Le future APU di AMD dei System on a Chip

Le future APU di AMD dei System on a Chip

Wichita e Krishna sono i nomi in codice scelti per le prossime generazioni di APU AMD destinate al segmento entry level: design finalmente di tipo single chip

di pubblicata il , alle 10:27 nel canale Processori
AMD
 

La prossima generazione di APU AMD destinate al segmento di fascia entry level, attualmente occupato dalle soluzioni Zacate e Ontario su piattaforma Bobcat, vedrà per la prima volta l'utilizzo di un approccio di tip single chip. Wichita e Krishna, questi i nomi in codice con i quali sono indicate le future APU, integreranno infatti al proprio interno CPU, GPU e chipset non richiedendo altre logiche di controllo esterne.

Queste soluzioni verranno costruite utilizzando tecnologia produttiva a 28 nanometri, con debutto previsto indicativamente all'inizio del 2012. Proprio grazie alla più sofisticata tecnologia produttiva sarà possibile integrare all'interno della APU anche il Fusion Controller Hub o FCH, semplificando di molto la realizzazione della scheda madre e riducendo i costi di produzione complessivi dei sistemi.

Tra le altre caratteristiche tecniche, anticipate dal sito DonanimHaber a questo indirizzo, segnaliamo il raddoppio nel numero massimo di core dagli attuali 2 a 4, il memory controller esteso al supporto dello standard DDR3-1600 con la possibilità di utilizzare anche moduli di tipo Low Voltage, un incremento delle prestazioni della componente GPU indicato in almeno il 25% e la disponibilità di versioni con TDP più ridotti rispetto a quegli attuali per specifici impieghi.

Le piattaforme Deccan, questo il nome scelto per la prossima generazione, avranno un TDP massimo pari a 20 Watt comprendendo in questo anche il north bridge integrato nella APU, componente che per la precedente generazione Brazos non veniva computato nel TDP standard. Per le versioni a basso consumo il TDP massimo sarà contenuto in 8 Watt, contro i 9 Watt delle attuali proposte Brazos della serie C.

Da segnalare infine l'integrazione nella APU di un modulo UVD di terza generazione, nel quale è stata integrata la tecnologia Secure Asset Management Unit che permette di bypassare la CPU x86 per le operazioni di decriptaggio di flussi video di tipo premium così da assicurare superiore autonomia ai dispositivi mobile nella riproduzione di contenuti multimediali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ilratman23 Agosto 2011, 10:40 #1
Amd ci ha visto bene e il soc completo è il futuro.
gran cosa le apu speriamo ci sia sempre un maggiore utilizzo anche da parte del sw.
WarSide23 Agosto 2011, 11:34 #2
Dopo un samsung NC10 preso a 150€ (non ci avrei speso neanche un € in più, perché IMHO non ce li vale un net con atom), aspetto con trepidazione i nuoi net con le APU amd next gen
MikDic23 Agosto 2011, 11:50 #3
Finalmente dopo aversi fatte le ossa, ed in parte se le è rotte per via di atom e phenom I.... può dare una svolta al mercato.
Xile23 Agosto 2011, 12:44 #4
Devono stare attenti ad ARM però
marchigiano23 Agosto 2011, 13:41 #5
sarà il silicio BULK di GF vero? speriamo sia buono fin da subito...

vedo una convergenza tra soluzioni arm e x86, tra un paio d'anni ci sarà una bella lotta
WarSide23 Agosto 2011, 14:13 #6
Originariamente inviato da: marchigiano
sarà il silicio BULK di GF vero? speriamo sia buono fin da subito...

vedo una convergenza tra soluzioni arm e x86, tra un paio d'anni ci sarà una bella lotta


Una APU amd con 2core arm+2/4core x86 + GPU e sono tutti felici e contenti
Anthonylm23 Agosto 2011, 14:20 #7
Originariamente inviato da: ilratman
Amd ci ha visto bene e il soc completo è il futuro.
gran cosa le apu speriamo ci sia sempre un maggiore utilizzo anche da parte del sw.


quoto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^