppo politicizzato e tutti fanno politica dai sindacati agli imprenditori questo è il vero problema.....mentre dovrebbero ognuno occuparsi del proprio settore....
Luca6918 Maggio 2004, 15:35 #10
Bhe si deve anche considerare due fatti: AMD ha giá una sede a Dresdna e non é l'unica! Infatti esiste un grosso polo tecnologico dove molte aziende nel settore dei semiconduttori hanno una loro sede! Quindi é facile trovare monodopera specializzata. In Italia chi mandiamo a fare gli Athlon, gli operai della FIAT? Magari bravissimi ad assemblare una punto, ma non di certo in grado di lavorare in una fabbrica di microchip!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^