Intel: AMD viola gli accordi di licenza dividendosi in due realtà

Intel: AMD viola gli accordi di licenza dividendosi in due realtà

I dubbi di Intel circa l'operazione di split di AMD in due realtà si fanno concreti e prendono la forma di una minaccia, anche se vi sono diversi aspetti da considerare.

di pubblicata il , alle 09:54 nel canale Processori
IntelAMD
 

La rivalità fra Intel e AMD è fatto noto, essendo le due realtà statunitensi in diretta competizione nella produzione sia di CPU x86 compatibili che di sottosistemi grafici. La recente decisione di AMD di delegare a "terzi" la produzione fisica dei propri prodotti (ad una società, The Foundry,  in cui la stessa AMD è presente per il 44,4%), non è piaciuta ad Intel. AMD ha infatti ottenuto immediati benefici a livello economico, migliorando in teoria la propria posizione e garantendosi una maggiore serenità nella progettazione di CPU e GPU.

Voci circa la particolare attenzione con cui Intel pare impegnata ad analizzare i fatti sono girate già nella giornata di ieri, ma qualcosa di più certo viene riportato da Dailytech. Per capire bene le accuse che Intel muove ad AMD, è bene ricordare che fra le due aziende vige una "cross-license" per diverse tecnologie, fra cui quella che permette ad AMD di utilizzare la proprietà intellettuale di Intel per la progettazione e la produzione di CPU x86.

Essendo la produzione di fatto spostata ufficialmente al di fuori dell'azienda AMD, che ha la licenza di progettazione e produzione in esclusiva e non trasferibile, vi sarebbe per Intel il margine per una ipotetica denuncia. Non risulta infatti che Intel abbia stretto alcun accordo con The Foundry per la produzione di CPU x86 ed, essendo la licenza concessa ad AMD non trasferibile, si potrebbe creare una situazione poco gradevole per AMD.

Ovviamente è presto per capire veramente come si evolverà la vicenda, ma siamo comunque in tempo per capire a cosa possa portare quella che sembra una sorta di pre-tattica di Intel, più che una minaccia vera e propria. Chuck Malloy di Intel ha rilasciato dichiarazioni di carattere generale, condivisibili ma che poco aggiungono per ora ai fatti. "Abbiamo l'obbligo di garantire ai nostri investitori che le nostre proprietà intellettuali vengano rispettate", ha dichiarato Chuck, "e vogliamo che sappiano (gli investitori, NDR) che i loro interessi sono tenuti in debita considerazione".

Michael Silverman, di AMD, si dice certo che "la proprietà intellettuale su alcune tecnologie Intel non verrà per nulla infranta e verrà rispettata, così come ci aspettiamo che loro rispettino le nostre".

Secondo l'analista Hans Mosesmann, invece, il "gioco" di Intel potrebbe essere più sottile. Con una minaccia di azione legale, sulla base di fatti sui quali Intel potrebbe anche dimostrare di avere ragione, Intel potrebbe in qualche modo "patteggiare" sottobanco con il rivale di sempre per ottenere il ritiro delle cause anti-trust attualmente in corso, che vede Intel accusata da AMD su più fronti, alcuni così plateali da risultare imbarazzanti.

Tradotto in parole povere, Hans Mosesmann ipotizza quindi che Intel voglia scambiare un proprio gesto di altruismo (di fatto non denunciare AMD pur avendone i margini), in cambio del ritiro da parte di AMD delle cause anti-trust in corso. Sarà battaglia legale o finirà a "tarallucci e vino"? Nel primo caso lo sapremo presto, nel secondo... non se ne sentirà più parlare.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

64 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dateme_un_nick10 Ottobre 2008, 10:02 #1
Sento puzza di Italian Style ergo... taralucci e vino
StyleB10 Ottobre 2008, 10:04 #2
a me sembra che intel sorpassata da amd sul fattore gpu stia tirandole fuori per attaccare amd per la paura che la devasti anche sul campo cpu...anche perchè se la produz nella seconda azienda costa meno e quindi arriva a far vendere ad amd i propri pezzi ad un prezzo minore, ben venga!!!!!!!
Special10 Ottobre 2008, 10:06 #3
Mah.. credo che AMD abbia ben valutato la questione prima di trasferire la produzione presso "terzi"...
A pelle dire che non scenderà a compromessi..
GByTe8710 Ottobre 2008, 10:10 #4
Quoto Special, senz'altro avrà valutato la questione...

Voto per il tarallucci e vino, comunque
dateme_un_nick10 Ottobre 2008, 10:12 #5
Originariamente inviato da: StyleB
anche perchè se la produz nella seconda azienda costa meno e quindi arriva a far vendere ad amd i propri pezzi ad un prezzo minore, ben venga!!!!!!!


Piu che vendere a prezzi minori ( che gia lo fa ) avrà sicuramnete un margine di guadagno nettamente maggiore poi ragazzi solo il tempo ci dirà chi e non , avrà ragione
fbantan10 Ottobre 2008, 10:13 #6

Sondaggio

facciamo un sondaggio dai.....btw anche io voto tarallucci asd

TARALLUCCI & VINO 3
GUERRA LEGALE 1
Mparlav10 Ottobre 2008, 10:23 #7
Le ipotesi possono essere diverse, specie in una situazione di crisi mondiale unica nel suo genere:
1) Amd ritira le azioni anti-trust e finisce a tarallucci e vino.
2) Amd pensa di essere nella ragione, ed Intel avvia l'azione legale.
Già solo questo metterà parecchia pressione "finanziaria" su Amd, e non è detto che i nuovi azionisti arabi gradiscano la cosa. Spingeranno affinchè ciò non avvenga.
In pratica, accordo a tutti i costi.

E si finisce cmq a tarallucci e vino :-)
zuLunis10 Ottobre 2008, 10:24 #8
Non vorrei essere irrispettoso.. ma ultimamente ho notato una certa lentezza nel pubblicare certe news.. Ovviamente non vuole essere una critica o una polemica, qui non pago niente e non ho diritto alcuno, solo mi preoccupo per una delle migliori testate italiane
Capozz10 Ottobre 2008, 10:25 #9
Propendo anche io per tarallucci e vino
elminister110 Ottobre 2008, 10:25 #10
Dai ma mi sembra strano che i vertici di AMD si siano scordati di questa cosa. Incredibile...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^