Intel sta pensando all'acquisizione di Altera

Intel sta pensando all'acquisizione di Altera

Potrebbe essere la più grande acquisizione dell'azienda di Santa Clara, arrivando a circa 10 miliardi di dollari. Intel potrebbe così sfruttare il know-how di Altera per migliorare la propria offerta sul mondo server

di pubblicata il , alle 10:22 nel canale Processori
Intel
 

Intel Corporation è in trattative con Altera, realtà specializzata nella progettazione di SoC e FPGA, per valutare la possibilità di un'acquisizione; la notizia è stata diffusa dal Wall Street Journal. L'operazione andrebbe a rafforzare la posizione di mercato di Intel e potrebbe assumere un valore di circa 10 miliardi di dollari, rappresentando la più grande acquisizione della storia dell'azienda di Santa Clara e superando quella di 7,7 miliardi condotta per annettere McAfee nel 2011.

Altera sviluppa processori, chip FPGA (Field Programmable Grid Array) e CPLD (Complex Programmable Logic Device) che sono usati in ambiente automotive, industrial, medicale, militare, delle telecomunicazioni, storage, High Performance Computing e in settori con speciali esigenze. Altera non solo vende chip, fornisce anche gli strumenti software, la proprietà intellettuale, i kit di sviluppo, i progetti di riferimento e gli SDK indirizzati a varie applicazioni. Intel già integra gli FPGA Altera all'interno di piattaforme HPC selezionate o li usa on-package con alcuni processori Xeon per determinati clienti.

L'acquisizione di Altera andrebbe inoltre a consolidare ulteriormente gli accordi di produzione già esistenti tra le due realtà, evitando quindi di mantenere fabbriche Intel sottoutilizzate. Intel potrebbe decidere di integrare più estensivamente FPGA e CPLD nei suoi processori Xeon permettendo quindi agli utenti finali di aggiungere una serie di funzionalità ai processori anche dopo la loro produzione. La personalizzazione delle CPU e delle piattaforme metterà Intel in una posizione di miglior competitività rispetto alle realtà che sviluppano SoC di classe server basati su architetture ARM. Aiuterà inoltre a competere contro il consorzio OpenPower capitanato da IBM.

Nel 2014 Altera ha raccolto vendite nette per 1,932 miliardi di dollari registrando un margine lordo del 66,4% e un utile netto di 472,65 milioni di dollari. La compagnia investe il 21% del fatturato, pari a più di 418 milioni di dollari, nelle attività di ricerca e sviluppo e impiega centinaia di milioni di dollari per la produzione di chip presso le fabbriche Intel Custom Foundry e presso TSMC. Se da un lato appare molto chiaro l'interesse e la motivazione dietro alla volontà di Intel di acquisire Altera, di contro un accordo di acquisizione sembra essere meno interessante per quest'ultima. Altera infatti compete direttamente sul mercato solamente con Xilinx, ha dei margini molto elevati e il già esistente rapporto con Intel le offre l'accesso a tecnologie produttive d'avanguardia. La compagnia collabora inoltre con altre realtà, fattore che le permette di rivolgersi a mercati differenti.

Intel e Altera non hanno rilasciato alcun commento ufficiale e sebbene non vi sia alcuna conferma, varie fonti indicano l'accordo come ormai prossimo alla stipula e un annuncio ufficiale nel giro di breve tempo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7730 Marzo 2015, 10:34 #1
L'aquisizione di proprietà intellettuali come quelle di Altera trovo che sia una cosa che ad intel possa fare davvero comodo.
Un prezzo di certo elevatissimo ma penso che il gioco valga la candela.

Di scorso molto diverso per quanto riguarda l'acquisiszione di Mcafee.. boh!
polkaris30 Marzo 2015, 11:31 #2
Se vuole restare nel giro per intel è una mossa obbligata. Si annuncia una competizione interessante con IBM nel supercalcolo.
bobobyall30 Marzo 2015, 13:34 #3
comunque FPGA è Field Programmable Gate Array...almeno scrivere giusto
WarDuck30 Marzo 2015, 20:01 #4
Originariamente inviato da: Antonio23
invece di pensare ad acquisire mediatek... mah...


Per farci?
bobafetthotmail31 Marzo 2015, 00:34 #5
Originariamente inviato da: Antonio23
...acquisire know how e OEM?
Ma hai visto la differenza tra gli ambiti coperti da Altera e Mediatek?
è un confronto impari eh.
GTKM31 Marzo 2015, 11:33 #6
Originariamente inviato da: Antonio23
e che c'entra col mio discorso?

le risorse finanziarie di intel non sono infinite, anche se non sembra. quindi se devono concentrarsi su acquisizioni, in mio parere dovrebbero puntare ai settori in cui non riescono a sfondare piuttosto che quelli dove non hanno rivali.


Forse pensano che questa acquisizione possa portare utili maggiori rispetto a quelli che otterrebbero con MediaTek.
bobafetthotmail31 Marzo 2015, 12:21 #7
Originariamente inviato da: Antonio23
e che c'entra col mio discorso?
Quale discorso? Hai detto solo che dovrebbe comprare mediatek per acquisire know-how e OEM, non perchè.
Se posti quello che pensi se ne può parlare, non per tutti è ovvio quello che è ovvio per te.

le risorse finanziarie di intel non sono infinite, anche se non sembra. quindi se devono concentrarsi su acquisizioni, in mio parere dovrebbero puntare ai settori in cui non riescono a sfondare piuttosto che quelli dove non hanno rivali.
Mi sembra che ci sia una certa rivalità con NVIDIA nel settore HPC, automotive, e altri nel settore di Altera.
Magari Intel è al comando, ma NVIDIA non è a letto fino al 2016 come AMD.

Inoltre, sono molto interessati ai FPGA, che sono degli acceleratori hardware riprogrammabili e mi sembrano tecnologia dal futuro interessante un pò ovunque anche in ambito PC anche se per ora sono orientati sul HPC e qualcosa di embedded.
Gli hanno fatto anche un contrattino amichevole, e Altera sta usando le loro fonderie a 14nm da un paio di anni con esclusive e tutto dove Intel si impegna a comprare solo FPGA Altera.

Mediatek che fa? SoC ARM scarsi da device mobile e embedded? Wifi e bluetooth?
Mediatek vende perchè ha prezzi bassi ed è ARM.
Intel fa già quella roba (non ARM ma ci siamo capiti) e sa fare di meglio tranquillamente anche per i fatti suoi.

FGPA sviluppati in-house da Intel? Non sanno neanche da dove partire.

A me sembra una scelta ovvia eh.
bobafetthotmail31 Marzo 2015, 18:22 #8
eh? per acquisire know how e OEM, ecco perchè.
Non fare lo gnorri. Lo stesso si potrebbe dire per giustificare l'acquisizione di un cantiere navale da parte di Intel. La domanda è che cosa se ne fa del know how e dell'OEM in un ambito che non gli importa o nel quale fa già e sa fare meglio?

non mi risulta.
Informati meglio http://www.eweek.com/servers/hp-del...rs-for-hpc.html
http://www.forbes.com/sites/greatsp...tive-portfolio/

gli FPGA sono tecnologia che esiste da 30 anni, non sono "acceleratori hardware riprogrammabili". sai com'è, ci ho lavorato.
Se è per questo anche le GPU esistono da tempo, ma solo recentemente NVIDIA sta dando la paga a Intel in campo HPC.
E glie le dava così tanto che Intel ha dovuto rispondere al fuoco con le schede Xeon Phi.

gli FPGA stanno tornando alla ribalta recentemente.

Non so su cosa hai lavorato nè quando, ma ti garantisco che un FPGA al momento è un acceleratore hardware riprogrammabile.

Sono usati per rendere più rapida l'esecuzione di codice di gestione di database, per far girare algoritmi all'interno di elaborazioni a scopo di ricerca scientifica (calcolo delle forze in atto per comprendere il corretto assemblaggio delle proteine ad esempio), per altro dove devi far girare del codice millemila volte ma progettare un acceleratore hardware dedicato non è pratico perchè appena cambi una virgola dell'algoritmo dopo devi cambiare acceleratore hardware.

vende perché ha prezzi bassi? caspita, intel pur di vendere sta vendendo sottocosto i suoi chip in mobile.
prezzi bassi e ARM. Intel fa ARM? No.

senza contare che la parte connettività di intel al momento le prende un po' da tutti.
Non so quanto questo sia rilevante, i chip mediatek fanno abbastanza cagare come CPU in genere, ma sono sempre degli 8core (in realtà 4 perchè big-little) quindi fa figo.

al massimo si parla di integrare parti riprogrammabili in alcuni processori di fascia server, la nicchia della nicchia.
Perchè da google vedo tanti studi che fanno prove di accelerazione hardware con FPGA?
Son tutti scemi o magari Intel ha un piano?
bobafetthotmail01 Aprile 2015, 08:10 #9
Originariamente inviato da: Antonio23
apprendo adesso che ad intel non importa del mobile...
Accaspita, e chi lo ha detto?

ci buttano 5 miliardi di dollari l'anno senza successo, se e' fare meglio questo mi arrendo.
Ho come il sospetto che il HPC sia un core businness di Intel, e che sia leggermente minacciato da NVIDIA e da altri con schede FPGA.
Se devono scegliere se salvare un core businness o tentare una mossa per espandersi in un'altro settore dove oggettivamente hanno poche probabilità, scelgono il core businness.

nvidia sull'automotive? hai idea dei competitor in quel market...
Ci sono macchine con soluzioni Nvidia (non quelle del CES ovviamente), e per le macchine sempre più automatizzate serve potenza di calcolo, non vedo tutta sta gran concorrenza nella forte potenza di calcolo per automotive.
2.5 miliardi di dollari all'anno (per le FPGA), noccioline.
lordi o netti? No perchè di guadagno netto Intel fa 10-12 miliardi (circa 50 miliardi di ricavi lordi), quindi se quel numero è un netto (o anche se è un lordo secondo me) Intel è interessata e fa bene ad esserlo. Soprattutto, da dove vengono sti dati?

Comunque, il fatturato di un anno solo è relativamente irrilevante, per stabilire se una tecnologia è in crescita o no quindi se è/sarà importante devi vedere il trend, l'incremento del fatturato/vendite negli anni.

Se ti limiti al valore assoluto di un anno solo vedi solo quando una cosa ha già successo, quindi non sei in grado di reagire per tempo come deve saper fare una azienda.

E se vedi i grafici di fatturato... è in crescita. Chiaramente in crescita.

sei tu che hai detto che la FPGA e' una tecnologia del futuro, mica io.
Ho detto "dal futuro interessante". Non significa la stessa cosa di "del futuro".

su xilinx e altera, fino a due anni fa.
Troppo generico. Anche un tecnico di un centro di riparazione oggetti elettronici lavora su Intel, AMD, SoC vari, eccetera ma non ha conoscenze comparabili a chi progetta la roba nonostante "lavorino entrambi su prodotti delle stesse marche".
è la categoria specifica di prodotto e che cosa ci fai che permette di capire che tipo di esperienza hai.

ma quando mai. sono sempre li', nei settori in cui servono. non sono mai declinati ne' sono tornati alla ribalta di recente.
Quindi dici che Intel li ha sempre messi negli Xeon e che sono sempre stati usati nel HPC anche in passato quando non potevano farlo perchè è solo dal 2010 (direi) che hanno iniziato ad essere abbastanza potenti perchè valesse la pena usarli?
Sei sicuro?
Mi dai anche una spiegazione logica e razionale per cui Altera dovrebbe avere avuto bisogno del processo produttivo a 14 nm di Intel in esclusiva mondiale nel 2013 e Intel è stata totalmente d'accordo e gli ha anche dato una fetta di oltre all'accesso alle sue fonderie se le FGPA restano quello che sono sempre state?
http://www.oregonlive.com/silicon-f...tract_manu.html

non so cosa intendi per acceleratore hardware riprogrammabile, l'FPGA non accelera un bel nulla.
Magari la roba con cui hai lavorato tu no, ma tanti FPGA sono acceleratori di calcolo che tu lo voglia o no.
"accelerano" nel senso che eseguono più velocemente alcune operazioni rispetto ad una CPU normale, esattamente come fanno gli ASIC del resto.

Varie schede per il computing con FPGA
http://www.synective.se/index.php/a...a-acceleration/
http://www.nallatech.com/altera-str...upports-opencl/
http://www.accelize.com/products/fp...ator-cards.html
http://www-01.ibm.com/support/knowl...8hcd/fcej12.htm

Microsoft che li usa per accelerare la gestione database del suo motore di ricerca http://www.enterprisetech.com/2014/...ed-bing-search/

utilizzo di un FPGA per accelerare calcoli di ricerca (nel 2011) con tutta una bella descrizione particolareggiata del procedimento.
http://www.biomedcentral.com/1471-2105/12/S1/S5

Altro articolo recente tanto per dire che non stanno dormendo.
http://www.sciencedirect.com/scienc...92523121400719X

Altre applicazioni http://kastner.ucsd.edu/research/ha...d-applications/

Xilinx parla di cose in questa press release
http://press.xilinx.com/2014-11-17-...the-Data-Center

e in generale in tutte quelle situazioni in cui una compagnia non ha volumi o non puo' sostenere i costi di una ASIC dedicata.
Come nel computing dove la capacità di essere riprogrammata e cambiare tipo di algoritmo che può gestire nel giro di decine di millisecondi (ovvio che sta "cambiando modalità" da una lista di modalità pre-impostate, non è che un programmatore umano riesca a fare granchè in così poco tempo) gli permette di fare quello che altrimenti dovrebbe essere fatto da un numero n di ASIC dedicate ad ogni singolo algoritmo del menga tutte collegate insieme al SoC o processore o quello che è.

Sono meno potenti di una ASIC ma occupano MOLTO meno spazio di una flotta di ASIC che fa la stessa cosa, più sono aggiornabili quindi se ottimizzi gli algoritmi non devi cambiare TUTTO.

Non tutto il computing è un ripetersi all'infinito della stessa identica operazione che non cambierà mai come i miner di bitcoin (che sono passati tutti tranquillamente al mining con ASIC).


questa frase non ha molto senso. spiegati meglio anche a livello tecnico, non temere di usare i termini tecnici appropriati.
Vedi qui. http://www.hpcresearch.nl/euroben/O.../fpga-accel.php
Non dimenticarti di guardare i 3 diversi tipi di FPGA che analizza (per quanto possibile), parla anche dei FPGA che usa Intel e dice chiaramente cosa fanno.

In Intel, come da quest'articolo, si parla di aggiungere logica riprogrammabile su alcuni processori di fascia alta, nicchia che piu' nicchia non si puo'.
Lo hanno già fatto eh. http://www.extremetech.com/extreme/...rformance-boost

Lo hanno già fatto anche in passato con dispositivi embedded, e spiegano cose https://embedded.communities.intel....rable-processor

in un SOC non c'e' solo la CPU. ed intel sulle altre componenti del SOC fa molta fatica, soprattutto su un SOC baseband dove la connettivita' dovrebbe essere quasi piu' importante dell'APPS processor.
ripeto, questo fa la differenza per un produttore di cinafonini o media center scrausi come il cliente standard mediatek?

O per un produttore di telefoni di fascia medio-bassa?

Perchè altrimenti è solo una questione di ARM vs x86 e di "preferisco un prodotto fatto dal cuggino in cina".
bobafetthotmail01 Aprile 2015, 13:53 #10
Originariamente inviato da: Antonio23
tu? "La domanda è che cosa se ne fa del know how e dell'OEM in un ambito che non gli importa o nel quale fa già e sa fare meglio?"
Stavo parlando in generale, non mi riferivo a mediatek.


vorrei vedere i numeri per cui Intel è minacciata da Nvidia sui HPC, non i sospetti.
http://www.forbes.com/sites/greatsp...the-hpc-market/

sarebbe anche interessante vedere i numeri del settore HPC e come si ripartiscono tra i vari competitor, con FPGA e senza.
Essendo che sta solo iniziando, dubito che esistano dati decenti senza avere accesso ai rapporti interni delle aziende del settore.

Nvidia nell'automobile proprio non c'è, i player sono ben altri (infineon, texas instruments, stm), nvidia avrà percentuali da zero virgola (non ho rincontrollato di recente ma di sicuro non è tra i primi 5 players).
Dove serve potenza di calcolo (progetti vari con sensori e telecamere) o gestione multimediale generalmente c'è un Tegra di mezzo.

vuoi i modelli di FPGA su cui ho lavorato?
Nah, chiunque potrebbe leggerli dal sito internet. Ho solo detto che dire quello che hai detto sopra non significa nulla quindi non ha senso dirlo.
eh? mi spieghi cosa vuol dire per una FPGA essere "potente"?
velocità di elaborazione dati, che altro?
sai perché usare un processo produttivo maggiore aiuta i produttori di FPGA? c'è solo un motivo... dovresti ben saperlo... giusto?
Stavo puntando il dito sul fatto che Intel in genere non firma contratti del genere per il processo produttivo top con chiunque.

ma ciò non vuol dire che il FPGA sia "un acceleratore". è come dire che un ASIC dedicata di quel compito sia un acceleratore di qualcosa.
Se li chiamano acceleratori hardware è perchè sono dei co-processori, cioè la FPGA o l'ASIC è affiancata ad una CPU normale di vario tipo nel SoC o nel computer. https://en.wikipedia.org/wiki/Hardware_acceleration
Ovviamente "accelerano" il sistema, visto che senza l'acceleratore il codice dovrebbe girare sul processore, che ci mette più tempo.
Se il coso è da solo è lui l'elaboratore principale quindi in teoria non accelera nulla, ma in vari casi li chiamano acceleratori lo stesso.

Può ospitare un soft processor ed eseguire codice per quel soft processor, con elevate penalty in termini di performance e power consumption. per non parlare delle dimensioni del die.
Ciò nonostante vedo incrementi prestazionali a due o tre cifre e il consumo è inferiore ad un singolo processore normale, tu come lo spieghi?

qui implementano l'algoritmo di GOR su FPGA, non ho idea di che tipo di algoritmo sia. ma come ti avevo detto, è molto semplice fare pubblicazioni perché una FPGA costa poco, è programmabile scrivendo relativamente poco codice VHDL, si può fare try and run ed aiuta allo scopo dell'articolo, cioè pubblicare...
E sul fatto che dimostrino che abbia performance e consumi migliori di un processore normale che mi dici?
Oh, dice che ha un incremento di velocità di esecuzione di 110 volte. cioè hai presente 110 volte?
Cioè ok che lo confrontano con un AMD Phenom 9650, ma... anche il processore migliore in commercio più di 10-20 volte quel phenom lì non spinge.

si sta parlando di soft processor su FPGA...
Con performance da uno a due ordini di grandezza migliori di una CPU general purpose, e consumi piuttosto contenuti.
Il problema dove lo vedi?

da tutti i link che hai postato si parla di riprogrammare l'FPGA nel senso di cambiare l'algoritmo che gira sul soft processor (in quanto ogni volta si parla di C/C++ programming for people with no or little experience in FPGAs -> no VHDL/Verilog).
Wat?
Un procio normale funziona mandandogli un algoritmo e poi lui lo segue e manipola dei dati. Cambi algoritmo, cambi risultato della manipolazione.
Quello che dici non lo capisco.
A me sembra ovvio che ottenga performance migliori perchè cambi/ottimizzi tipo di soft processor della FPGA a seconda del carico da gestire (visto che è soft) sennò dove sta la differenza rispetto a mandare l'algoritmo ad una CPU normale?

Se era solo un caso che il processore soft è ottimizzato per una certa cosa e fa quello tutto il santo giorno perchè non fare un ASIC allora?

sempre nicchia rimane, che l'abbiano già fatto o no.
Una nicchia dove anche IBM si sta buttando a pesce.
http://www.hpcwire.com/off-the-wire...-power-systems/

Magari tanto nicchia non è?

veramente è tutto tranne che una questione di X86 vs ARM. capisco che in un forum dove si parla al 99% di processori si possa pensare che il successo o meno di un SOC dipenda dal suo APPS processor, ma in realtà non avviene così per dei chip baseband.
La tua reticenza a fornire spiegazioni del perchè la pensi in un certo modo non è tanto bella sai. Io mi impegno per sostanziare una mia teoria e tu passi e dici "NO, non è così perchè lo so io" e poi cambi discorso o fai domande non attinenti.

Oh io ho fatto domande legittime, se mi dai risposte plausibili e magari qualche prova posso anche cambiare idea, se continui a dire no, no e no, rischi di fare la figura del vecchio bisbetico.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^