Intel: riapre la Fab 12 in Ariziona

Intel: riapre la Fab 12 in Ariziona

La compagnia di Santa Clara ha ultimato il progetto di conversione della Fab 12 che ora è uno stabilimento in grado di produrre CPU con processo a 65 nanometri

di pubblicata il , alle 14:27 nel canale Processori
Intel
 

Dopo le informazioni della scorsa settimana relative ad un nuovo piano di investimento di Intel per l'espansione dello stabilimento di Rio Rancho, è di questi giorni la notizia secondo la quale Intel Corporation ha riaperto lo stabilimento di Chandler, in Arizona, che dalla prima metà del 2004 è oggetto di lavori di aggiornamento per trasformare la fabbrica in uno stabilimento per la produzione di wafer da 300mm con processo a 65 nanometri.

Lo stabilimento è noto con il nome di Fab 12 e grazie all'impiego di wafer da 300mm sarà in grado di conseguire un elevato volume di produzione a costi relativamente bassi. Secondo le informazioni disponibili il nuovo stabilmento si occuperà, tra le altre cose, della realizzazione dei processori multi-core.

Il progetto di conversione della Fab 12 è iniziato nel 2004 per un costo di quasi due miliardi di dollari ed è stato completato in circa 18 mesi. La Fab 12 è il quinto stabilimento di Intel ad utilizzare wafer a 300 millimetri di diametro. Gli altri stabilimenti sono la Fab 11X in New Mexico, D1D e D1C in Oregon, e Fab 24 in Irlanda.

Durante il perido dei lavori Intel ha smistato presso altri stabilimenti più di 800 impiegati della Fab 12 in modo che potessero sostenere una fase di formazione professionale relativa ai nuovi strumenti da impiegare nella produzione dei wafer da 300 millimetri.

Fonte: VR-Zone

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ALFA_714504 Novembre 2005, 14:52 #1
ma non era Arizona? Oo
Xile04 Novembre 2005, 14:53 #2
Hanno investito una bella sommetta, spero che adesso sforneranno processori che non scaldino come il Prescott.
Xadhoomx04 Novembre 2005, 15:03 #3
L'Ariziona è una seconda zia molto grande...Bai mi scusi per la battuta ma non mi trattenevo più...
Piccolo Lord05 Novembre 2005, 00:56 #4
Ma è una mia impressione o non li controllano mai gli articoli prima di scriverli? Cioé, dico....mai
giovonni05 Novembre 2005, 09:34 #5
E sempre ad obiettare su quello che si scrive... sparsi nei commenti della giornata di ieri c'erano almeno:

cechi (volevano dire ciechi)
fà (volevano dire fa)

Se scappa una i per chiaro errore di battitura si fa presente con garbo, mica si parla ad un ignuran (oddio anche ad un ignuran si può dire con garbo, il medico non lo vieta)!

E che azz

Salauti e speriamo che 'sta fab produca 0 prescotti
Piccolo Lord06 Novembre 2005, 02:22 #6
Originariamente inviato da: giovonni
E sempre ad obiettare su quello che si scrive... sparsi nei commenti della giornata di ieri c'erano almeno:

cechi (volevano dire ciechi)
fà (volevano dire fa)

Se scappa una i per chiaro errore di battitura si fa presente con garbo, mica si parla ad un ignuran (oddio anche ad un ignuran si può dire con garbo, il medico non lo vieta)!

E che azz

Salauti e speriamo che 'sta fab produca 0 prescotti



Non sono proprio d'accordo se TUTTI gli articoli....ecc ecc

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^