Intel dona più di 1 milione di dispositivi sanitari nella lotta al Coronavirus

Intel dona più di 1 milione di dispositivi sanitari nella lotta al Coronavirus

Intel ha annunciato che donerà oltre 1 milione tra mascherine, guanti, protezioni per il viso e altre attrezzature agli operatori sanitari che in tutto il mondo lottano contro COVID-19.

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Processori
Intel
 

Intel fornirà e donerà oltre 1 milione di dispositivi di protezione individuale - mascherine, guanti e altri attrezzi - agli operatori sanitari nel mondo. Il produttore di microchip statunitense si unisce quindi alla folta schiera di aziende del comparto tecnologico che non solo sta affrontando la pandemia di COVID-19, ma che prova a dare una mano alle istituzioni e agli operatori sanitari in tutto il mondo.

"Doneremo mascherine, guanti, protezioni per il viso e altre attrezzature che abbiamo reperito dalle scorte nei nostri impianti e tramite forniture di emergenza", ha affermato Todd Brady, direttore per gli affari pubblici nel mondo di Intel. "Continueremo a cercare ulteriori fonti di approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale per donarli il più rapidamente possibile e arrivare a soddisfare il nostro impegno di raggiungere oltre un milione di pezzi".

Come potete vedere dall'immagine, negli impianti produttivi di microchip uno dei requisiti essenziali è la massima pulizia degli operatori e degli ambienti, con camere bianche in cui le microparticelle devono essere ridotte al minimo onde evitare impurità e problemi di produzione. Intel è quindi in possesso di articoli di protezione sanitaria che possono risultare utili agli operatori sanitaria in questo momento di grave emergenza. 

I dirigenti di Intel stanno lavorando con le autorità sanitarie locali e le agenzie governative di tutto il mondo. A gennaio, Intel ha annunciato una donazione di 1 milione di dollari alla Croce Rossa internazionale. "Ove possibile", aggiunge Intel, "le donazioni attuali e future saranno fatte tramite le autorità sanitarie locali, in grado di determinare le aree di maggiore necessità. Siamo immensamente grati agli operatori sanitari che sono in prima linea nel rallentare questa pandemia", ha concluso Brady.

Nei giorni scorsi il produttore di periferiche Razer si è impegnato a riconvertire alcune linee produttive per la realizzazione di mascherine. La stessa cosa fu fatta da Sharp a inizio marzo. Apple sta donando milioni di mascherine, anche alla Protezione Civile italiana, e compiendo generose donazioni in tutto il mondo. Anche Xiaomi, Huawei e molti altri stanno dando un contributo, gesti che si sommano ad altre iniziative di carattere economico e tecnologico, come la distribuzione di dispositivi a scuole che ne necessitano per le lezioni a distanza.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^