Intel è già al lavoro su prototipi a 14 nanometri

Intel è già al lavoro su prototipi a 14 nanometri

Il debutto delle prime soluzioni a 22 nanometri è questione di alcuni mesi ma Intel è già al lavoro con i primi prototipi di soluzioni costruite con tecnologia a 14 nanometri

di pubblicata il , alle 14:33 nel canale Processori
Intel
 

Nonostante il debutto delle prime architetture di processore a 22 nanometri, note con il nome in codice di Ivy Bridge, sia ancora questione di alcuni mesi, Intel avrebbe già all'opera i primi sample di soluzioni costruite con tecnologia produttiva a 14 nanometri.

Si tratterebbe, è bene specificarlo, di chip prototipo, utilizzati specificamente per testare la nuova tecnologia produttiva all'interno dei propri laboratori. In genere il primo passaggio nella definizione di una tecnologia produttiva più sofisticata rispetto a quella presente sul mercato è quello della costruzione di moduli memoria SRAM, in quanto quelli di più semplice costruzione e tali da poter far emergere più facilmente problemi nella costruzione: è presumibile pertanto che di questo si tratti, se non addirittura di qualcosa di ancor meno sofisticato.

In occasione di un'intervista pubblicata sul sito NordicHardware Pat Bliemer, Managing Director di Intel Northern Europe, ha lasciato trapelare questa informazione volendo in questo modo evidenziare come l'evoluzione tecnologica interna ad Intel continui nonostante le difficoltà insite nell'utilizzo di tecnologie produttive sempre più sofisticate. Questo quanto dichiarato nello specifico da Bliemer:

"I wouldn't say that we have problem but there's no denying that it's getting more complicated the smaller you make something, so you're running into limitations - but our R&D as well from an architectural point of view are the guys making the manufacturing and that's within the same company - which makes Intel unique still. So we can really work extremely close with these teams. We are the same team, the guys who are going to manufacture the parts and the ones who will be designing the parts."

Il vantaggio di Intel rispetto ad altre fonderie, che producono per conto di clienti terzi, è legato al fatto che l'azienda americana produce chip che sono da lei sviluppati e disegnati internamente. Lo stretto legame che unisce team di design alla parte produttiva permette pertanto ad Intel di assicurarsi quel vantaggio tecnologico, nell'adozione di nuove tecnologie produttive, che è ben evidente nel confronto con TSMC e GlobalFoundries.

"We need to keep going and you can trust me that in our labs we actually have the next generation after 22nm running, so we need to keep going.[...]I cannot really disclose more about that other than that in a laboratory-environment, absolutely we do have the path, our engineers do have the path to actually go and produce 14nm products."

Le prime soluzioni basate su architettura a 14 nanometri sono attese in commercio nel corso dell'anno 2014; a seguire, pur con le difficoltà legate a tecnologia produttive così sofisticate, Intel dovrebbe continuare l'evoluzione passando a processo a 12 nanometri prima attorno al 2016 e a 10 nanometri nel corso del 2018.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor06 Dicembre 2011, 14:45 #1
Scusate la domanda forse un po' banale, ma il passaggio da 14 a 12 e poi da 12 a 10 è tale da giustificare l'investimento? Gli altri passaggi riducevano di 10 nanometri a botta uno step produttivo rispetto al precedente...
nico_198206 Dicembre 2011, 14:56 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
Scusate la domanda forse un po' banale, ma il passaggio da 14 a 12 e poi da 12 a 10 è tale da giustificare l'investimento? Gli altri passaggi riducevano di 10 nanometri a botta uno step produttivo rispetto al precedente...

Se non ricordo male, grossolanamente vale il rapporto tra i quadrati della misura del nodo: quindi il passaggio da 14 a 12 nm e da 12 a 10 è sostanzialmente paragonabile a quello da 40 a 32 o da 32 a 28.
Paganetor06 Dicembre 2011, 15:04 #3
ah ecco! Grazie Nico
bfg900006 Dicembre 2011, 15:45 #4
Qual'è il limite fisico per questa tecnologia? 6 nm?
mstella06 Dicembre 2011, 16:33 #5
Originariamente inviato da: bfg9000
Qual'è il limite fisico per questa tecnologia? 6 nm?


Credo 7 nani... lo dice Cenerentola ---> edit: Biancaneve

Mi costerà una bannata ma non ho resistito
Mparlav06 Dicembre 2011, 16:37 #6
Originariamente inviato da: mstella
Credo 7 nani... lo dice Cenerentola

Mi costerà una bannata ma non ho resistito


Segnalato... perchè è Biancaneve non Cenerentola
xketto85x06 Dicembre 2011, 16:37 #7
Originariamente inviato da: mstella
Credo 7 nani... lo dice Cenerentola

Mi costerà una bannata ma non ho resistito


Sputafuoco Bill06 Dicembre 2011, 16:53 #8
Il limite fisico del silicio è 2 nm. Oltre si utilizzeranno altri materiali come molibdenite.
b.u.r.o.8706 Dicembre 2011, 19:18 #9
beh era ovvio che dopo aver quasi finito di sviluppare i 22nm, intel sarebbe andata avanti...
Malmst33n[RPM]06 Dicembre 2011, 19:52 #10
ma non si parlava di grafene dopo il silicio o ricordo male io?!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^