Intel: dal 2010 muta la strategia di branding per Centrino

Intel: dal 2010 muta la strategia di branding per Centrino

Maggiore attenzione al marchio Core e strategia più focalizzata sulle CPU: Centrino non indicherà più una piattaforma ma rappresenterà in maniera specifica le soluzioni wireless

di pubblicata il , alle 14:44 nel canale Processori
Intel
 

Il sito web Digitimes riporta una notizia basata sulle dichiarazioni di un anonimo portavoce di Intel, che conferma il mutamento della strategia di marketing e branding del colosso di Santa Clara per ciò che concerne le piattaforme notebook previste al debutto nel corso del 2010. Si tratta di informazioni che circolano già da diversi mesi, come avevamo segnalato in questa notizia dello scorso mese di giugno.

Attualmente Intel utilizza il marchio Centrino per indicare una piattaforma che raccoglie processore, chipset e controller wireless, tutti ovviamente progettati dalla stessa casa di Santa Clara. La nuova strategia per il prossimo anno prevede invece una maggiore attenzione nei confronti del marchio Core, che secondo Intel dovrebbe semplificare in maniera significativa la scelta dell'utente. Il brand Centrino verrà invece utilizzato per rappresentare in maniera più specifica i prodotti di comunicazione wireless con tecnologie WiFi e WiMAX.

Attualmente le consegne di CPU destinate a prodotti Centrino costituiscono da sole più del 40% delle consegne complessive di processori: un volume piuttosto importante che si accompagna ovviamente ad un medesimo quantitativo di soluzioni WiFi: ne consegue che dal prossimo anno, con la nuova strategia maggiormente focalizzata sulla CPU, i produttori di sistemi notebook avranno maggiori margini di libertà di approvigionamento per quanto riguarda i componenti wireless. Le stime indicano che con la nuova strategia il 30%-35% della domanda complessiva di soluzioni WLAN potrà essere ora a disposizione di altri produttori come Broadcom, Marvell, Atheros, Realtek e Ralink.

Digitimes indica che i prodotti di realtà quali Broadcom, Marvell e Atheros andranno più facilmente ad equipaggiare soluzioni notebook di fascia medio-alta e alta, mentre le soluzioni proposte dalle taiwanesi Realtek e Ralink saranno più verosimilmente destinate a soluzioni di fascia media ed entry-level.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ratatosk02 Dicembre 2009, 15:03 #1
Certo che conviene focalizzarsi sul brand Core... così può confondere ed ingannare attraverso sigle i3 i5 e i7 prive di qualunque attinenza con quelle desktop...
Marco.2702 Dicembre 2009, 16:12 #2
Tra l'altro mi chiedo: Broadcom, Marvell e Atheros sono realmente meglio (a livello wireless) di Intel?
MikDic02 Dicembre 2009, 17:19 #3

CHE CASINO CON TUTTI STI CODICI

Nonostante sia della materia faccio fatica a districarmi in queste sigle, e intel con gli ix si sta superando!! Avranno pure una logica ma è semplice solo per la loro capoccia ....
Ad esempio chi legge i7 che capisce ? Gestiranno 8 tread... ma che sono i tread, per l'utente normale? E ci sono eccezioni? ... ovviamente si ?
- Che socket hanno? sono due !!!! (sul notebook credo useranno solo LGA 1156)
- quanti core hanno 4 sul desktop, 2 o 4 sui portatili
- sono a due canali o tre .... Mbeh?

Chi legge i5 che capisce ? gestiscono 4 tread ... e .. che vuol dire?
- quanti core hanno? 2 o 4 ... dipende.....
.... e cosi via...

ma è meglio un portatile con un i5 quad core o un i7 dual core?

Il numero dei core ovviamente non è un parametro assoluto, ma bene o male era intuitivo da capire ma ora CHE CASINO !!!!!!!!
SwatMaster02 Dicembre 2009, 17:38 #4
Originariamente inviato da: MikDic
Nonostante sia della materia faccio fatica a districarmi in queste sigle, e intel con gli ix si sta superando!! Avranno pure una logica ma è semplice solo per la loro capoccia ....
Ad esempio chi legge i7 che capisce ? Gestiranno 8 tread... ma che sono i tread, per l'utente normale? E ci sono eccezioni? ... ovviamente si ?
- Che socket hanno? sono due !!!! (sul notebook credo useranno solo LGA 1156)
- quanti core hanno 4 sul desktop, 2 o 4 sui portatili
- sono a due canali o tre .... Mbeh?

Chi legge i5 che capisce ? gestiscono 4 tread ... e .. che vuol dire?
- quanti core hanno? 2 o 4 ... dipende.....
.... e cosi via...

ma è meglio un portatile con un i5 quad core o un i7 dual core?

Il numero dei core ovviamente non è un parametro assoluto, ma bene o male era intuitivo da capire ma ora CHE CASINO !!!!!!!!


L'utente "normale" di cui parli te non viene su HWU ad informarsi sulle nuove uscite tecnologiche. L'utente "normale" non si prenderà mai un processore boxato per fare un upgrade al proprio pc, al massimo gli metterà più ram. L'utente "normale" non sa che esistono millemila modelli diversi e che oltre ad Intel c'è AMD (e VIA), e probabilmente manco gli interessa.
L'utente normale và ad Mediaworld e si compra un bel case di plastica, il più piccolo e "smart" possibile, consigliato da uno dei -rari- omini con la casacca rossa ed il logo della suddetta che ne sanno meno di uno studente delle elementari, e che sono istruiti "ad hoc" per vendere questo o quel prodotto a seconda delle esigenze dei capi.

...E quando arriverà a casa, col suo bel plasticozzo, installerà millemila programmini fuffa trovati su beccatistiprogrammifighichetipompanoilpc.lol con tutte le migliori intenzioni del mondo, ritrovandosi poi però circondati da oscuri e sanguinolenti malware delle peggiori specie. A quel punto entreranno in gioco altri personaggi e fattori, come ad esempio il "cuggino" che di pc "ne sa un cifro" od il compagno di classe del figlio, il cui nonno è stato fondatore della Cianfrusaglia Electronics s.p.a. e che può essere fonte di preziosi ed utilissimi consigli.


L'utente normale, in fin dei conti, vorrebbe semplicemente andare su Facebook, scrivere due cagate su Office 2012 crackato (dal "cuggino" che di pc "ne sa un cifro" ed ascoltare un po' di musica scaricata con eMule (dopo vari e vani tentativi d'ottenere il brano desiderato, causa "inspiegabili" fake). Stop. Non vuole essere disturbato da nient'altro, e del resto semplicemente se ne sbatte.
Nikobeta02 Dicembre 2009, 18:02 #5
ottimo sunto di cosa serve al giorno d'oggi un pc in ogni famiglia :-)
Enriko8102 Dicembre 2009, 18:35 #6
Originariamente inviato da: Nikobeta
ottimo sunto di cosa serve al giorno d'oggi un pc in ogni famiglia :-)


quoto anche se noto un bel po' di cattiveria repressa , non tutti nascono nerd smanettoni.

molti di noi prima erano noob , poi si sono evoluti (non come la Punto )
SwatMaster02 Dicembre 2009, 18:59 #7
Originariamente inviato da: Enriko81
quoto anche se noto un bel po' di cattiveria repressa , non tutti nascono nerd smanettoni.

molti di noi prima erano noob , poi si sono evoluti (non come la Punto )


Se era rivolto a me, devo ammettere che hai ragione... Insomma, io non saprò programmare, non saprò una cippa lippa di come viene costruito/progettato l'hardware, ma almeno m'informo sulle cose che vado ad acquistare.
Tralasciando il mercato che gira intorno all'informatica, che seguo per pura passione, se devo comprarmi una poltrona nuova, prima magari cerco informazioni sulla medesima.

La maggior parte della gente, a parer mio, ha la cattiva abitudine di fare le cose ad cazzum canis per poi lamentarsi e frignare come bambini piccoli.
Therinai02 Dicembre 2009, 19:26 #8
ma che discorsi state facendo
Che l'utente medio di mw sia un cabron è vero, ma che c'entra con la notizia?
Secondo me il rebrand ci sta... ma non il riciclo del brand centrino per andare ad indicare il solo apparato wifi.
Cioé centrino c'è ormai da parecchi anni e ora, dopo tanto tempo, la massa comincia ad essere (almeno mi sembra) vagamente coscente del fatto che centrino è meglio di pentium o celeron e che centrino 2 è meglio di centrino 1, per quanto riguarda le prestazione oltre che i consumi e la connettività wifi... ma se si va a sviare il marchio da questi fattori poi saremo da punto a capo.
Cioé piuttosto preferivo che toglievano di mezzo il brand centrino a sto punto...
Ratatosk02 Dicembre 2009, 19:33 #9
Originariamente inviato da: Therinai
ma che discorsi state facendo
Che l'utente medio di mw sia un cabrones è vero, ma che c'entra con la notizia?
Secondo me il rebrand ci sta... ma non il riciclo del brand centrino per andare ad indicare il solo apparato wifi.
Cioé centrino c'è ormai da parecchi anni e ora, dopo tanto tempo, la massa comincia ad essere (almeno mi sembra) vagamente coscente del fatto che centrino è meglio di pentium o celeron e che centrino 2 è meglio di centrino 1, per quanto riguarda le prestazione oltre che i consumi e la connettività wifi... ma se si va a sviare il marchio da questi fattori poi saremo da punto a capo.
Cioé piuttosto preferivo che toglievano di mezzo il brand centrino a sto punto...


Io credo che sia cabron e cabrones il plurale, ma visto che conosco solo italiano e inglese potrei pure sbagliarmi.
Therinai02 Dicembre 2009, 19:37 #10
Originariamente inviato da: Ratatosk
Io credo che sia cabron e cabrones il plurale, ma visto che conosco solo italiano e inglese potrei pure sbagliarmi.


credo tu abbia ragione, chico

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^