Intel Atom E600: novità per il mondo embedded

Intel Atom E600: novità per il mondo embedded

I processori Atom sono ora disponibili con una linea specifica anche per il mondo embedded. A partire dalla prima metà del prossimo anno previste soluzioni programmabili con FPGA

di pubblicata il , alle 14:49 nel canale Processori
IntelAtom
 

Oltre al nuovo SoC Intel Atom CE4200, il colosso di Santa Clara ha annunciato all'IDF 2010 la nuova famiglia di soluzioni System-on-Chip Atom E600 destinate all'ambito embedded. La caratteristica principale di questa soluzione, precedentemente nota con il nome in codice di "Tunnel Creek" è la capacità di potersi interfacciare con una vasta gamma di dispositivi di Input/Output basati su bus PCI Express, che lo rendono adatto all'impiego per sistemi di intrattenimento automotive, soluzioni di sorveglianza automatizzata, automazione industriale, dispositivi medicali portatili e via discorrendo.

Intel prevede di abbinare Atom E600 al proprio controller hub EG20T, tuttavia alcune realtà partner di Intel (OKI Semiconductor, Realtek, STMicroelectronics, Dialog Semiconductor e ROHM Co.) hanno già disponibili una serie di chipset customizzati per specifiche applicazioni in grado di operare sinergiamente con Atom E600.

Atom E600 che si basa sul progetto Bonnell, comune alle soluzioni Atom della famiglia D, N, Z, e CE, è prodotto con processo a 45 nanometri. La generazione successiva, a 32 nanometri, è conosciuta con il nome in codice Saltwell, mentre per le soluzioni a 22 nanometri non è ancora noto il nome in codice. Intel prevede di commercializzare 9 diverse versioni di Atom E600, che si differenziano principalmente per frequenza operativa e consumo energetico. Atom E600 sarà disponibile prossimamente nel corso dell'anno a prezzi unitari compresi in un range tra 19 e 85 dollari, per lotti di 1000 unità. Il controller EG20T sarà commercializzato al prezzo di 9 dollari per lotti di 1000 unità

Intel ha inoltre in serbo per la prima metà del 2011 la soluzione "Stellarton": si tratta dell'abbinamento tra il core Atom E600 ed un FPGA (Field Programmable Gate Array) prodotto da Altera. In questo modo Intel può mettere a disposizione un processore programmabile, per una maggiore flessibilità di implementazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MasterGuru15 Settembre 2010, 20:07 #1

Problema

La caratteristica principale di questa soluzione, precedentemente nota con il nome in codice di "Tunnel Creek" è la capacità di potersi interfacciare con una vasta gamma di dispositivi di Input/Output basati su bus PCI Express, che lo rendono adatto all'impiego per sistemi di intrattenimento automotive, soluzioni di sorveglianza automatizzata, automazione industriale, dispositivi medicali portatili e via discorrendo.

d'accordo, ma queste soluzioni "embedded" fanno un po' a pugni con il potersi interfacciare con tanti dispositivi via PCI Express: embedded equivale a dire sistemi di ridotte dimensioni, quindi non ci vedo tutta questa possibilità di riempire la piattaforma di periferiche PCI Ex! Basti vedere i notebook/netbook che sulla PCI Express a mala pena mettono la scheda video e il wifi
lucusta15 Settembre 2010, 22:46 #2
embedded significa che e' un oggetto informatizzato in cui tutto il necessario e' gia' integrato, e non essenzialmente che sia relativo alle sue dimenzioni (una TV avanzata, una bilancia elettronica, oggi ho visto una macchina da bar per il caffe' espresso comandata da un embedded, con tanto di display... non sono certo oggetti piccoli, controller CNC); poi, che tutto sia fatto su bus PCI-EX e' solo un adeguamento alle periferiche che sono sul mercato, di cui un embedded puo' tranquillamente sfruttare le caratteristiche.

la cosa strana e' l'aggiunta di un chip programmabile, che alla fine potrebbe essere addirittura piu' potente di un ATOM!
di questi esempi ne ho visti pochi e tutti basati su chip molto datati, in cui la prima CPU serve solo per l'inizializzazione e la programmazione, e poi fa' tutto il chip programmabile.
Manublade16 Settembre 2010, 17:09 #3
Tanti anni fa ai tempi dell'uni mi era capitato di pensare di utilizzare una FPGA e da quel che ricordo erano tutto fuorchè veloci!
Unrealizer17 Settembre 2010, 17:00 #4
l'integrazione di un processore in un FPGA non è una novità, esistono da anni prodotti formati da AVR+FPGA o Arm+FPGA

l'FPGA può POTENZIALMENTE avere prestazioni maggiori del processore, ma solo in certi ambiti dato il suo elevato parallellismo, e al fatto che le operazioni avvengono alla velocità "wire speed" cioè a quella che può dare un circuito logico semplice. Solo in certi ambiti però, non può affatto sostituire una CPU.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^