Intel: non più fatte in casa ma aiuti esterni per le prossime generazioni di CPU di fascia alta?

Intel: non più fatte in casa ma aiuti esterni per le prossime generazioni di CPU di fascia alta?

Si fanno sempre più insistenti le voci di un approccio "fabless" di Intel, almeno per quanto riguarda i chip con processo produttivo più recente. Cerchiamo di capirci qualcosa, per quanto ci è concesso sapere da notizie e analisti distribuiti un po' in tutto il globo

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Processori
Intel
 

Come gli appassionati sanno Intel è una delle poche aziende dotata di vere e proprie fabbriche, spesso indicate anche come fonderie visti i processi coinvolti, in grado cioè di prodursi in casa processori e chip in genere. Sono numerose le fabbriche che Intel possiede in giro per il mondo, con le punte di diamante strategicamente situate in territorio USA. Non è però un segreto che Intel abbia incontrato non pochi ostacoli nella migrazione dal processo produttivo 14nm a quello a 10nm, come riportato anche da Techpowerup.

Recentemente Intel ha affermato che i chip realizzati con processo produttivo a 10nm saranno pronti a partire dal 2019, ma la produzione in volumi potrebbe arrivare non certo all'inizio dell'anno ma più da metà in poi. AMD, di contro, ha promesso processori a 7nm per la fine del 2018, mettendo sicuramente un po' di ansia al concorrente di sempre. Anche se AMD avesse un po' barato sui tempi potrebbe comunque uscire nel 2019 con CPU in vantaggio teorico, almeno sul fronte del processo produttivo.

Da qui arriviamo alle voci circolanti a Taiwan, secondo le quali Intel sarebbe alla ricerca di un partner per la realizzazione di chip a 10nm o 7nm, scegliendo quindi un approccio "fabless" per le proprie CPU di punta. Nessuno fa nomi, anche se circola quello di Globalfoundries (che con Taiwan non c'entra molto, ma lì c'è il più grosso concorrente che evidentemente è ben informato...).

Ovviamente questo non significa un cambio radicale di Intel nell'approcciarsi al mercato: chipset, chip NAND flash, 3D XPoint, CPU con processo produttivo non recentissimo saranno sempre e comunque prodotti nelle fabbriche di Intel, ma sarà sicuramente interessante capire come si evolverà la vicenda sul fronte più avanzato del silicio. Occhi e orecchie aperte, dunque, in attesa di ulteriori notizie.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Micene.103 Agosto 2018, 10:31 #1
fosse vero sarebbe una notizia incredibile nell industria dei semiconduttori


tipo volskwagen che usa il motore diesel fiat
mally03 Agosto 2018, 10:34 #2
Originariamente inviato da: Micene.1
fosse vero sarebbe una notizia incredibile nell industria dei semiconduttori


tipo volskwagen che usa il motore diesel fiat


nel mondo automobilistico tutti usano pezzi prodotti da terzi, tipo il motore 1.5 renault usato da dacia, nissan e mercedes...
coschizza03 Agosto 2018, 10:36 #3
Originariamente inviato da: Bellaz89
Vespaio in 1..2..3..

Mi parrebbe strano comunque. Intel investe e ha investito cosi' tanto nei suoi impianti che penso sia difficile che vada da terzi. Finche non vedo un annuncio ufficiale per me sono rumor.



intel ha sempre usato anche fabbriche esterne per certi componeti la novità sarebbe solo che lo fa per prodotti di punta ma non è una novita assoluta.
coschizza03 Agosto 2018, 10:37 #4
Originariamente inviato da: mally
nel mondo automobilistico tutti usano pezzi prodotti da terzi, tipo il motore 1.5 renault usato da dacia, nissan e mercedes...


esatto i casi sono infiniti, nel mio caso per esempio il Kawasaki che ho comprato ha il motore di un kimco preso e messo li senza nessuna differenza. E' una cosa normale.
Micene.103 Agosto 2018, 10:51 #5
Originariamente inviato da: mally
nel mondo automobilistico tutti usano pezzi prodotti da terzi, tipo il motore 1.5 renault usato da dacia, nissan e mercedes...


se tu sapessi di cosa stai parlando capiresti cosa significa un motore fiat su una volkswagen....

ma nn lo sai
mally03 Agosto 2018, 10:58 #6
Originariamente inviato da: Micene.1
se tu sapessi di cosa stai parlando capiresti cosa significa un motore fiat su una volkswagen....

ma nn lo sai


fiat è stata sempre all'avanguardia nella produzione di motori, si puo' discutere di tutto e lamentarsi di ogni cosa di fiat ma non riguardo ai motori. Il common rail/multijet è frutto del suo sviluppo, il fire è uno dei casi rari di motori automobilistici che hanno superato i test per diventare avionizzati. Poi se vogliamo discutere della seicento di mio zio che si è rotta dopo 10km facciamo pure...
CrapaDiLegno03 Agosto 2018, 11:11 #7
Questo significa che Intel è messa veramente male con i 10nm.

La priorità di riuscire a creare un prodotto nuovo supera quella di difendere le proprie fabbriche che non sono all'altezza nel poterlo sfornare.
E' una cosa rivoluzionaria, che interrompe un ciclo di oltre 30 anni di sviluppo del mercati IT, altro che "Intel si è già rivolta a terzi".
In precedenza lo ha fatto per fare cose di qualità infima che dovevano costare poco mentre aveva le proprie fabbriche piene a fare roba ultra costosa. Qui è per fare roba top, che significa 10nm lontani nel tempo e 7nm degli altri con più probabilità di arrivare molto prima al traguardo della produzione di massa con rese decenti.
Ora dopo la semi desertificazione della produzione per aver perduto la guerra sui SoC mobile si è arrivati al punto che i PP degli altri sono meglio dei suoi.
Una cosa che cambia completamente il futuro del mercato.

Qualcuno, bollato come un moderno Nostradamus, lo disse che sarebbe accaduto qualche annetto fa con gli investimenti per i SoC ARM che stavano creando quel ciclo virtuoso di maggiori vendite = maggiori investimenti = migliori prodotti = maggiori vendite che Intel aveva avuto negli anni precedenti, sbaragliando il mercato.

Sembrava che il colosso non avrebbe mai potuto soccombere all'attacco di mille formiche. E invece è accaduto. Problema accentuato dalla rinascita di AMD in campo CPU, altrimenti Intel se ne stava con i 14+++++nm ancora per un po' senza problemi, visto che sull'HPC ha pure gettato la spugna per inadeguatezza dell'architettura sviluppata ora non più sostenuta da un PP migliore di quello a disposizione alla concorrenza.
CrapaDiLegno03 Agosto 2018, 11:12 #8
Originariamente inviato da: Micene.1
se tu sapessi di cosa stai parlando capiresti cosa significa un motore fiat su una volkswagen....
ma nn lo sai


Sarebbe il connubio tra il migliore motore diesel e la migliore meccanica, ovvero una macchina top.
Micene.103 Agosto 2018, 11:27 #9
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Sarebbe il connubio tra il migliore motore diesel e la migliore meccanica, ovvero una macchina top.


direi sarebbe una bella soluzione industriale

giusto per chiarire: storicamente è noto l'attrito tra fiat e i tedeschi che ha origini antichissime, negli anni 70 - in europa erano le principali case che producevano le utilitarie (non esisteva neanche il concetto di segmento a, b etc.)

addirittura quando fiat (poi bosh etc. ) brevettò il common rail su auto si accordarono per cederlo a tutti tranne che a volskwagen

quindi dire un motore (per di piu diesel) fiat su una golf è una cosa pazzesca
oxidized03 Agosto 2018, 11:57 #10
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Questo significa che Intel è messa veramente male con i 10nm.

La priorità di riuscire a creare un prodotto nuovo supera quella di difendere le proprie fabbriche che non sono all'altezza nel poterlo sfornare.
E' una cosa rivoluzionaria, che interrompe un ciclo di oltre 30 anni di sviluppo del mercati IT, altro che "Intel si è già rivolta a terzi".
In precedenza lo ha fatto per fare cose di qualità infima che dovevano costare poco mentre aveva le proprie fabbriche piene a fare roba ultra costosa. Qui è per fare roba top, che significa 10nm lontani nel tempo e 7nm degli altri con più probabilità di arrivare molto prima al traguardo della produzione di massa con rese decenti.
Ora dopo la semi desertificazione della produzione per aver perduto la guerra sui SoC mobile si è arrivati al punto che i PP degli altri sono meglio dei suoi.
Una cosa che cambia completamente il futuro del mercato.

Qualcuno, bollato come un moderno Nostradamus, lo disse che sarebbe accaduto qualche annetto fa con gli investimenti per i SoC ARM che stavano creando quel ciclo virtuoso di maggiori vendite = maggiori investimenti = migliori prodotti = maggiori vendite che Intel aveva avuto negli anni precedenti, sbaragliando il mercato.

Sembrava che il colosso non avrebbe mai potuto soccombere all'attacco di mille formiche. E invece è accaduto. Problema accentuato dalla rinascita di AMD in campo CPU, altrimenti Intel se ne stava con i 14+++++nm ancora per un po' senza problemi, visto che sull'HPC ha pure gettato la spugna per inadeguatezza dell'architettura sviluppata ora non più sostenuta da un PP migliore di quello a disposizione alla concorrenza.


Allora ha ragione cdimauro sul fatto che sei un disco rotto! Stai ripetendo le stesse identiche cose che hai scritto nell'altro thread, riformulandole, e basate su niente ma fatti che conosci solo tu.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^