Intel attacca Apple sui MacBook con CPU M1: i notebook Tiger Lake sono migliori

Intel attacca Apple sui MacBook con CPU M1: i notebook Tiger Lake sono migliori

Intel ha diffuso la sua personale disamina sui nuovi MacBook basati su chip Apple M1: con diversi benchmark, alcuni attentamente selezionati, mostra come i notebook Windows basati su Tiger Lake siano più veloci, reattivi, compatibili e polivalenti.

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Processori
IntelAppleMacBookTiger Lake
 

Sul finire dello scorso anno Apple ha avviato la transizione dai processori Intel alle soluzioni sviluppate internamente su base ARM, partendo dal chip M1 a bordo degli ultimi notebook MacBook Air, Pro 13 e il desktop Mini. Abbiamo recensito il nuovo Air parlando di "rivelazione sorprendente" e non siamo stati i soli, dipingendo un futuro roseo per lo sforzo dell'azienda nel settore hardware al pari di quanto visto su iPhone e iPad.

Apple ha dato il benservito a Intel convinta di poter fare meglio dello specialista dei microprocessori e questo, già di per sé, è uno smacco duro da digerire per l'ex partner. La casa di Cupertino guadagna maggiore libertà e controllo sui propri prodotti, cose che negli ultimi anni Intel non è stata in grado di assicurarle a causa di molteplici problemi sul fronte produttivo e un'innovazione bloccata, fatta di continue revisioni di un'architettura pensata a metà del decennio passato.

Apple ha così fatto "levato le tende", lasciando Intel sgomenta e con la volontà di tornare a dimostrare il proprio valore, come per stessa ammissione di quel Pat Gelsinger che a metà di questo mese ne diventerà CEO. In attesa che la nuova direzione cambi le cose, Intel ha deciso di passare dal silenzio assenso alla reazione, diffondendo alcune slide in cui spiega perché - a suo personalissimo giudizio - la nuova piattaforma M1 di Apple abbia diversi problemi e sia meno performante delle soluzioni Tiger Lake che rappresentano il culmine della sua innovazione.

Trattandosi di slide diffuse da un produttore, v'invitiamo a prenderle con le dovute cautele e il giusto senso critico: non tutti i punti presentati sono validi o di conclamata importanza, ma l'argomento è interessante e rappresenta la prima volta in cui Intel dà un cenno di vita di una qualche rilevanza dopo il voltafaccia di Apple.

Dal punto di vista della produttività, usando test comuni come WebXPRT 3 e Office 365, Intel mostra come un sistema basato su CPU Core i7-1185G7 e 16GB di RAM sia il 30% più veloce nella gestione di operazioni comuni rispetto a un MacBook Pro. L'azienda di Santa Clara afferma inoltre che l'1185G7 è fino a sei volte più veloce di un M1 nella gestione di funzionalità basate sull'intelligenza artificiale in programmi come Topaz Labs.

Per quanto concerne il gaming, Intel mostra non solo prestazioni generalmente migliori, ma pone l'accento su come vi siano molti giochi che attualmente non funzionano su macOS e il nuovo chip M1. È un confronto un po' forzato, perché seppur sia possibile giocare con molti titoli anche con la grafica integrata, non crediamo che molti acquistino un MacBook Pro M1 con questo particolare intento.

Intel afferma inoltre che i nuovi MacBook non supererebbero i test necessari per ottenere la certificazione Evo (ex Project Athena), il programma di Intel che punta a garantire notebook con caratteristiche d'eccellenza per quanto concerne autonomia, prestazioni, connettività e design. I MacBook M1 non solo falliscono otto test su 25 in termini di reattività (avvio di videoconferenze Zoom, selezione del menu immagini in PowerPoint, ecc.), ma anche i valori di autonomia dichiarati da Apple risulterebbero eccessivi, con un risultato reale più in linea con i sistemi Tiger Lake.

I nuovi MacBook sono inoltre privi di schermo touchscreen, funzionalità presente su diversi sistemi basati su piattaforma Intel, e sono limitati al classico design a conchiglia, mentre i produttori che optano per le CPU Intel possono realizzare convertibili, notebook tradizionali, 2 in 1 e altri design particolari che rispondono alle necessità di un pubblico più ampio. L'azienda conclude eccependo sulle capacità video del SoC M1, con i nuovi Air e Pro che supportano un solo schermo fino a 6K e 60 Hz e rimarcando la compatibilità limitata con gli accessori esterni.

In conclusione, possiamo dire due cose su questa disamina da parte di Intel: la prima è che ci sono indubbiamente degli argomenti validi, con i nuovi MacBook che hanno ancora delle carenze a cui Apple dovrà porre rimedio in futuro. Al tempo stesso abbiamo troppa esperienza per non sapere che un cambiamento così importante richiede un periodo di transizione ed evoluzione: il prodotto perfetto non può essere certo il primo di un rinnovamento totale, sia dal punto di vista hardware che soprattutto software, con un ecosistema che deve mettersi al pari.

La seconda cosa che non possiamo fare a meno di notare è che l'addio di Apple ha fatto certamente male, altrimenti Intel non si sarebbe prodigata a confezionare questa analisi. Intel teme le capacità di Apple nella progettazione di chip (quanto proposto su iPhone e iPad negli anni parla chiaro) e l'effetto volano che potrebbe scatenare nell'industria, con altre realtà che potrebbero decidere di fare scelte diverse per il futuro. Non è un caso che il futuro CEO Pat Gelsinger, nel suo primo incontro con i dipendenti, abbia fissato l'obiettivo: fare meglio della casa di Cupertino. Un auspicio ma anche un pungolo per tutti i suoi dipendenti. La battaglia è solo all'inizio, prendiamo i popcorn.

59 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AlexSwitch08 Febbraio 2021, 09:04 #1
Ovvia si riapre l'O.K. Corral....
The_ouroboros08 Febbraio 2021, 09:06 #2
Si vede che ha fatto male la scelta di Apple e la poca innovazione data da 0 alternative negli ultimi anni
omerook08 Febbraio 2021, 09:19 #3
Ambe se lo dicono le slide sarà vero

Quando anche Intel caccia una CPU che lavora senza ventola ricominciamo con le comparative
coschizza08 Febbraio 2021, 09:23 #4
Originariamente inviato da: omerook
Ambe se lo dicono le slide sarà vero

Quando anche Intel caccia una CPU che lavora senza ventola ricominciamo con le comparative


intel le fa da anni sono le serie da sub 10w di tdp, il M1 senza ventole va in blocco termico se usato in maniera continuativa riducendo sensibilmente le performance e il M1 in test usa le ventole
The_ouroboros08 Febbraio 2021, 09:31 #5
Originariamente inviato da: omerook
Ambe se lo dicono le slide sarà vero


Certo!
RaZoR9308 Febbraio 2021, 09:36 #6
Slide alquanto imbarazzanti per Intel.
omerook08 Febbraio 2021, 09:49 #7
Originariamente inviato da: coschizza
intel le fa da anni sono le serie da sub 10w di tdp, il M1 senza ventole va in blocco termico se usato in maniera continuativa riducendo sensibilmente le performance e il M1 in test usa le ventole


Si se mi spieghi come farebbe un air a fare partire le ventole te ne sarei grato.
Vash_8508 Febbraio 2021, 09:52 #8
A giudicare da come intel si sta prodigando nell'analizzare e comparare m1 vs gli ultimi suoi prodotti direi che il passaggio a cpu proprietarie da parte di apple brucia non poco!
Non ho ben capito se brucia perché hanno perso/stanno perdendo un partner che fa volumi importanti o perché apple sta tracciando un'altra strada che altri potrebbero seguire riducendo via via i volumi di intel?
mattewRE08 Febbraio 2021, 09:52 #9
Originariamente inviato da: coschizza
intel le fa da anni sono le serie da sub 10w di tdp, il M1 senza ventole va in blocco termico se usato in maniera continuativa riducendo sensibilmente le performance e il M1 in test usa le ventole


Visto il livello, sei tu l'autore di quelle slide ridicole?

Neanche AMD si è permessa di criticare M1 nonostante abbia una APU (4800u) a listino che può (più o meno) competere con il SoC Apple, e il CEO ha -elegantemente- commentanto M1 come spunto per concorrenza e innovazione.
Intel NON ha prodotti neanche avvicinabili a quelli di AMD / Apple in questo segmento.

(in merito al tuo commento: se uno pensa di usare una CPU al 100% su un ultrabook con processore entry level per ore, magari potrebbe scegliere qualcosa di diverso rispetto all'Air? Esiste il Pro che non fa TT significativo. O Magari aspettare un processore per la gamma più opportuna?)
coschizza08 Febbraio 2021, 09:52 #10
Originariamente inviato da: omerook
Si se mi spieghi come farebbe un air a fare partire le ventole te ne sarei grato.

cosa centra l'air in questo discorso? su quello non ci sono le ventole e appunto la cpu va Thermal throttling molto velocemente

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^