L'architettura Skylake è responsabile dell'addio di Apple a Intel?

L'architettura Skylake è responsabile dell'addio di Apple a Intel?

Secondo un ex ingegnere Intel, la scelta di Apple di passare a processori progettati in casa basati su architettura ARM per i propri computer nasce cinque anni fa, quando la casa di Cupertino constatò grandi problemi qualitativi nell'architettura Skylake di Intel.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Processori
IntelApplemacOSiMacMacBookMac Pro
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pabloski25 Giugno 2020, 19:29 #11
Originariamente inviato da: baruk
Apple passo ai processori Intel perchè più performanti degli obsoleti PowerPC


Non proprio. Il problema era che IBM non aveva e non ha una roadmap per l'evoluzione dei processori Power. Tant'è che ha reso tutto opensource e chi vuole continuare a svilupparli lo faccia.

L'altro problema era il consumo energetico e relativo calore prodotto. Le prestazioni invece erano più che adeguate.

Originariamente inviato da: recoil
secondo me il piano è partito da prima, difficile che in soli 5 anni abbiano preso la decisione e completato il progetto


Come fecero all'epoca della migrazione da Power a x86. Passarono i 2-3 anni precedenti a produrre prototipi, portare software, testare, ritestare.

Non è gente che fa cose alla carlona e all'ultimo minuto. Li si può criticare per mille motivi, ma sanno il fatto loro.
marcoplacido25 Giugno 2020, 19:46 #12
Originariamente inviato da: acerbo
Partner di peso che rappresenta meno dell' 8% dell'indotto sulle vendite di personal computer e assemblati per intel e meno del 1% per amd ... poi si, a livello di immagine puo' essere un peso.
Tra qualche mese vedremo quanto va il loro SOC arm rispetto ad un Ryzen 5 con un ssd nvme da 4 soldi.
Prevedo sottilette con la mela con componenti proprietari saldati e incollati che vanno come soluzioni amd/intel entry level che costano il 35% di meno, ma la durata della batteria e l'os migliore di sempre né giustificheranno l'acquisto.


tranquillo, i numeri del lotto non te li chiedo
GaryMitchell25 Giugno 2020, 23:22 #13
Staremo a vedere quante persone sono disposte a mollare i trilioni di Mac x86 con tanto di software acquistato profumatamente e configurato per lavorare in ambito video e audio, nonchè con partizioni Bootcamp/Parallels che fanno girare anche Windows o virtual machine, per passare ai loro ARM che inizialmente, sono pronto a scommettere che saranno alquanto castrati in prestazioni, non compatibili con virtual machines/partizioni/core x86 ed estremamente carenti di software.

E vorrei far notare che sono ancora in catalogo e in vendita i MacBook Pro alla bellezza di QUATTROMILA EURO cadauno, senza menzionare studi e professionisti che hanno investito decine di migliaia di euro in Mac Pro e iMac Pro, i9 multicore.

Premesso che nel periodo post-covid in cui mezza umanità ha perso il lavoro, Apple pianifica l'abbandono di un ecosistema e relativo software, perfezionato e sbuggato negli anni perchè "non più in linea con Intel".

Beh' staremo a vedere chi li supporterà, sinceramente ho appena speso bel duemila eurozzi nell'ultimo Mac Mini e non ci penso minimamente a cambiarlo prima di 5/8 anni e se proprio Apple mi forzerà, manderò tutto nel cesso e passerò a un PC.

E NO, da programmatore. Vi dico che non basta lanciare il codice su un'altra cpu, cambiare due parametri assembly e ricompilare. ET VOILA'. Questo discorso si potrà fare per dei package swift compliant puri, qualsiasi struttura a basso livello, va riscritta da ZERO.

Questa è la quarta volta in meno di un ventennio che Apple migra architettura: Da motorola a Ibm, poi Intel e adesso ARM. Io dico basta, per quel che mi riguarda non sto piu' dietro ai giochini di Apple ora come ora non trovo piu' alcun valore aggiunto ai loro prodotti da giustificare queste politiche.
demon7726 Giugno 2020, 00:04 #14
Mah.. a me sta storia dell'abbandono della piattaforma X86 per colpa dei bug di skylake pare poco credibile.
Avrebbero potuto tranquillamente passare ad AMD se non erano soddisfatti di Intel, e comunque parliamo di una architettura che ha un vita limitata nel tempo, le soluzioni future saranno comunque differenti.

Il passo che volgiono fare e ben più grosso ed impegnativo, parliamo di un completo cambio di architettura con tutto quello che ne consegue, non certo una passeggiata.

La mia idea è che il pensiero di fondo sia davvero quella di slegarsi dai canoni per progettarsi in casa le CPU secondo le loro idee.
Il discorso è più che sensato nell'ottica di foler realizzare prodotti fotemente ottimizzati e diversificati dal resto del mercato.
Con una mossa del genere possono davvero dire di offrire un prodotto assolutamente diverso dallo standard di mercato.

Tuttavia la posta in palio qui è bella grossa.. le cose possono andare benissimo, ma anche malissimo. Soprattutto perchè tirare fuori dal cilindro cpu proprietarie in grado di competere ad armi pari con i prodotti di ditte specializzate che lo fanno da sempre con enormi investimenti in ricerca e sviluppo non è per nulla una strada in discesa.
andbad26 Giugno 2020, 09:12 #15
Originariamente inviato da: demon77
Mah.. a me sta storia dell'abbandono della piattaforma X86 per colpa dei bug di skylake pare poco credibile.
Avrebbero potuto tranquillamente passare ad AMD se non erano soddisfatti di Intel, e comunque parliamo di una architettura che ha un vita limitata nel tempo, le soluzioni future saranno comunque differenti.


Ricordiamoci che questo è una speculazione basata su un rumor...
Cioè, va bene l'affidabilità delle fonti, ma di ufficiale non c'è ancora molto e non sappiamo cosa effettivamente vuole fare Apple.
Magari vuole portare ARM sui MacBook e metterci su iOS.
Scherzi a parte, andiamoci cauti e stiamo a vedere.

By(t)e
AlexSwitch26 Giugno 2020, 09:44 #16
Originariamente inviato da: pabloski
Non proprio. Il problema era che IBM non aveva e non ha una roadmap per l'evoluzione dei processori Power. Tant'è che ha reso tutto opensource e chi vuole continuare a svilupparli lo faccia.

L'altro problema era il consumo energetico e relativo calore prodotto. Le prestazioni invece erano più che adeguate.



Come fecero all'epoca della migrazione da Power a x86. Passarono i 2-3 anni precedenti a produrre prototipi, portare software, testare, ritestare.

Non è gente che fa cose alla carlona e all'ultimo minuto. Li si può criticare per mille motivi, ma sanno il fatto loro.


Insomma... Le prestazioni del G5 ( 970FX ) al cospetto delle CPU Intel contemporanee erano abbastanza modeste. Il primo iMac Intel montava un Core Duo Yonah ed era così esuberante come potenza di picco che faceva girare codice PPC tramite Rosetta senza nessun ritardo apprezzabile da parte dell'utente.
Ma il problema più grosso, come hai giustamente scritto, erano i consumi a dir poco indecenti così come il calore prodotto, cosa che ha impedito ad Apple di produrre i PowerBook G5 per il segmento professionale che si è dovuto accontentare dei 32 bit fino all'entrata in commercio dei MacBook Pro.
pabloski26 Giugno 2020, 11:04 #17
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Le prestazioni del G5 ( 970FX ) al cospetto delle CPU Intel contemporanee erano abbastanza modeste.


Pure quelle del C64 rispetto alle CPU contemporanee. Ma Apple il passaggio l'ha fatto nel 2006, mica oggi. Il confronto va fatto tra G5 e CPU x86 dell'epoca.

Originariamente inviato da: AlexSwitch
Il primo iMac Intel montava un Core Duo Yonah ed era così esuberante come potenza di picco che faceva girare codice PPC tramite Rosetta senza nessun ritardo apprezzabile da parte dell'utente.


Molto del merito era di Rosetta.

Originariamente inviato da: AlexSwitch
Ma il problema più grosso, come hai giustamente scritto, erano i consumi a dir poco indecenti così come il calore prodotto, cosa che ha impedito ad Apple di produrre i PowerBook G5 per il segmento professionale che si è dovuto accontentare dei 32 bit fino all'entrata in commercio dei MacBook Pro.


E l'inesistente roadmap per il futuro.
andbad26 Giugno 2020, 11:28 #18
Originariamente inviato da: pabloski
Pure quelle del C64 rispetto alle CPU contemporanee. Ma Apple il passaggio l'ha fatto nel 2006, mica oggi. Il confronto va fatto tra G5 e CPU x86 dell'epoca.


E questo:

Originariamente inviato da: AlexSwitch
Il primo iMac Intel montava un Core Duo Yonah


cos'è?

By(t)e
recoil26 Giugno 2020, 11:29 #19
Originariamente inviato da: andbad
Ricordiamoci che questo è una speculazione basata su un rumor...
Cioè, va bene l'affidabilità delle fonti, ma di ufficiale non c'è ancora molto e non sappiamo cosa effettivamente vuole fare Apple.
Magari vuole portare ARM sui MacBook e metterci su iOS.


beh, ci girano le app iOS, non tutte ma quelle compatibili le mettono di default e lo sviluppatore che non vuole può evitarlo
al day one si ritroveranno con un app store sul Mac che avrà molte più app iOS che macOS (alcune delle quali Catalyst)
cosa faranno tra un po' di anni non è dato saperlo, può darsi ci sia una convergenza con iPadOS come può darsi che rimangano due mondi ben distinti, cosa che spero...

dal punto di vista dello sviluppatore comunque ha molto senso, perché fai la stessa app per i due mondi tenendo presente che su macOS hai i menù e il mouse e su iPadOS hai solo il touch
moltissimi sviluppatori iOS, tra cui il sottoscritto, non hanno mai voluto sviluppare su macOS perché AppKit era diverso, che ci fosse Intel o ARM non cambiava molto il discorso se non per l'uso di librerie terze parti, ma era proprio questione di framework
adesso con SwiftUI scrivi veramente lo stesso codice, fai pochi adattamenti per la UI dei vari ambienti e sei a posto, in più hai la compatibilità binaria quindi qualsiasi codice di terze parti se è per ARM ora puoi usarlo dappertutto
AlexSwitch26 Giugno 2020, 11:48 #20
Originariamente inviato da: pabloski
Pure quelle del C64 rispetto alle CPU contemporanee. Ma Apple il passaggio l'ha fatto nel 2006, mica oggi. Il confronto va fatto tra G5 e CPU x86 dell'epoca.



Molto del merito era di Rosetta.



E l'inesistente roadmap per il futuro.


Appunto... i G5 erano inferiori come prestazioni, di parecchio, già a partire dai Core Duo Yonah a loro contemporanee. Cosa avrei scritto altrimenti?

Molto del merito era dell'accoppiata Rosetta - x86!! Senza una CPU performante Rosetta avrebbe potuto far ben poco da sola!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^