Intel, spediti i primi processori a 32 nanometri

Intel, spediti i primi processori a 32 nanometri

I primi modelli della famiglia Westmere, sviluppati con processo produttivo a 32 nanometri, sono stati inviati ai principali produttori per cominciare i test

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 11:17 nel canale Processori
Intel
 

Nella stessa conference call in cui Paul Otellini ha annunciato l'importanza per il segmento notebook delle prossime piattaforme CULV, il CEO di Intel coglie l'occasione per fare il punto anche sulla famiglia Westmere, la prima prodotta a 32 nanometri. La nuova serie di processori sarà quindi basata sulla stessa architettura Nehalem utilizzata oggi dalle CPU Core i7 e Xeon 5500, ma con un rinnovato processo produttivo, passato dai 45 ai 32nm.

Intel ha così cominciato a distribuire i primi esemplari prodotti con tale tecnologia a circa 30 tra i principali produttori di sistemi desktop e notebook, così da poter cominciare i test. Le spedizioni su larga scala sono previste solo per la fine dell'anno, mentre i primi prodotti arriveranno solo all'inizio del 2010.

I nuovi processori saranno sviluppati sia per il mercato desktop, sotto il nome di Clarkdale, sia per il segmento notebook, sotto il nome Arrandale. Proprio quest'ultima soluzione si prospetta come una delle più interessanti: Arrandale integrerà infatti al suo interno un controller grafico, garantendo al tempo stesso un consumo energetico inferiori rispetto agli attuali Core 2, a diretto vantaggio della durata di batteria. Intel conferma così i suoi piani di sviluppo, che hanno visto, nel recente passato, un investimento pari a sette miliardi di dollari per garantire le modifiche necessarie alle proprie fabbriche per riuscire a produrre con successo i nuovi processori a 32 nanometri.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lotharius17 Aprile 2009, 11:25 #1
Spero che i 32nm apportino un sensibile beneficio sul TDP degli i7 che ora come ora consumano decisamente troppo, specie se rapportato all'attuale visione "green" del mercato...
Chissa se la grafica integrata nella CPU in ambito notebook sarà di tipo classico o di generazione Larabee, in ogni caso credo che, se da un lato migliorerà l'integrazione dei componenti, la semplicità costruttiva e conseguentemente il costo di acquisto, d'altro canto saranno ancor più necesarie schede grafiche discrete dotate di una certa potenza per gli ambiti di utilizzo che non siano la videoscrittura o la navigazione.
gianni187917 Aprile 2009, 11:44 #2
sto aspettando questi benedetti 32nm
Mercuri017 Aprile 2009, 11:46 #3
Originariamente inviato da: Lotharius
Chissa se la grafica integrata nella CPU in ambito notebook sarà di tipo classico o di generazione Larabee

Da quello che si sa su Larrabee pare difficile entri in un notebook, figurati se integrato nella CPU.

Sapevo che lntel prende in lincenza una GPU integrata PowerVR, come ha già fatto per alcuni (se non tutti) suoi IGP.

d'altro canto saranno ancor più necesarie schede grafiche discrete dotate di una certa potenza per gli ambiti di utilizzo che non siano la videoscrittura o la navigazione.

Yep, meglio ricordarlo. Le CPU con grafica integrata mettono nVidia in una posizione comunque scomoda. Cose intriganti come il chip 9400M non saranno più possibili o convenienti.
Trokji17 Aprile 2009, 12:21 #4
Non credo che i 32 nm apporteranno benefici signiticativi al TDP, almeno nel segmento desktop: questo perché intel dovròà ancora incrementare al massimo le prestazioni di i7, perché ancora non enrmemente staccato da AMD, e neppure dai suoi stessi processori più economici (i5 e penryn) in moltissimi applicativi. Diverso discorso darà sui notebook, dove penso che potremo vedere un calo consistente del TDP
sfoneloki17 Aprile 2009, 12:31 #5
Ora come ora chi ha un Core I7 ha anche scheda video esagerate, cioè si tratta di fanatici che non guardano i consumi complessivi del sistema nè tantomeno il TDP della CPU.
Semmai si guarda ai 32nm come un'ulteriore spunto all'overclock estremo.

In realtà, tutti gli sforzi di Intel sono realmente destinati all'utenza notebook. Utenza sempre più in aumento e molto più esigente di qualche anno fà.
supertigrotto17 Aprile 2009, 13:28 #6

non so voi ma.....

Prima è venuto fuori il discorso larrabee,gpu con istruzioni X86.
Ultimamente AMD e IBM sono diventati amiconi......non vorrei dirvelo ma il mondo si sta accorgendo che funzionano alla grande le cpu non X86.
Se X86 comincia a declinarsi un po' anche intel........
Se non l'avete notato intel sta cercando di portare cpu X86 nel mondo degli smartphone (nonostante i produttori dicano che sarebbero processori inadatti per il mondo mobile) e che dovrebbero cominciare a farli appunto con il processo a 32 nm.
Più resta in vita il codice e l'architettura X86 e più intel ha la possibilità di sopravvivere......anche perchè con altre tecnologie non ha sfondato (itanium) e sarebbe indietro di tantissimo rispetto alla concorrenza.
Io ho l'impressione che intel cerchi di accelerare il più possibile per paura della concorrenza,e non mi riferisco solo ad AMD ma a Qualcomm,Arm etc.....
zago17 Aprile 2009, 13:34 #7
Originariamente inviato da: sfoneloki
Ora come ora chi ha un Core I7 ha anche scheda video esagerate, cioè si tratta di fanatici che non guardano i consumi complessivi del sistema nè tantomeno il TDP della CPU.
Semmai si guarda ai 32nm come un'ulteriore spunto all'overclock estremo.


fanatici?
ma non diciamo cazzate

allora chi fa la guerra al watt? sono fanatici anche quelli dei consumi?

chi ha un i7 è perché vuole o ha bisogno di prestazioni massime e se uno deve comprarsi adesso un quad core l'i7 920 è la cosa più conveniente
!fazz17 Aprile 2009, 13:36 #8
Originariamente inviato da: zago
fanatici?
ma non diciamo cazzate

allora chi fa la guerra al watt? sono fanatici anche quelli dei consumi?

chi ha un i7 è perché vuole o ha bisogno di prestazioni massime e se uno deve comprarsi adesso un quad core l'i7 920 è la cosa più conveniente


a mio avviso solo se fà rendering dove ht aiuta, altrimenti molto meglio il 940BE 2-300€ in meno di costo (stiamo larghi 20-30% di costo in meno della macchina) e meno del 10% di performance in meno
que va je faire17 Aprile 2009, 14:27 #9
mah, io mi pensavo che i corei5 debuttassero a 32 nm.. o ne dilazionano la commercializzazione, o li fanno a 45, visto che dalla news dicono che i primi prodotti a 32 nm arriveranno nel 2010.
Trokji17 Aprile 2009, 18:39 #10
Il problema è che i corei5 dovranno praticamente sovrapporsi (magari non subito ma tra qualche mese) agli i7 come prestazioni reali nella maggior parte delle applicazioni, altrimenti non ci sarebbe il motivo di tirare fuori dal mercato il 775, come tra alcuni mesi dovrà accadere. E' chiaro allora che per giustificare la differenza di prezzo si dovrà spingere molto sulle prestazioni di i7, sacrificando i possibili vantaggi in termini di TDP dati dalla miniaturizzazione..queste però sono solo mie ipotesi :-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^