Intel Nocona presentato la prossima settimana?

Intel Nocona presentato la prossima settimana?

Fonti vicine ad Intel affermano che nella giornata di lunedì 28 giugno Intel presenterà finalmente la nuova versione di Xeon "Nocona"

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:50 nel canale Processori
Intel
 

Fonti molto vicine ai partner di Intel affermano la compagnia è ormai pronta per svelare, nella giornata di Lunedì 28 giugno, i nuovi chip per sistemi server annunciati in Febbraio. I nuovi processori segnano un importante passo per Intel dal momento che la compagnia avvierà le consegne dei primi chip 64-bit IA32. Fino ad ora Intel ha fornito solamente prodotti 64-bit IA64.

I nuovi processori Intel Xeon Nocona sono piuttosto differenti, dal punto di vista microarchitetturale, rispetto alle CPU Xeon attualmente in circolazione. La principale differenza è ovviamente il supporto alle estensioni 64-bit ma vi sono ulteriori novità come la cache di primo livello raddoppiata rispetto agli attuali Xeon DP equivalente a 16KB. In secondo luogo Nocona utilizzerà il meccanismo di branch prediction di Prescott e sarà caratterizzato dalla tecnologia SSE3. La quota di cache L2 salirà ad 1MB e anche per i sistemi server sarà possibile utilizzare la tecnologia Hyper-Threading. I nuovi Xeon saranno inoltre caratterizzati da una frequenza di bus Quad Pumped di 800MHz.

In aggiunta Intel dovrebbe rilasciare anche il chipset Tumwater E7525 per workstation a due vie con supporto a memorie dual-channel DDR2, PCI Express x16 e altre funzionalità per il segmento di mercato delle workstation. Lindenhurst sarà disponibile nel terzo trimestre.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
OverClocK79®23 Giugno 2004, 18:20 #1
praticamente è lo stesso processore che ho io
con piedinatura differente e le istruzioni 64-IA32 abilitate.....

bha vediamo come vanno
anke se finkè nn ci saranno applicativi in grado di sfruttare i 64 bit nn noteremo differenze

BYEZZZZZZZZZZZZZZZZZZ
Davirock23 Giugno 2004, 18:23 #2

in pratica...

... è un prescot con abilitate le estensione x86-64

Bye
HyperOverclock23 Giugno 2004, 18:44 #3
nei sistemi a due o più vie, il bus a 800 mhz darà notevoli vantaggi
atomo3723 Giugno 2004, 19:21 #4
considerando che intel ci ha abituati a vedere disponibili i prodotti mesi dopo la presentazione ufficiale
pgazz23 Giugno 2004, 19:33 #5
Bhe, non è l'unica!
^TiGeRShArK^23 Giugno 2004, 19:33 #6
nei sistemi a due o più vie invece il bus condiviso della intel è sempre penoso a prescindere dalla frequenza utilizzata.... certo questo a 800 andrà un pò meglio, ma sasrà cmq MOLTO insufficiente
Predator8523 Giugno 2004, 20:33 #7
mi sa che gli opteron saranno comunque superiori alle prestazioni di questi xeon anche perchè sembrano veramente dei prescott con i 64 bit attivati.
ShadowX8423 Giugno 2004, 21:53 #8
Come è già stato detto da ^TiGeRShArK^ fino a che gli Xeon avranno un unico bus condiviso, le prestazioni sotto questo versante (bus appunto) saranno a dir poco non all'altezza della situazione, e di conseguenza credo anche della concorrenza; non c'è che dire, l'Hyper-Transport a riguardo è stata proprio una bella pensata!!
WarDuck24 Giugno 2004, 11:52 #9
Raga una domanda forse OT... ma la cache di primo livello cosa va ad influenzare? Considerando anche che gli Athlon ne hanno ben 128k?
cdimauro25 Giugno 2004, 07:15 #10
La cache di primo livello è quella più "importante", perché è quella a cui si "rivolge" per prima l'ALU quando deve andare a pescare i dati che le servono. Per questo motivo l'accesso deve essere MOLTO veloce.
Il fatto che gli Athlon abbiano una cache di 64KB+64KB e i P4 di 12KB (per il codice) + 8/16KB (dati), dipende dalla politica adottata: per i primi l'accesso più lento (3 cicli, se non erro), mentre per gli ultimi è più veloce (2 cicli, sempre se non erro). Ogni scelta porta pregi e difetti, per cui i progettisti hanno scelto la soluzione che, per il loro modello architetturale, "calzava meglio"...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^