Merom, Conroe e Woodcrest: il percorso di Intel per i prossimi mesi

Merom, Conroe e Woodcrest: il percorso di Intel per i prossimi mesi

Il quadro attorno a Merom, Conroe e Woodcrest sta prendendo forma. Unico comune denominatore: abbattere il consumo di energia

di pubblicata il , alle 15:28 nel canale Processori
IntelQuadro
 

In occasione dell' Intel Developer Forum Fall del mese di Agosto 2005, la compagnia di Santa Clara aveva illustrato la strategia a lungo termine per centrare l'obiettivo di fornire piattaforme mobile in grado di permettere ad un sistema notebook di arrivare alle 8 ore di autonomia operativa. Nel contesto rientra anche Panasonic che assieme ad Intel (a seguito di un accordo di partnership) è al lavoro per la realizzazione e lo sviluppo di una nuova tecnologia da applicare alle batterie.

Si tratta di un traguardo importante ed ambizioso, per il quale Intel sta già dimostrando con lungimiranza di avere le carte in regola per non mancare l'obiettivo prefissato. Gli attuali sistemi notebook basati su piattaforma Centrino Duo sono in grado di far registrare tempi di autonomia collocati in un range di 240-270 minuti. Il passo successivo sarà rappresentato dalla prossima piattaforma basata sul processore conosciuto con il nome in codice di Merom, che sarà reso disponibile sul mercato nel quarto trimestre dell'anno. Le prime informazioni relative a queste soluzioni, infatti, indicano un'autonomia operativa nell'ordine delle 5 ore.

Merom farà la propria comparsa nelle serie Core Duo T5000 e Core Duo T7000. Tutti i modelli saranno accomunati da una frequenza di FSB di 667MHz, mentre il quantitativo di cache di secondo livello dipenderà dalla serie di appartenenza: i processori Core Duo della serie T7000 saranno dotati di 4MB di cache mentre i processori della serie T5000 possiederanno 2MB di cache L2.

Inizialmente saranno lanciati quattro differenti modelli di processore e precisamente: T5600 con 1,83 GHz di frequenza operativa e prezzo di 241 dollari, T7200, con 2GHz di frequenza e 294 dollari, T7400 con 2,16GHz e prezzo di 423 dollari e infine T7600 con 2,33GHz di frequenza e 637 dollari. Nel corso della prima metà del 2007 sarà poi lanciato il modello T5500 che avrà una frequenza operativa di 1,6GHz ed un prezzo non ancora noto.

Merom sarà il cuore operativo della piattaforma Napa64, la naturale evoluzione a 64-bit delle odierne piattaforme Napa a 32-bit. Non è chiaro quali siano i piani attuali per l'aggiornamento dei processori Core Duo a 64-bit. Secondo le informazioni disponibili pare che nè Core Duo, nè la soluzione Sossaman (derivato di Core Duo per uso server) saranno oggetto di un aggiornamento a 64-bit. Fino all'arrivo di Merom, Intel dovrebbe lanciare un nuovo processore Core Duo (T2700 - 2,33GHz) e un nuovo processore Core Solo (T1400 - 1,83GHz). Vi sarà inoltre un nuovo processore T2300E che introdurrà, rispetto all'attuale T2300, il package BGA invece del tradizionale PGA.

Come abbiamo visto in precedenza, i modelli di processore Merom sono caratterizzati da una frequenza di FSB di 667MHz. Si tratta di un limite posto dalla piattaforma Napa64, dato che il processore, in realtà, è in grado di operare anche alla frequenza di FSB di 800MHz. Bisognerà aspettare il 2007, quando Intel introdurrà la nuova piattaforma Santa Rosa basata sul chipset "Crestline".

Il chipset Crestline sarà latore di diverse novità: oltre al supporto alle specifiche wireless 802.11n, il nuovo prodotto introdurrà il supporto alla tecnologia Intel LaGrande TPM (Trusted Platform Module) per interagire con la tecnologia NGSCB (Next Generation Secure Computing Base) del sistema operativo Windows Vista. Crestline, inoltre, dovrebbe abbandonare il supporto alla tecnologia Parallel-ATA e introdurre il supporto a due porte Serial-ATA aggiuntive. La piattaforma Santa Rosa prevede poi un aggiornamento del software Dorrington utilizzato per semplificare la condivisione di dati all'interno di una rete casalinga.

Merom fungerà da base di partenza per i futuri processori desktop, dando vita a Conroe (il cui nome commerciale dovrebbe essere Core Duo E5000/E6000). Anche in questo caso si dovrebbe assistere ad un consistente calo dei consumi, in virtù del minore dispendio energetico di Merom/Conroe: secondo i dati attualmente disponibili, infatti, i processori Conroe destinati al canale mainstream saranno caratterizzati da un TDP (Thermal Design Power) di 65 watt, rispetto ai 130 watt dell'attuale processore Pentium D 800.

Sempre da Merom prenderanno vita i processori Woodcrest, questa volta destinati all'ambito server. Nuovamente la parola d'ordine è "basso consumo": le informazioni preliminari indicano un TDP di 80watt per le versioni high end e di 40watt per i modelli entry-level. Woodcrest sarà commercializzato nel terzo trimestre dell'anno in corso con il nome di Xeon DP 5000 e sarà disponibile inizialmente in 6 diversi modelli (due dei quali con 1066MHz di FSB, mentre i restanti a 1333MHz) tutti accomunati da una dotazione di 4MB di cache L2 e disponibili in frequenze da 1,60GHz a 3GHz.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
samuello 8522 Febbraio 2006, 15:48 #1
molto interessante
HyperText22 Febbraio 2006, 16:04 #2
Salterei Merom a questo punto, salvo urgenze.
scannerj22 Febbraio 2006, 16:07 #3
Metterò in pensione il glorioso PIV Northwood 3.2 Ghz@3.60Ghz quando vedrò un Conroe all'altezza della situazione.Le premesse sembrano esserci tutte. (salto l'attuale generazione P IV D basata sul Prescott,poco interessante sia come prestazioni che come consumi)
mireste22 Febbraio 2006, 16:08 #4
qualcuno sa se e quando arriveranno sul minimac?
Luca6922 Febbraio 2006, 16:15 #5
Ma grande influenza nei consumi di un laptop ha lo schermo per non parlare poi dell'HD. Brava Intel, ma da sola non credo possa riuscire a raggiungere il target. A onor del vero, il mio portatile FS Centrino con due batterie giá consente di lavorare per otto ore :o (peró ora le batterie sono un po' esaurite e hanno dimezzato l'autonomia)
Coca-Cola22 Febbraio 2006, 16:25 #6
Coreduo e Merom hanno lo stesso soket ?
In tal caso con 300 euro potrei aggiornare l'iMac CoreDuo con un bel merom 2ghz
Ciocco@25622 Febbraio 2006, 16:28 #7
A prima vista i nomi dei processori assomiglieranno di più a quelli di amd...si confronteranno Core Duo E5000 con gli Athlon64-X2 5000+ ad esempio? O è solo coincidenza?
Direi che Napa64 uscirà in contemporanea a WindowsVista, pronto per i regali di natale. Spero che Yamato esca prima, ho bisogno di un portatile "tosto" al più presto

Comunque olè, sembra (finalmente) hardware nuovamente degno della fama di intel
Lelevt22 Febbraio 2006, 16:35 #8
Coca-cola, non confidare troppo su upgrade dei processori, con Intel devi sempre cambiare tutto anche se il socket è lo stesso.
Felix22 Febbraio 2006, 16:36 #9

Tutti rigorosamente

con il fritzchip nascosto/incorporato...
Fantastico, il futuro bussa alla porta.

E' inutile resistere, saremo assimilati.
dreaad22 Febbraio 2006, 16:50 #10
ma gli xeon MP rimarranno sull'architettura netburst??

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^