Intel e la licenza del microcodice: non sono vietati i benchmark

Intel e la licenza del microcodice: non sono vietati i benchmark

Arriva all'epilogo (felice) la situazione della licenza del microcodice per le CPU Intel: l'azienda ha infatti modificato i termini eliminando le limitazioni ai benchmark e alla distribuzione che aveva introdotto

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Processori
Intel
 

Nelle scorse ore erano comparse in Rete molte discussioni su un aggiornamento dei termini di licenza del microcodice dei processori Intel: l'azienda aveva infatti prodotto una nuova licenza che prevedeva l'impossibilità di effettuare benchmark comparativi tra la versione precedente del microcodice e quella nuova. Ciò avrebbe significato l'impossibilità di verificare eventuali cambiamenti prestazionali, sia in positivo che in negativo. Dopo molte polemiche, l'azienda ha rilasciato ora una nuova versione della licenza che non fa menzione della possibilità di effettuare dei benchmark.

Non è chiaro se si sia trattato di un errore o di un eccesso di zelo da parte del ramo legale, ma Intel è prontamente intervenuta per modificare nuovamente i termini di licenza rimuovendo le parti giudicate scomode: da un lato il divieto di effettuare benchmark, dall'altro il divieto di ridistribuire il codice - che bloccava, ad esempio, la distribuzione del microcodice da parte delle distribuzioni Linux.

Come scrive Phoronix, la nuova versione ritorna quindi allo status precedente lasciando gli utenti (e chi si occupa di effettuare la distribuzione del software) liberi di agire, limitando esclusivamente la possibilità di fare reverse engineering del microcodice.

La possibilità di ottenere dei risultati comparativi dai benchmark è particolarmente importante in questo momento, dopo che sono state svelate le vulnerabilità note col nome di Foreshadow. Per rimediare è stato necessario, infatti, aggiornare il microcodice dei processori con dei conseguenti cali prestazionali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7725 Agosto 2018, 18:25 #1
Il divieto di effettuare benchmark mi pare una cosa assurda.
Ma davvero è possibile fare legalmente una cosa del genere??

Come dire che ti vendo un prodotto X ma ti vieto di comparare le prestazioni con altre versioni di quel prodotto o altri prodotti concorrenti?
giovanni6925 Agosto 2018, 19:01 #2
Il ramo legale è pagato per fare gli interessi dell'azienda. Poi si sarà reso conto velocemente che i consumatori avrebbero vinto facilmente... il marketing si sarebbe incazzato... e che sarebbero stati licenziati per eccessivo zelo
s-y25 Agosto 2018, 19:14 #3
spiace dirlo perchè azienda con una 'certa qual' minima esperienza, ma è solo l'ennesimo frangente che dimostra che stanno gestendo l'emergenza 'pandora' in modo molto poco ottimale, eufemisticamente...
McB25 Agosto 2018, 21:35 #4
Debian aveva già fatto sapere a intel che con quella licenza, non avrebbero reso disponibile il microcode agli utenti tramite i loro repository. Probabile che anche altre distribuzioni linux abbiano fatto lo stesso.
Veradun26 Agosto 2018, 00:39 #5
Nel giro di un picosecondo da quando hanno pubblicato quella licenza tutto il mondo gli ha pisciato in testa. Ennesima figura di merda colossale.
Benjamin Reilly26 Agosto 2018, 08:53 #6
probabilmente erano intenzionati ad evitare di evidenziare le differenze prestazionali con le patch per i bug dei propri processori. Giusto per essere trasparenti.
Veradun26 Agosto 2018, 13:40 #7
Originariamente inviato da: Benjamin Reilly
probabilmente erano intenzionati ad evitare di evidenziare le differenze prestazionali con le patch per i bug dei propri processori. Giusto per essere trasparenti.


Già.

Ho fatto quattro aggiornamenti di BIOS in 6 mesi in tutto il datacenter a causa delle scorciatoie di Intel.

Prossimo rinnovo del ferro abbiamo già deciso che si andrà di AMD.
unnilennium26 Agosto 2018, 17:31 #8
sempre meglio... dopo che hanno sgamato il direttore che si vendeva le azioni sottobanco, ci si può aspettare di tutto. se amd trova il modo di modificare l'architettura rendendola immune, li manda a nanna...
Benjamin Reilly26 Agosto 2018, 18:59 #9
Originariamente inviato da: Veradun
Già.

Ho fatto quattro aggiornamenti di BIOS in 6 mesi in tutto il datacenter a causa delle scorciatoie di Intel.

Prossimo rinnovo del ferro abbiamo già deciso che si andrà di AMD.


gradualmente sto transitando ad AMD.
Neverlost26 Agosto 2018, 22:44 #10
intellidia sistema "mafioso". auguroni di fallimento.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^