Intel Haswell, prime dimostrazioni dei bassi consumi

Intel Haswell, prime dimostrazioni dei bassi consumi

Nel corso del Keynote di David Perlmutter emergono le prime dimostrazioni di efficienza energetica di Haswell, ovvero la quarta generazione dei processori Core di Intel

di pubblicata il , alle 07:33 nel canale Processori
Intel
 

L'Intel Developer Forum inizia con alcune interessanti novità, oltre ad alcune gradite conferme. Le attese per la nuova generazione di processori Core, con nome in codice Haswell, sono particolarmente elevate, anche per le informazioni che la stessa Intel ha diffuso nei mesi scorsi. Mantenere basse le richieste energetiche, senza trascurare le prestazioni, è una sfida che tutti i produttori di chip devono per forza affrontare.

Nel corso della conferenza più importante della giornata, che in questo contesto viene indicata col termine keynote, Dadi David Perlmutter, Chief Product Officer di Intel Corporation, ha messo in campo alcune tematiche che verranno  poi approfondite nel corso di sessioni tecniche specifiche. Ad impressionare in positivo, però, è stata una demo con due sistemi a confronto, una con processore Core di terza generazione Ivy Bridge, l'altra con un nuovo Core Haswell.

Come si può notare dall'immagine, nel corso del benchmark Unigine Heaven il processore Ivy Bridge ha confermato il consumo a piena operatività di 17W (valore che coincide con il TDP dichiarato), mentre Haswell ha messo in mostra un incoraggiante 7,8W. A stupire però, più che questo valore di per sé ottimo, è la fluidità in esecuzione del benchmark: a scatti quello di Ivy Bridge, fluido e senza intoppi quello su Haswell. Pur essendo molto presto per trarre conclusioni, il lavoro svolto da Intel con la nuova generazione Core sembra notevole.

Oltre a ciò, Mr. Perlmutter ha affermato che il lavoro svolto per mantenere bassi i consumi è stato notevole anche in fase di inattività del processore, grazie all'aggiunta di alcuni stadi di operatività che saranno gestibili al meglio con i sistemi operativi di imminente presentazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PhoEniX-VooDoo12 Settembre 2012, 08:04 #1
quindi parliamo probabilmente di una CPU mobile, dual core, della serie U, tipo l'i7-3517U (ivy 17W).

facendo qualche rapporto azzardato si potrebbe dire che

17W sono 2.180 volte più di 7.8W, quindi rispetto ad un Invi bridge quad core da 77W un rispettivo Haswell dovrebbe arrivare a 35W!

sperem!
lostx8712 Settembre 2012, 08:23 #2
...non solo, ma anche con prestazioni superiori! =)
fabio.xs12 Settembre 2012, 09:48 #3
Ma per le soluzioni desktop ci sarà anche un altro chipset ed un nuovo soket?
coschizza12 Settembre 2012, 10:00 #4
Originariamente inviato da: fabio.xs
Ma per le soluzioni desktop ci sarà anche un altro chipset ed un nuovo soket?


Richiedarà il nuovo LGA 1150 perche oltre alle modifiche architetutrali portera nella cpu ulteriori componenti della MB nello specifico il regolatore voltaggio quindi non è possibile ospitare 2 cpu simili sulla stessa scheda madre.
Nosf3r12 Settembre 2012, 10:57 #5
ome si può notare dall'immagine, nel corso del benchmark Unigine Heaven il processore Ivy Bridge ha confermato il consumo a piena operatività di 17W (valore che coincide con il TDP dichiarato), mentre Haswell ha messo in mostra un incoraggiante 7,8W


Non voglio fare le pulci ma c'è un errore di fondo:

Ivy consuma 17W ELETTRICI? QUella potenza di che tipo è? Il TDP si riferisce ad una potenza TERMICA sviluppata cioè 17W TERMICI. Così com'è detto nell'articolo e dalle immagine la cpu non è altro che una resistenza che preleva 17W dalla rete e li trasforma interamente in calore?

Notoriamente il rendimento di un qualsivoglia apparato non è mai unitario a causa delle perdite per cui se sviluppa 17W di calore ne assorbirà più di 17 elettrici.
birmarco12 Settembre 2012, 11:12 #6
Originariamente inviato da: Nosf3r
Non voglio fare le pulci ma c'è un errore di fondo:

Ivy consuma 17W ELETTRICI? QUella potenza di che tipo è? Il TDP si riferisce ad una potenza TERMICA sviluppata cioè 17W TERMICI. Così com'è detto nell'articolo e dalle immagine la cpu non è altro che una resistenza che preleva 17W dalla rete e li trasforma interamente in calore?

Notoriamente il rendimento di un qualsivoglia apparato non è mai unitario a causa delle perdite per cui se sviluppa 17W di calore ne assorbirà più di 17 elettrici.


Hai ragione!
Framba16 Settembre 2012, 12:58 #7
Originariamente inviato da: Nosf3r
Non voglio fare le pulci ma c'è un errore di fondo:

Ivy consuma 17W ELETTRICI? QUella potenza di che tipo è? Il TDP si riferisce ad una potenza TERMICA sviluppata cioè 17W TERMICI. Così com'è detto nell'articolo e dalle immagine la cpu non è altro che una resistenza che preleva 17W dalla rete e li trasforma interamente in calore?

Notoriamente il rendimento di un qualsivoglia apparato non è mai unitario a causa delle perdite per cui se sviluppa 17W di calore ne assorbirà più di 17 elettrici.

Il rendimento non è unitario se hai motore che, oltre a compiere del lavoro, si scalda e quindi disperde energia sotto forma di calore (energia che tu vorresti impiegare altrimenti). Se in un circuito scorrono 17 A con una caduta di tensione di 1 V vengono dissipati 17 W, non c'è molto da fare.
Il circuito interno alla cpu non è equivalente ad una resistenza perché il rapporto tra corrente e tensione non segue la legge di Ohm (i transistor non sono oggetti lineari), ma l'energia introdotta viene convertita in calore. Non può fare altrimenti (principio di conservazione dell'energia).
skablast16 Settembre 2012, 13:29 #8
Originariamente inviato da: birmarco
Hai ragione!


a me sembra abbia torto.
birmarco16 Settembre 2012, 15:36 #9
Originariamente inviato da: skablast
a me sembra abbia torto.


Se il TDP è l'energia emessa dalla CPU, come può consumare lo stesso valore? Questo avviene solo se la CPU trasforma tutta l'energia che assorbe in calore, senza dispersioni. Oltre che essere impossibile è anche assurdo visto che lo scopo non è scaldare ma elaborare. Se l'efficienza della CPU è l'80% significa che consuma l'80% in più di quello che emette...
!fazz16 Settembre 2012, 15:41 #10
Originariamente inviato da: birmarco
Se il TDP è l'energia emessa dalla CPU, come può consumare lo stesso valore? Questo avviene solo se la CPU trasforma tutta l'energia che assorbe in calore, senza dispersioni. Oltre che essere impossibile è anche assurdo visto che lo scopo non è scaldare ma elaborare. Se l'efficienza della CPU è l'80% significa che consuma l'80% in più di quello che emette...


appunto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^