Matterhorn e Makalu, le nuove CPU ARM fino al 30% più veloci di Cortex-A78

Matterhorn e Makalu, le nuove CPU ARM fino al 30% più veloci di Cortex-A78

ARM ha annunciato che le sue prossime due generazioni di CPU, nome in codice Matterhorn e Makalu, offriranno un incremento prestazionale fino al 30%. Inoltre, a partire dal 2022, tutti i futuri core "big" della gamma Cortex-A supporteranno solo i 64 bit.

di pubblicata il , alle 09:21 nel canale Processori
ARM
 

Si chiamano Matterhorn e Makalu i due nuovi progetti in seno ad ARM che caratterizzeranno gli smartphone, e non solo, dei prossimi anni. Le due generazioni di CPU si collocano dopo i core Cortex-A78 e Cortex-X1 annunciati quest'anno e faranno capolino in gran parte delle proposte che vedremo tra il 2022 e il 2023 offrendo un boost prestazionale fino al 30% nel caso del salto da Cortex-A78 a Makalu.

ARM ha annunciato che a partire proprio da Matterhorn, tutti i futuri core Cortex-A ad alte prestazioni (l'azienda li definisce "big core") supporteranno solo i 64 bit, in modo da garantire maggiori prestazioni e sostenere i carichi di lavoro sempre più comuni in futuro come AI, XR (AR e VR) e il gaming mobile con una qualità grafica elevata.


Clicca per ingrandire

Il passaggio ai 64 bit consentirà inoltre agli sviluppatori di concentrarsi su un solo set di binari, riducendo così i tempi di arrivo sul mercato e i costi. Per il mondo mobile, questa novità non dovrebbe generare terremoti, infatti tanto Apple quanto Google stanno da tempo traghettando gli sviluppatori allo sviluppo di app solo a 64 bit.

ARM ha infine annunciato che la generazione di soluzioni Matterhorn introdurrà una nuova funzionalità di sicurezza chiamata Memory Tagging Extension (MTE) per affrontare le vulnerabilità che possono verificarsi nel sottosistema di memoria. "MTE rileverà violazioni di sicurezza della memoria in modo più semplice ed efficiente per tutti gli sviluppatori nell'ecosistema", sottolinea ARM.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^