L'architettura Skylake è responsabile dell'addio di Apple a Intel?

L'architettura Skylake è responsabile dell'addio di Apple a Intel?

Secondo un ex ingegnere Intel, la scelta di Apple di passare a processori progettati in casa basati su architettura ARM per i propri computer nasce cinque anni fa, quando la casa di Cupertino constatò grandi problemi qualitativi nell'architettura Skylake di Intel.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Processori
IntelApplemacOSiMacMacBookMac Pro
 

Questa settimana Apple ha confermato e illustrato l'intenzione di abbandonare i processori Intel sui Mac nel corso dei prossimi due anni per passare a soluzioni progettate in casa denominate Apple Silicon. Secondo la casa di Cupertino questo passaggio porterà a un consolidamento delle piattaforme (chip ARM su tutti i prodotti) e dell'esperienza, nonché vantaggi sia sul fronte delle prestazioni che dei consumi.

Intel, tramite un portavoce, non ha commentato nel merito la scelta di Apple, limitandosi a parlare di "un cliente in diverse aree del mercato" e sottolineando "continuerà a supportarli": è chiaro che è un voltafaccia che brucia, e molto. Ovviamente nemmeno l'azienda guidata da Tim Cook ha disquisito sulle esatte motivazioni della sua decisione, lasciando aperta la porta al classico chiacchiericcio.

Secondo quanto affermato a PC Gamer da François Piednoël, ex ingegnere di Intel, la ragione per cui Apple ha deciso di prendere le redini della progettazione dei chip per i propri computer si deve a Skylake, architettura alla base dei processori del 2015 e che ha rappresentato le fondamenta delle soluzioni degli ultimi cinque anni. Secondo Piednoël, l'architettura era piena di bug e Apple questo problema non sfuggì.

"La garanzia della qualità di Skylake era più che un problema. Era incredibilmente negativa, con tante piccole cose che non andavano. I nostri amici di Apple diventarono i numeri uno a segnalare i problemi nell'architettura. Ed era chiaramente un male. Quando il tuo cliente inizia a trovare quasi più bug di quelli che trovi tu stesso, non stai andando nella direzione giusta".

"Questo è il momento in cui i ragazzi di Apple che stavano da sempre contemplando il passaggio, scelsero di procedere. La cattiva qualità di Skylake è fondamentale la responsabile per la decisione di Apple di abbandonare la piattaforma".

La scelta di Apple di abbandonare i chip Intel ha subito probabilmente un'ulteriore accelerazione con la scoperta delle falle di sicurezza nelle architetture Intel dell'ultimo decennio, senza dimenticare gli anni di ritardo da parte di Intel nella messa a punto di processi produttivi migliori (funzionali alla creazione di chip che consumano meno e sono più veloci) e la conseguente assenza di nuove architetture.

La svolta di Apple potrebbe portare un qualche scossone nel mercato PC, anche se per ora in ambito Windows i tentativi di passare ai chip ARM da parte dei produttori non hanno incontrato il successo sperato, di pubblico e di critica.

In attesa di saperne di più (e ci piacerebbe molto...), dobbiamo accontentarci delle parole di Piednoël, da prendere comunque con una certa cautela, dato che ha lasciato Intel nel 2017 e potrebbe avere più di qualche sassolino da togliersi dalle scarpe.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giovanni6925 Giugno 2020, 16:32 #1
"I nostri amici di Apple diventarono i numeri a segnalare i problemi nell'architettura"

manca un.... uno.....

Originale: "Basically our buddies at Apple became the number one filer of problems in the architecture."
Opteranium25 Giugno 2020, 16:53 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
l'architettura era piena di bug e Apple questo problema non sfuggì.

manca un "ad"..

In merito alla notizia, vuol dire che apple si farebbe una base completamente ARM centrica, senza più x86? Notevole, anche per la difficoltà a ricompilare tutto il software, ma immagino che fare tutto in casa sia di grande aiuto
jepessen25 Giugno 2020, 17:26 #3
Originariamente inviato da: Opteranium
manca un "ad"..

In merito alla notizia, vuol dire che apple si farebbe una base completamente ARM centrica, senza più x86? Notevole, anche per la difficoltà a ricompilare tutto il software, ma immagino che fare tutto in casa sia di grande aiuto


Infatti loro lo possono fare perche' usano il loro sistema operativo, decidono loro su cosa farlo girare. Qualsiasi altra casa produttrice deve utilizzare architetture x86 dato che chi la fa da padrone e' windows.

Comunque per me si stanno dimenticando due punti fondamentali, che credo abbiano avuto una forte influenza nella decisione

[LIST]
[*]Economico: Apple semplicemente adesso e' in grado di farsi i chip in casa, quindi e' molto piu' conveniente poter sfruttare questo know-how anche in ambito desktop che lasciarlo solo al mobile. Possono progettare i processori per tutti i dispositivi.
[*]Software: Adesso non devono piu' gestire i loro sistemi operativi per due architetture distinte, ma per una soltanto, semplificando in maniera enorme la condivisione della codebase, per poter condividere piu' codice e funzionalita' senza proccuparsi dei patemi dei dettagli implementativi delle due architetture. Anche qua si risparmia notevolmente denaro, sia perche' eviti di fare diverse librerie due volte, sia perche' unificare lo sviluppo semplifica anche il loro aggiornamento.
[/LIST]

Rimane la magagna dell'adattamento del software preesistente, ma a meno di librerie che utilizzano codice direttamente in assembler o specifi comandi dei linguaggi che operano a basso livello, basta 'teoricamente' ricompilare il codice con la nuova architettura, rifattorizzando le parti incompatibili. Se invece si hanno programmi x86 da fare andare su arm ci saranno degli emulatori, come fu Rosetta ai tempi che furono.
andbad25 Giugno 2020, 17:34 #4
Originariamente inviato da: jepessen
Rimane la magagna dell'adattamento del software preesistente, ma a meno di librerie che utilizzano codice direttamente in assembler o specifi comandi dei linguaggi che operano a basso livello, basta 'teoricamente' ricompilare il codice con la nuova architettura, rifattorizzando le parti incompatibili. Se invece si hanno programmi x86 da fare andare su arm ci saranno degli emulatori, come fu Rosetta ai tempi che furono.


Apple è già migrata da PowerPC (sbaglio?) a Intel nei tempi che furono. Spero che in questi anni abbiamo costruito un infrastruttura software che gli permetta di passare da una piattaforma HW ad un'altra senza eccessivi traumi.

By(t)e
FroZen25 Giugno 2020, 17:47 #5
Eh ma se vuoi primeggiare nel gaming............. i bug permettono di oneshottare con migliore precisione in fortnite
baruk25 Giugno 2020, 17:50 #6
Apple passo ai processori Intel perchè più performanti degli obsoleti PowerPC. Speriamo abbiano fatto bene i conti, allora Apple ebbe un grande riscontro di vendite, ma se fosse un buco nell'acqua, il mercato non perdonerebbe, soprattutto visti i costi.
FirePrince25 Giugno 2020, 18:05 #7
È sicuramente una mossa degna di nota, e sarà interessante vedere cosa riesce a fare Apple in ambito laptop/desktop, dopo aver dimostrato già di saperci fare con processori mobile (iPhone/iPad) e ultra mobile (Apple Watch), che sono i migliori nelle loro rispettive categorie.
Mparlav25 Giugno 2020, 18:11 #8
Se anche Apple cambiasse idea sulla nuova strategia Arm, tra 5 o 10 anni, Intel non potrebbe negargli il supporto.
E nemmeno Amd.
Resta un partner di peso che nessuno può permettersi d'ignorare.
recoil25 Giugno 2020, 18:11 #9
secondo me il piano è partito da prima, difficile che in soli 5 anni abbiano preso la decisione e completato il progetto
più probabile che Apple ci stesse già lavorando e che abbia accelerato la decisione aumentano gli investimenti dopo la delusione con Skylake

l'altra delusione è stata quella del 5G e anche in questo caso probabilmente già ci lavoravano da tempo, Intel ha faticato e alla fine ha mollato e Apple si è comprata la loro divisone 5G
acerbo25 Giugno 2020, 18:38 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Se anche Apple cambiasse idea sulla nuova strategia Arm, tra 5 o 10 anni, Intel non potrebbe negargli il supporto.
E nemmeno Amd.
Resta un partner di peso che nessuno può permettersi d'ignorare.


Partner di peso che rappresenta meno dell' 8% dell'indotto sulle vendite di personal computer e assemblati per intel e meno del 1% per amd ... poi si, a livello di immagine puo' essere un peso.
Tra qualche mese vedremo quanto va il loro SOC arm rispetto ad un Ryzen 5 con un ssd nvme da 4 soldi.
Prevedo sottilette con la mela con componenti proprietari saldati e incollati che vanno come soluzioni amd/intel entry level che costano il 35% di meno, ma la durata della batteria e l'os migliore di sempre né giustificheranno l'acquisto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^