ISSCC, Intel parla dei nuovi Xeon e dei System on a Chip

ISSCC, Intel parla dei nuovi Xeon e dei System on a Chip

Alla International Solid-State Circuits Conference gli ingegneri di Intel presenteranno ben quindici nuove documentazioni tecniche incentrate su altrettanti argomenti

di pubblicata il , alle 16:51 nel canale Processori
Intel
 

Sarà la manifestazione ISSCC, programmata per la settimana prossima a San Francisco, a fare da scenario ad una importante conferenza tecnica di Intel con il colosso americano andrà ad analizzare alcuni aspetti della microarchitettura Nehalem e fornirà importanti dettagli circa un nuovo tipo di System on a chip per prodotti handheld.

Gli ingegneri di Intel analizzeranno inoltre nuove tecniche di integrazione dei chip WWAN e WLAN all'interno dello stesso processore per riuscire ad aumentare in modo sensibile e sostanziale le performance.

Per quanto riguarda Nehalem, a parlare sarà Mark Bohr, Intel Senio Fellow: il vero argomento di discussione non sarà tanto l'architettura a 45 nanometri del colosso americano, già analizzata nel dettaglio in molte occasioni, quanto i prossimi processori Xeon a otto core, sviluppati con microarchitettura Nehalem. Il processore in questione, al momento conosciuto con il nome in codice di Nehalem-EX è caratterizzato dalla presenza di 2,3 miliardi di transitor, ed è atteso sul mercato server entro la fine dell'anno.

Intel parlerà anche di un argomento che spinge oramai dal 2007, la realtà MID, analizzando nuovi tipi di SOC (System on a chip) che saranno alla base dello sviluppo di nuovi modelli di dispositivi ultra-portatili.

Intel slide

Un aspetto particolarmente interessante che, a nostro avviso, merita di essere sottolineato, riguarda la convergenza che Intel vede, anche se in un futuro anteriore, tra CPU e SOC. Nel corso di una conferenza tenutasi per presentare l'evento che si terrà la prossima settimana lo stesso Bohr ha dichiarato:

"Chips are much more than just digital logic. They are really complex systems on a chip that involve digital logic, memory circuits, analog circuits, on die sensors and adaptive circuits… In the future, SOC products will merge more and more of these systems components onto a single chip or at least within a single package."

Il prossimo passo di Intel sarà dunque quello di portare il supporto alle reti Bluetooth, WiFi e WiMax all'interno del processore, cui, solo successivamente, ci tengono a sottolinare seguirà l'integrazione del componente grafico, come testimonia questa notizia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SwatMaster05 Febbraio 2009, 16:58 #1
Quindi mi spunterà l'antennino fuori dal procio?
realista05 Febbraio 2009, 18:10 #2
meglio cosi. per ora le vga esterne vanno benissimo.... è meglio integrare il bluetooth.. wifi e wimax....cosi non useremo piu le fastidiose antennine usb.....e non ci saranno piu problemi di driver.. perche suppongo tutto sara molto piu stabile... e penso anche le latenze miglioreranno in trasmissione.
supermario05 Febbraio 2009, 18:14 #3
col rischio che overcloccando la frequenza dell'antenna integrata la difesa ci sgami e ci mandi l'esercito a casa
gpat05 Febbraio 2009, 19:41 #4
Basta che non facciano pena come il Poulsbo. (niente SATA, GMA 500...)
StateCity05 Febbraio 2009, 20:21 #5
Una tecnologia ottima x i cellulari e per i notebbok che diventeranno sempre piu' leggeri.
Integrare le capacita' di comunicazioni wireless in un notebook ultraslim, alto solo 2 cm
sarebbe un vero successo.

Tutta questa integrazione spinta e' pero' inutile nel settore desktop PC, che ha il suo punto
di forza nella possibilita' di espansione e upgrade dell' hardware..
giovannifg05 Febbraio 2009, 23:39 #6
Originariamente inviato da: supermario
col rischio che overcloccando la frequenza dell'antenna integrata la difesa ci sgami e ci mandi l'esercito a casa




Originariamente inviato da: SwatMaster]Quindi mi spunterà



[QUOTE=StateCity]Una tecnologia ottima x i cellulari e per i notebbok che diventeranno sempre piu' leggeri.
Integrare le capacita' di comunicazioni wireless in un notebook ultraslim, alto solo 2 cm
sarebbe un vero successo.

Tutta questa integrazione spinta e' pero' inutile nel settore desktop PC, che ha il suo punto
di forza nella possibilita' di espansione e upgrade dell' hardware..


Concordo pienamente.
Davis506 Febbraio 2009, 08:24 #7
quindi il futuro e' nel SOC ?

l'importante e' che non si vada verso il SOCmel come diciamo qua a bologna...


lucusta06 Febbraio 2009, 11:23 #8
driver:
sia con periferica interna che esterna sempre uno ne devi avere, e se e' fatto male sempre gli stessi problemi avrai...

integrazione:
o sullo stesso chip o su un chip discreto, non credo che cambi molto come ingombro (la logica e' una cosa, ma trattamento dei segnali devi comunque trattarlo con sistemi analogici, come condensatori ecc); e' solo un'economia di scala, nel senso che costera' poco di piu' il chip CPU (percio' guadagnera' di piu' intel), senza dover integrare un'altro chip, che avra' , l'accoppiata chip CPU piu' chip comunicazione contro chip SOC, sicuramente un costo superiore, a discapito pero' del mercato di chi fa' i chip discreti...

giovamenti per l'utenza:
un 0.01% di autonomia in piu' per il minor consumo?
una minore latenza intra operazionale (perche' le latenze del protocollo sono standard)?
un infinitesimo risparmio economico (che comunque non ci sara' per il consumatore, perche' te lo faranno pagare ugualmente)?

i SOC sono gustosi quando riuniscono cose realmente ingombranti, pesanti ed energicamente esose, come CPU e GPU, per APU e LAN si puo' anche aspettare, e tantomeno per le WR.
Alx57908 Febbraio 2009, 11:41 #9
quoto lucusta

come al solito intel ci sconfigge tutti!!
vabbè è per dire che riescono sempre a trovare il modo per ricavarsi margini di retribuzione anche dove non ce ne sono. insomma le cpu-gpu sono troppo costose e complicate da realizzare? nessun problema, lasciamo che siano altri a sbatterci il muso. integrando una circuiteria piccola e semplice nella cpu e un firmware di poche righe per gestirla ecco fatta la cpu-wlan!
magari mi esprimo in modo grossolano però penso che il concetto di base si capisca: intel dal punto di vista delle scelte di marketing è 10 anni avanti tutti riuscendo sempre a vendere qlc di inutile (o quasi) a prezzo maggiorato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^