La Federal Trade Commission muove pesanti accuse a Intel

La Federal Trade Commission muove pesanti accuse a Intel

L'FTC accusa Intel di aver condotto pratiche di commercio sleale nel corso dell'ultimo decennio per proteggere la propria posizione dominante sul mercato

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:12 nel canale Processori
Intel
 

La Federal Tade Commission ha pubblicato oggi un comunicato tramite il quale rende noto di aver avviato un esposto nei confronti di Intel in materia di pratiche di commercio sleale. Riportiamo di seguito la traduzione del comunicato stampa, che può essere consultato in versione originale e in lingua inglese a questo indirizzo.

La Federal Trade Commission statunitense (di seguito FTC) ha accusato Intel Corporation di aver utilizzato illegalmente la propria posizione dominante sul mercato nel corso dell'ultimo decennio per soffocare la concorrenza e rafforzare il proprio monopolio.

Nell'esposto la FTC sostiene che Intel ha finanziato una sistematica campagna per escludere i microchip concorrenti delle realtà rivali tagliando fuori il loro accesso al mercato. Con queste pratiche Intel ha privato i consumatori della possibilità di scelta e dell'innovazione dei microprocessori e delle CPU.

Secondo l'esposto della FTC, le tattiche anticompetitive di Intel sono state mirate a porre un freno ai quei prodotti concorrenti e con caratteristiche superiori che avrebbero messo in pericolo il suo monopolio nel mercato delle CPU. Nel corso dell'ultimo decennio questa strategia ha garantito il mantenimento del monoplio Intel alle spese del consumatore, al quale è stato negato l'accesso a CPU non-Intel potenzialmente superiori e a prezzi più bassi.

"Intel ha ingaggiato una deliberata campagna per azzoppare le minacce competititve al suo monopolio" ha dichiarato Richard A. Feinsten, Direttore del Bureau of Competition della Federal tRade Commission. "Ha calpestato i principi del fair play e le leggi che proteggono la competizione sui meriti. L'azione della Commissione cerca di rimediare al danno che Intel ha causato alla competizione, all'innovazione ed infine al consumatore Americano".

L'esposto della FTC sostiene che Intel ha portato avanti la propria campagna anticompetitiva utilizzando minacce e ricompense mirate verso i principali produttori di sistemi PC come Dell, Hewlett-Packard e IBM, allo scopo di costringerli a non acquistare CPU dai concorrenti. Intel ha inoltre usato queste pratiche, conosciute come commercio esclusivo o restrittivo, per evitare che i produttori di computer commercializzassero qualunque sistema con chip non-Intel.

Inoltre, si legge nell'esposto, Intel avrebbe segretamente riprogettato un software chiave, il compilatore, in maniera tale che affliggesse negativamente e deliberatamente le prestazioni delle CPU dei concorrenti. Intel ha comunicato ai propri clienti e al pubblico che il software funziona meglio su processori Intel rispetto a processori della concorrenza, ingannandoli poiché ha evitato di rivelare che queste differenze sono dovute largamente o interamente alla progettazione del compilatore Intel.

Riuscendo a rallentare l'adozione di CPU concorrenti nel corso dell'ultimo decennio fino a che non sia stata in grado di raggiungere concorrenti come Advanced Micro Devices, Intel ancora una volta si trova indietro rispetto alla concorrenza - questa volta nel mercato critico delle GPU ed in altri mercati correlati. Questi prodotti hanno allentato le necessità di una CPU e pertanto hanno posto una minaccia al potere di monopolio di Intel.

Intel ha risposto a questa sfida della concorrenza imbarcandosi in una simile strategia anticompetitiva, che mira a preservare il suo monoplio delle CPU smussando la potenziale competizione dei chip GPU come quelli prodotti da NVIDIA, si legge nell'esposto della FTC. Come parte di quest'ultima campagna, Intel ha confiuso ed ingannato i potenziali concorrenti al fine di proteggere il suo monopolio. L'esposto asserisce che inoltre vi è una pericolosa probabilità che i metodi di competizione sleali di Intel possano permetterle di estendere il proprio monopolio al mercato GPU.

Secondo l'esposto della FTC, le tattiche anticompetitive di Intel violano la Sezione 5 dell'FTC Act, che è di più ampio respiro rispetto alle leggi antitrust e proibisce di fare uso di metodi di competizione sleali e di atti e pratiche ingannevoli nel commercio. In maniera critica, a differenza di una violazione antitrust, una violazione della Sezione 5 dell'FTC Act non può essere impiegata per stabilire la responsabilità per la parte lesa di chiedere danni triplicati in contenziosi privati contro lo stesso imputato. L'esposto inoltre sostiene che l'impegno di Intel nella monoplizzazione illegale, nel tentativo di monopolizzazione e nel mantenimento del monoplio, sia in violazione della Sezione 5 dell'FTC Act.

Per porre rimedio ai danni citati nell'esposto, l'FTC chiede un'ordinanza che includa clausole per le quali venga impedito ad Intel di utlizzare minacce, prezzi bloccati o altre offerte per incoraggiare accordi esclusivi, per ostacolare la concorrenza o per manipolare in maniera sleale il prezzo di CPU o GPU. La FTC chiede inoltre un'ordinanza che vieti ad Intel di escludere od inibire in maniera irragionevole la vendita di CPU o GPU e vieti ad Intel di realizzare o distribuire prodotti che influenzino negativamente le prestazioni -o le prestazioni apparenti- di CPU o GPU non-Intel.

Un'udienza presso un giudice amministrativo è stata programmata per il prossimo settembre 2010. La Commissione emette un esposto quando ha ragione di credere che la legge è stata o sarà violata, e la Commissione procede secondo l'interesse pubblico. L'esposto non stabilisce che la parte chiamata in causa abbia violato la legge. L'esposto segna l'avvio di un procedimento nel quale le accuse saranno giudicate dopo un'udienza formale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ratatosk16 Dicembre 2009, 17:16 #1
Va a finire che smembrano Intel in 3 o 4 pezzi...
gefri16 Dicembre 2009, 17:21 #2
e amd guadagna il 5%, quale miglior regalo di compleanno?
checo16 Dicembre 2009, 17:22 #3
bene, le mie azioni amd hanno gudagnato il 5% oggi.
per la prima volta entra in gioco il compilatore ottimizzato intel, speriamo vietino ad intel di fare compilatori e diano in mano tutto ad un cosorzio che gestisca l'isa x86.
peccato però inizino tra un anno a far qualcosa.
atomo3716 Dicembre 2009, 17:23 #4
cavolo sono venuti tutti al pettine i nodini per intel!
Sammy Jankis16 Dicembre 2009, 17:24 #5
Certo che pure l' FTC si è svegliata presto....

Dopo Microsoft finalmente inizia lo sputtanamento del colosso mafioso intel, ci sarà da ridere....o piangere.
checo16 Dicembre 2009, 17:27 #6
Originariamente inviato da: gefri
e amd guadagna il 5%, quale miglior regalo di compleanno?


intel mi ha fatto un bel regalo sto mese da 6 a 9 dollari ad azione
Ratatosk16 Dicembre 2009, 17:28 #7
Originariamente inviato da: checo
bene, le mie azioni amd hanno gudagnato il 5% oggi.
per la prima volta entra in gioco il compilatore ottimizzato intel, speriamo vietino ad intel di fare compilatori e diano in mano tutto ad un cosorzio che gestisca l'isa x86.
peccato però inizino tra un anno a far qualcosa.


Sai che pacchia sarebbe per nVidia, con l'ISA x86 aperto
Obelix-it16 Dicembre 2009, 17:31 #8
Originariamente inviato da: Sammy Jankis
Certo che pure l' FTC si è svegliata presto....

Dopo Microsoft finalmente inizia lo sputtanamento del colosso mafioso intel, ci sarà da ridere....o piangere.

E' cambiato presidente. Ci fosse ancora Bushino, l'FTC avrebbe continuato a starsene zitta...
Severnaya16 Dicembre 2009, 17:38 #9
io sto zitto altrimenti mi perseguitano
cd12516 Dicembre 2009, 17:42 #10
vediamo se anche questa volta intel elargirà una bella mazzetta ad AMD in modo da far finta di nulla...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^