Intel mostra il primo wafer a 22nm

Intel mostra il primo wafer a 22nm

Nella prima giornata dell'Intel Developer Forum Paul Otellini mostra al pubblico il primo wafer di chip SRAM realizzati con processo produttivo a 22nm

di Andrea Bai pubblicata il , alle 00:33 nel canale Processori
Intel
 

Nel corso della prima giornata dell'edizione 2009 dell'Intel Developer Forum di San Francisco, il presidente e CEO di Intel, Paul Otellini, mostra al pubblico il primo wafer di silicio di chip funzionanti realizzati con processo produttivo a 22 nanometri, confermando ancora una volta la validità della legge enunciata dal cofondatore della compagnia, Gordon Moore.

Paul Otellini, a tal proposito ha dichiarato: "La legge di Moore è ancora valida in Intel ed è in pieno sviluppo. Abbiamo dato il via alla produzione del primo processore a 32nm, che è anche la prima CPU con grafica integrata. Stiamo compiendo inoltre importanti passi avanti con lo sviluppo del processo produttivo a 22 nanometri, con la realizzazione di chip pienamente funzionanti che aprono la via alla produzione di CPU ancor più evolute".

Come sempre accade, la prima dimostrazione dello stato di maturazione di un processo produttvo è effettuata con chip di memoria SRAM. Il wafer presentato da Otellini sul palco del Moscone Center contiene chip da 22 nanometri e a singolo die caratterizzati da un array memoria della dimensione di 364 megabit, per un totale di ben 2,9 miliardi di transistor in un'area delle dimensioni confrontabili a quelle di un'unghia.

I nuovi chip sono realizzati grazie all'impiego della tecnologia high-K metal gate, qui giunta alla terza generazione. Grazie al processo produttivo a 22nm, i laboratori di Intel sono stati capaci di produrre la più piccola cella SRAM esistente, della dimensione di appena 0,092 micron quadri.

Il test chip realizzato da Intel include, oltre alla circuiteria di memoria, anche una parte di circuiteria per Input/Output e una serie di circuiti di segnale. Come già abbiamo detto si tratta dei primi chip funzionanti realizzati a 22 nanometri; la roadmap di Intel prevede che questo processo produttivo potrà essere efficacemente impiegato per la realizzazione di CPU nel corso del 2011 avanzato. Seguendo la storica strategia "Tick-Tock" di Intel, che prevede l'introduzione di una nuova architettura su un processo produttivo collaudato e, viceversa, il debutto di un nuovo processo produttivo su una architettura già esistente, il debutto delle CPU a 22 nanometri avverrà sulla medesima architettura alla base di Sandy Bridge, la nuova architettura a 32 nanometri prevista per la fine del 2010.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Aerox23 Settembre 2009, 00:54 #1
complimenti ad Intel, ora che la strada per i 22nm sembra segnata sono proprio curioso di vedere fino a che punto questa tecnologia puo spingersi.
Mi resta solo un dubbio: visto che anche amd ha una buona fonderia ( e soldi da spendere), perche non puo tentare di passare la propria tecnologia da 45 a 22nm in modo da ridurre il gap?a mio avviso (anche se non sono esperto eh!) per pareggiare le prestazioni delle recenti cpu intel o in amd si inventano una architettura davvero innovativa ed efficiente che possa competere anche quindi con un processo produttivo meno raffinato o almeno si cerchi di spingere per pareggiare con meno tempo il divario in termini di miniaturizzazione rispetto alla rivale.
Non capisco se è una questione di costi oppure knowhow...sembra impossibile che non si possa pensare di migliorare senza passare per le tappe intermedie (45->32->22nm)

Notte ragazzi
II ARROWS23 Settembre 2009, 01:59 #2
Il problema principale è il costo delle apparecchiature.
cignox123 Settembre 2009, 10:21 #3
Pazzesco, sembra davvero che non ci siano limiti... fino a poco tempo fa erano a 65nm, ora si parla dei 22.
Intel e' davvero in gamba, secondo me AMD fara' una fatica bestiale a starle dietro, se non se ne esce con qualcosa di davvero innovativo: Intel ha gia' una architettura migliore, sta per passare ad un nuovo processo produttivo mentre ne sperimenta uno ancora piu' nuovo, e nel mezzo c'e' ancora tempo per un'altra architettura.
Savcon23 Settembre 2009, 10:59 #4
La Loacker passerà subito alla produzione di quelli al cioccolato?
Severnaya23 Settembre 2009, 11:20 #5
giusto per mettere i puntini sulle i in teoria sarebbero 22,5nm o sono proprio 22?
supertigrotto23 Settembre 2009, 12:55 #6

io lo penso continuamente

secondo me l'unica carta veramente vincente che stà tenendo nascosta AMD è il progetto fusion,cpu e gpu nello stesso die,con i nuovi sistemi operativi,un'ottima gpu,spinge n avanti di un bel po' le performance del sistema.
Si vocifera che stia colaborando anche IBM al progetto.
Comunque ottimo lavoro di intel,anche perchè può disporre di risorse economiche e ingegneristiche molto superiori alla concorrenza (più soldi,pù ingegneri etc),anche se,molti di quei soldi sono sporchi.
Fate conto che intel è il centro commerciale e amd il negozietto del paese.
Sarei curioso di sapere se intel sarebbe stata a questo livello se non avesse usato pratiche scorrette,nel senso,disponendo di meno soldi,sarebbe stata in grado di investire così tanto in ricerca e sviluppo?
Non parlo da fanboy,visto che ho un fisso e un portatile con cpu intel,però non mi stanno per niente simpatici quelli che giocano sporco.............
Doom_9423 Settembre 2009, 13:19 #7
Originariamente inviato da: supertigrotto
secondo me l'unica carta veramente vincente che stà tenendo nascosta AMD è il progetto fusion,cpu e gpu nello stesso die,con i nuovi sistemi operativi,un'ottima gpu,spinge n avanti di un bel po' le performance del sistema.
Si vocifera che stia colaborando anche IBM al progetto.
Comunque ottimo lavoro di intel,anche perchè può disporre di risorse economiche e ingegneristiche molto superiori alla concorrenza (più soldi,pù ingegneri etc),anche se,molti di quei soldi sono sporchi.
Fate conto che intel è il centro commerciale e amd il negozietto del paese.
Sarei curioso di sapere se intel sarebbe stata a questo livello se non avesse usato pratiche scorrette,nel senso,disponendo di meno soldi,sarebbe stata in grado di investire così tanto in ricerca e sviluppo?
Non parlo da fanboy,visto che ho un fisso e un portatile con cpu intel,però non mi stanno per niente simpatici quelli che giocano sporco.............

Sono completamente d'accordo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^