Intel e FTC: si aprono spazi per una licenza x86 per NVIDIA?

Intel e FTC: si aprono spazi per una licenza x86 per NVIDIA?

La causa intrapresa dal Federal Trade Commission contro Intel sembra aprire spazi per lo sviluppo di un processore x86 da parte di NVIDIA

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Processori
NVIDIAIntel
 

L'azione legale avviata dal Federal Trade Commission ai danni di Intel sembra dare spazio ad alcune ipotesi emerse tempo fa, mai realmente sopite, che vedono NVIDIA allo studio di una propria famiglia di processori x86 da affiancare alla propria serie di GPU.

A questo indirizzo, sul sito del New York Times, viene infatti evidenziato come l'F.T.C. possa portare Intel a rendere disponibili ad altre aziende proprie proprietà intellettuali, attraverso licenze d'uso o altre forme. E' evidente in questo la possibilità che Intel debba fornire ad altre aziende la propria licenza d'uso per le tecnologie alla base delle architetture di CPU x86.

Di seguito due estratti del documento del Federal Trade Commission che sembrano lasciare intendere questo scenario:

Requiring Intel to make available technology (including whatever is necessary to interoperate with Intel’s CPUs or chipsets) to others, via licensing or other means, upon such terms and conditions as the Commission may order, including but not limited to extensions of terms of current licenses.

Prohibiting Intel from including or enforcing terms in its x86 licensing agreements that restrict the ability of licensees to change ownership, to obtain investments or financing, to outsource production of x86 microprocessors, or to otherwise partner with third parties to expand output.

E' noto che NVIDIA abbia assunto vari ex dipendenti di Transmeta, tutti dotati di una preparazione e di una specializzazione nello sviluppo di architetture di processore x86. La presenza in azienda di professionalità di questo tipo, unitamente ad un sensibile incremento della spesa annua in ricerca e sviluppo, lascia immaginare che NVIDIA sia al momento impegnata proprio nello sviluppo di una propria serie di processori x86.

Del resto così facendo NVIDIA, a dispetto di quanto annunciato pubblicamente in varie occasioni circa la non necessità di avere una propria architettura di processore x86, potrebbe porsi in modo maggiormente competitivo nei confronti di AMD e di Intel, con la prima che è dotata di proprie soluzioni sia CPU che GPU e la seconda che dal versante GPU ha in lavorazione il progetto Larrabee, pur con i ritardi e le difficoltà che abbiamo segnalato in precedenti notizie.

Resta ora da vedere come si evolverà l'azione legale intrapresa dal Federal Trade Commission, e che tipo di ripercussioni vi saranno in termini di licenza x86 per Intel. Se NVIDIA sta lavorando ad una propria architettura di processore x86 dal 2007, è presumibile che questo prodotto non possa venir completato prima del 2011, con un investimento complessivo che dovrebbe essere attorno a 1 miliardo di dollari USA. Qualora lo scenario ipotizzato sia effettivamente quello che si sta verificando, sarà indispensabile per NVIDIA riuscire ad avere una licenza x86 per poter commercializzare legalmente sul mercato le proprie presunte future architetture di processore.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Eyes Of The tiger22 Dicembre 2009, 15:08 #1
piattaforma Nvidia, sarebbe il mio sogno
sarebbe bello vedere una specie di larrabee o GPU in grado di emulare l'x86, bisognerebbe massimizzare il campo del gpu computing CUDA e emulare il codice x86 in modo da far migrare quante più applicazioni possibili sul carico della GPU e usare l'emulazione x86 per una parte sempre più risicata.
Mr Resetti22 Dicembre 2009, 15:09 #2
Bene direi. Più concorrenza ci sarà e più prodotti e soluzioni avremo a disposizione noi consumatori. Speriamo che non ci saino lobby di potere a guastare il tutto.
killer97822 Dicembre 2009, 15:30 #3
Speriamo che con tutte le noie che stà subendo Intel in questo periodo la porti ad essere + leale verso gli altri competitor e che la finisca di dettare legge nel mercato hardware, magari un giorno chi crea il prodotto migliore e investe in progettazione e sviluppo riesce a ricavarne i frutti sperati e non a rischiare il fallimento come AMD quando creò gli ottimi A64, oppure vedi i Nano di VIA ancora sconosciuti x mooolti. E non parlatemi di marketing xche AMD c'è stata un periodo che era publicizzata ovunque anche sul casco di Schumy ma nessuno impiegava le sue CPU una spanna sopra Intel, specie le grandi catene o i grossi OEM come DELL.
s0nnyd3marco22 Dicembre 2009, 15:34 #4
Originariamente inviato da: Eyes Of The tiger
piattaforma Nvidia, sarebbe il mio sogno
sarebbe bello vedere una specie di larrabee o GPU in grado di emulare l'x86, bisognerebbe massimizzare il campo del gpu computing CUDA e emulare il codice x86 in modo da far migrare quante più applicazioni possibili sul carico della GPU e usare l'emulazione x86 per una parte sempre più risicata.


Primo larrabee e' x86, non occorre che emuli. Secondo utilizzare le GPU per fare calcoli diversi dalla grafica ha senso solo in alcune tipi di applicazioni, solitamente scientifiche che necessitano di fare una grande quantita' di calcoli a virgola mobile e' che possono sfruttare il massimo il paradigma del stream processing (SIMD).
Senza considerare che una GPU non e' una CPU e che la CPU nn si occupa solo di fare calcoli ma anche ruoli di controllore.
Se Nvidia utilizzera' la licenza X86 lo fara' per produrre cpu per il mondo mobile da affiancare a ion2 IMHO.
pabloski22 Dicembre 2009, 15:43 #5
oddio no, anche nvidia produrrà obbrobri x86?

un'architettura pessima, tutti lo riconoscono, eppure sta sempre lì e anzi è al centro di scontri, dibattiti e iniziative legali

ma fare sul serio con tegra + linux no eh!?!

Gioman22 Dicembre 2009, 15:52 #6
Microsoft gingilla
Ratatosk22 Dicembre 2009, 16:17 #7
E' tutto molto bello.

Ora questa ASHLEE VANCE che ha scritto l'articolo ci spieghi come nVidia può entrare nel mercato x86 senza le licenze di proprietà di AMD, tra cui c'è anche l'intero ISA x86-64.

Giornalisti...
DanieleG22 Dicembre 2009, 16:20 #8
ma fare sul serio con tegra + linux no eh!?!


"Serio" e "linux" nella stessa frase?
blackshard22 Dicembre 2009, 16:30 #9
Originariamente inviato da: Ratatosk]E' tutto molto bello.

Ora questa ASHLEE VANCE che ha scritto l'articolo ci spieghi come nVidia può

Beh, nvidia non la vedo male a proporre qualche chip x86 per netbook, almeno all'inizio, in modo da non necessitare di un'architettura troppo complessa e costosa.
Per i netbook l'opzione 64 bit sarebbe poi abbastanza... opzionale!

Piuttosto sto aspettando di vedere cosa ha da proporre ARM in questo segmento, ma dubito che riuscirà ad ottenere una porzione significativa del mercato senza avere compatibilità x86. A questo punto vedo l'inserimento di ChromeOS come una possibilità concreta per ARM stessa.

[QUOTE=DanieleG;30174705]"Serio" e "linux" nella stessa frase?


Anche se off-topic, ti dico che Linux è molto più serio di quanto immagini.
DKDIB22 Dicembre 2009, 16:34 #10
Mi piace l'idea: trovo che le soluzioni realizzate tutte da un unico produttore siano le migliori, pro' al momento solo AMD e' in grado di proporre qualcosa d'interessante per chi cerca buone prestazioni globali.

Comunque per Nvidia ci sarebbe un'altra scappatoia, anche se certamente piu' onerosa: assorbire Via (sempr che sia in vendita...).
C'e' da dire che se veramente stanno progettando delle CPU x86, o sono a buon punto per ottenere la licenza da Intel (prescindendo dall'intervento della FTC), oppure hanno messo in conto l'acquisto di Via.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^