Intel Ivy Bridge: le principali novità architetturali

Intel Ivy Bridge: le principali novità architetturali

Vediamo in dettaglio quali siano le principali caratteristiche architetturali delle prime CPU Intel costruite con tecnologia produttiva a 22 nanometri

di pubblicata il , alle 08:37 nel canale Processori
Intel
 

In occasione del proprio Developer Forum, evento che si sta svolgendo in questi giorni a San Francisco, Intel ha anticipato alcune delle caratteristiche tecniche delle future CPU appartenenti alla famiglia Ivy Bridge. Queste soluzioni, dotate di componenti CPU e GPU al proprio interno, saranno costruite con tecnologia a 22 nanometri, per la prima volta utilizzata nella costruzione di processori. Il debutto è previsto nel corso della prima metà del 2012, presumibilmente all'inizio del secondo trimestre.

Sono ben 1,4 miliardi i transistor che comporranno le soluzioni Ivy Bridge, riteniamo nella implementazione quad core. Si tratta di un quantitativo indicativamente superiore di più del 20% rispetto a quello delle soluzioni Sandy Bridge attualmente presenti sul mercato: è ipotizzabile che tale aumento sia legato principalmente alle innovazioni implementate nella componente GPU, quella nella quale ci si attendono le principali innovazioni.

Ivy Bridge mantiene una struttura simile a quella delle soluzioni Sandy Bridge; questo è evidente già a partire dal socket di connessione, che rimane quello 1155 LGA. Ritroviamo quindi in un singolo die componenti CPU e GPU, collegati tra di loro attraverso il ring bus. Non mancano controller PCI Express e controller memoria DDR3, di tipo dual channel.

Tra le principali novità architetturali implementate da Intel nelle future soluzioni Ivy Bridge segnaliamo la presenza di una cache L3 specifica per la componente GPU, elemento che era invece unificato con la parte CPU nelle soluzioni Sandy Bridge. Questo approccio permetterebbe di ridurre le risorse in termini di bandwidth del ring bus interno al processore, portando quale beneficio diretto una riduzione dei consumi.

ivy_graph.jpg (53105 bytes)

Modifiche sono state implementate anche alla tecnologia Intel Quick Sync Video, con la quale utilizzare la componente GPU interna al processore per velocizzare le operazioni di conversione e transcoding di flussi video. Questa funzionalità è stata inizialmente introdotta nelle proposte Sandy Bridge con buoni risultati prestazionali, purtroppo però limitati ad un numero contenuto di scenari tipo. Con Ivy Bridge Intel vuole da un lato ovviare a queste limitazioni, dall'altro cercare di migliorare ulteriormente i tempi di conversione.

Troviamo inoltre Digital Random Number Generator e Supervisory Mode Execution Protection, funzionalità che migliorano l'approccio alla sicurezza dei dati internamente al processore.

Una menzione specifica meritano le informazioni fornite da Intel per quanto riguarda l'overclock di questi processori. Il controller memoria è stato modificato così da accettare l'utilizzo anche di memorie DDR3 sino a 2.800 MHz di clock massimo, con incrementi nella frequenza di clock che andranno a passi di 200 MHz alla volta. In Sandy Bridge, a titolo di confronto, la frequenza di clock massima configurabile per la memoria è di 2.133 MHz. Verrà aumentato il moltiplicatore di frequenza selezionabile quale massimo, passando dal 57x attuale a 63x; Intel non ha specificato ma riteniamo plausibile che questo avverrà solo con le CPU Ivy Bridge sbloccate di default, quindi appartenenti alla famiglia K.

Varie ottimizzazioni interne legate alla riduzione del consumo di funzionamento sono state implementate anche nel memory controller. Nello specifico questo componente, per le CPU destinate a sistemi mobile, permetterà di utilizzare anche i moduli DDR3 Low Voltage (DDR3L) oltre a implementare ottimizzazioni che riducono l'active power.

Abbiamo già avuto modo di parlare del TDP configurabile, altra caratteristica specifica delle soluzioni Ivy Bridge destinate al segmento mobile che avranno a disposizione livelli di TDP differenziati a seconda del tipo di sistema di raffreddamento che verrà abbinato al processore. Intel indica i TDP con 3 differenti range: nominale, lower configurable TDP (cTDP down) e upper configurable TDP (cTDP up). Il primo è il valore standard per la CPU; il secondo è un valore inferiore che permette in dispositivi mobile di contenere ulteriormente i consumi. Il terzo, infine, è un valore superiore che richiede un sistema di raffreddamento adeguato ma che consente di avere superiori livelli prestazionali. Il TDP variabile è indipendente dalla tecnologia Turbo Boost, che continua a restare presente a prescindere.

Varie novità, quindi, sono quelle che verranno integrate da Intel in Ivy Bridge, ben più di quanto ci si sarebbe potuti attendere considerando che con questa architettura la vera novità è rappresentata dalla tecnologia produttiva a 22 nanometri. Anche per questo motivo Intel si riferisce a Ivy Bridge come un tick+, cioè un aggiornamento che è superiore rispetto a quanto abitualmente visto in passato con l'adozione di un nuovo processo produttivo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fukka7515 Settembre 2011, 08:45 #1
ma il LGA2011 di SB-E, morirà con SB-E? o sarà usato per le versioni più performanti di IB?
demon7715 Settembre 2011, 08:46 #2
Infatti si parla di TICK+
gianni187915 Settembre 2011, 08:51 #3
per chi ha già preso il skt 1155 sarà un bel upgrade.

Le novità non sono poche
fukka7515 Settembre 2011, 09:18 #4
Originariamente inviato da: demon77
Infatti si parla di TICK+


hai risposto a me? se sì, non vedo cosa centri con la mia domanda
demon7715 Settembre 2011, 09:38 #5
Originariamente inviato da: fukka75
hai risposto a me? se sì, non vedo cosa centri con la mia domanda



no no! stavo commetando pre i fatti miei, non c'era ancora il tuo commento quando ho scritto!
pierpox15 Settembre 2011, 09:54 #6
A chi come me della vga integrata intel non gliene può fregà de meno per il fatto che sarà sempre meno competitiva(anni luce) della più scarsa dedicata,piacerebbe sapere se nella roadmap di Ivy ci sarà anche un modello a 8 cores /16 threads e cosa molto più importante tra quanti mesi sarà introdotto...
ToroXp15 Settembre 2011, 10:02 #7
uhm quindi il sochet 1155 lga è comunque compatibile con queste cpu, molto bene. Le versioni E penso che comunque lasceranno il tempo che trovano, offrono troppo poco se confrontate con un SB o IB
elevation115 Settembre 2011, 10:03 #8
mica è vero che l'integrata saà anni luce meno competitiva della più scarsa dedicata... vedi llano già va meglio di una hd6450 e le nuove apu trinity promettono grandi cose... si parla di una potenza simile ad una hd6850 quindi i progressi nel campo delle integrata saranno sempre maggiori il che vuol dire che una buona percentuale di utenti non avrà più bisogno di una discreta il tutto a vantaggio di calore/consumi/durata del pc
AceGranger15 Settembre 2011, 11:26 #9
Originariamente inviato da: pierpox
A chi come me della vga integrata intel non gliene può fregà de meno per il fatto che sarà sempre meno competitiva(anni luce) della più scarsa dedicata,piacerebbe sapere se nella roadmap di Ivy ci sarà anche un modello a 8 cores /16 threads e cosa molto più importante tra quanti mesi sarà introdotto...


sicuramente ci sara
sicuramente non ci sara per la piattaforma 1155
sicuramente ci sara per la 2011 professionale
non si sa se ci sara per la 2011 enthusiast

probabilmente verra introdotta almeno 6-9 mesi dopo l'uscita di SB-E.
italian.madness15 Settembre 2011, 11:56 #10
Commento # 1 di: fukka75 pubblicato il 15 Settembre 2011, 08:45

ma il LGA2011 di SB-E, morirà con SB-E? o sarà usato per le versioni più performanti di IB?


Anche io sarei interessato ad una risposta al quesito di fukka;
qualcuno? grazie!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^