Intel coinvolge ATI nella disputa con AMD

Intel coinvolge ATI nella disputa con AMD

La casa di Santa Clara richiede alla compagnia canadese tutta la documentazione relativa alle operazioni di acquisizione di ATI da parte di AMD

di pubblicata il , alle 16:55 nel canale Processori
ATIIntelAMD
 

Dopo qualche mese di tranquillità dal punto di vista delle battaglie legali, un nuovo episodio si apre nella vicenda che vede contrapposte AMD e Intel. La corte dello stato del Delaware ha infatti disposto, dietro richiesta del colosso di Santa Clara, un mandato di comparizione per la canadese ATI Technologies, recentemente acquisita proprio da AMD.

Si tratta di una mossa che AMD ha utilizzato in passato contro Intel, coinvolgendo altre compagnie come Microsoft, Adobe, Dell, solo per citarne alcune. In particolare a Microsoft fu richiesto di produrre tutta la documentazione riguardante la decisione di sviluppare software per processori AMD a 64bit.

Ad ATI viene richiesto di produrre tutta la documentazione relativa agli affari intrattenuti con AMD ed in particolare tutto ciò che è disponibile riguardo all'operazione d'acquisto dell'azienda di Sunnyvale.

In particolare il mandato recita: "Tutti i documenti relativi alla decisione di ATI di essere acquistata da AMD, includendo, ma non limitandosi a, le motivazioni strategiche, le opportunità di crescita e le proiezioni finanziarie degli effetti, reali o potenziali, della transizione su ogni aspetto di entrambe le compagnie o del business combinato delle compagnie".

Si attendono sviluppi. Probabilmente all'infinito.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ErminioF13 Settembre 2006, 17:00 #1
Ma che frega ad intel de "le motivazioni strategiche, le opportunità di crescita e le proiezioni finanziarie degli effetti" ?
Bah...a me sa quasi di ripicca, o di possibilità di indagare sulle future strategie di amd
gr@z!13 Settembre 2006, 17:00 #2

Paura Intel..

Senza Senso poi... MHA.

Giusto per 'allungare il sugo' per le indagini che la riguardano!
Hitman0413 Settembre 2006, 17:02 #3
Giusto per rompere all'avversario...
II ARROWS13 Settembre 2006, 17:11 #4
Cavolo, in lista non vedo "documentazione Intel andata sotto mano di AMD"... unica cosa di cui potrebbe preoccuparsi...

Mi sa tanto di "Google: IE7 ha messo in automatico MSN Search. Voglio il ciuccio"
Darkangel66613 Settembre 2006, 17:13 #5
O forse temono che la collaborazione con Ati nello sviluppo del Chipset 975 (mi sembra sia quello che ha la compatibilità Crossfire) e RD600 abbia comportato una fuga di segreti industriali con la successiva acquisizione da parte di AMD.
norfildur13 Settembre 2006, 17:29 #6
È chiaro che Intel sente puzza di bruciato nell'accordo. Può anche essere che AMD abbia pagato un sovrapprezzo per le azioni ATi in cambio di informazioni riservate sulle tecnologie Intel (conosciute da ATi in quanto licenziatario per chipset per i Core 2). E questo può emergere da un'analisi della documentazione.
Se infatti dalla verifica risultasse che il prezzo congruo da pagare sarebbe stato X e invece è stato pagato X+1, quell'uno in più deve trovare una motivazione economica. Se non ce l'ha, allora vuol dire che gatta ci cova e in quel caso entrerebbe in gioco anche la SEC (la commissione di borsa USA) che su queste ci va con i piedi di piombo, e che potrebbe addirittura sanzionare pesantemente AMD in caso di operazioni poco chiare celate dal CdA agli azionisti.
Darkangel66613 Settembre 2006, 17:30 #7
Più o meno quello che ho detto.
Kanon13 Settembre 2006, 18:00 #8
Mah... se è una questione di prestazioni, siamo ancora al paradosso che RD580+SB600 è ancora il binomio più prestazionale su piattaforme Intel, per cui AMD di fatto produce il miglior chipset per Intel al momento. Non vedo cos'abbia da lamentarsi Intel

A parte questo, cosa volete che sappia ATi di Intel che non sappiano già Via e SiS. ATi non aveva nessuna esclusiva tecnologica a parte CF, se mai c'era stata la breve ma intensa esclusiva sulla produzione dei core logic di fascia mediobassa e con video integrato. La cosa è durata manco un anno e non credo ci abbia guadagnato/rimesso nessuno.
gi0v313 Settembre 2006, 18:11 #9
a me sembra più probabile che intel, con la scusa ufficiale e plausibile di voler sapere se ati ha venduto segreti industriali ad amd, voglia in realtà farsi una cuccata sulle strategie future di amd-ati..
Snickers13 Settembre 2006, 18:28 #10
X 8, sì, ok, ma Via e SiS non sono di proprietà AMD, vorrei fartelo capire, e penso che i rapporti fra chipset maker e cpu maker siano sotto accordi di riservatezza, cioé, nn è che uno prende, e va a spifferare tutto così tranquillamente, ed è ciò di cui ha (giustamente) timore Intel, vorrei farti notare, come in 3 (dico 3) mesi, le azioni ati siano passate da 17$ a 22$ l'una, tenendo conto che in ambito Intel, sta iniziando a vendere meno X ovvi motivi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^