Intel spinge per i 65 nanometri

Intel spinge per i 65 nanometri

Il colosso dei processori è in linea con le tempistiche per l'introduzione dei processori a 65 nanometri sul mercato

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:50 nel canale Processori
Intel
 

Intel Corporation ha confermato di essere al lavoro con la seconda generazione del processo produttivo strained silicon a 65 nanometri esattamente secondo quanto già programmato nei piani originari. Secondo la compagnia le consegne dei prodotti realizzati a 65 nanometri e a 90 nanometri si invertiranno entro un anno circa.

Nel terzo trimestre del 2006 dovrebbe avvenire questa inversione, in modo particolare per gli stabilimenti D1D e D1C in Ariziona e 24E in Irlanda. Il primo prodotto commerciale realizzato a 65 nanometri potrà però lasciare le fabbriche già entro l'anno in corso. Sembra inoltre confermato il fatto che Intel intende lanciare cinque nuove CPU per il primo periodo del prossimo anno: Cedar Mill, desktop single-core; Dempsey, server dual-core; Presler, desktop dual-core; Yonah single-core e prodotti indirizzati all'ambito notebook.

Intel dovrebbe utilizzare gli stabilimenti che producono chip a 90 nanometri per la realizzazione di chipset ed altri componenti che non richiedono una tecnologia di produzione con transistor di piccole dimensioni.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf06 Maggio 2005, 14:56 #1
Bene, c'è da sperare che non si facciano fretta per far uscire i primi processori col nuovo processo produttivo rischiando di ripetere l'errore dei Prescott.
Ciao.
OverClocK79®06 Maggio 2005, 15:10 #2
speriamo nn incrontrino troppi problemi come i prescott

BYEZZZZZZZZZZZZZZ
silipaolix06 Maggio 2005, 15:25 #3
In teoria...se la nuova tecnologia costruttiva funziona bene, dovremmo avere una bella riduzione del calore e dei consumi...

Purtroppo in Prescott hanno ridotto solo la geometria dei componenti e per i transistor è stato colpo basso: diminuendo eccessivamente la superficie della BASE di essi, sono aumentate le correnti di dispersione, ottenendo l'effetto finale contrario(aumento calore e consumi)...
Se ora gli ingegneri hanno lavorato bene (sperema) dovremmo iniziare a vedere miglioramenti...bye bye
nonikname06 Maggio 2005, 15:32 #4
speriamo nn incrontrino troppi problemi come i prescott

BYEZZZZZZZZZZZZZZ


Intel sa di avere gli occhi del "mondo" puntati addosso : nessuna campagna pubblicitaria potrebbe salvarla di nuovo da un prodotto nato male come il prescott...
Sa anche che deve necessariamente gettare le basi di un architettura a lungo termine che sia il più scalabile possibile e , cosa più importante , deve rispondere a AMD che quest'anno l'ha umiliata in tutti i settori tranne quello mobile...

Un 'altro errore potrebbe essere l'inizio della fine.. quindi , l'anno prossimo , vedremo quale è il vero potenziale della produttrice di semiconduttori + potente del mondo....
bjt206 Maggio 2005, 15:47 #5
Senza un analogo del SOI di IBM, dubito che il leakage diminuisca... Lo strained silicon aumenta solo la velocità a parità di potenza UTILE (totale - perdite - leakage) dissipata. Credo che il leakage aumenti, per il maggiore spazio tra gli atomi e una maggiore facilità di "fuga" degli elettroni...
goldenman06 Maggio 2005, 15:52 #6
credo stiano scegliendo per la seconda volta la strada sbagliata...come i prescott
picard8806 Maggio 2005, 16:11 #7
Questo articolo uscito un po' di tempo fa sembra dare buone previsioni:
http://www.hardware4you.it/editoriale.php?id_e=7
sirus06 Maggio 2005, 16:36 #8
ma speriamo in una ripresa del colosso di santa clara almeno potremo assistere ad una lotta più elevata...e magari amd invertirà la tendenza che ha preso di alzare i prezzi il che può solo giovare
jappilas06 Maggio 2005, 16:39 #9
Originariamente inviato da: silipaolix
Purtroppo in Prescott hanno ridotto solo la geometria dei componenti e per i transistor è stato colpo basso: diminuendo eccessivamente la superficie della BASE di essi, sono aumentate le correnti di dispersione, ottenendo l'effetto finale contrario(aumento calore e consumi)...

c'è da dire anche che nel prescott i transistor sono stati bellamente aumentati...
JohnPetrucci06 Maggio 2005, 17:43 #10
Staremo a vedere se finalmente Intel tirerà fuori qualcosa di buono!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^