Intel al lavoro per lo sviluppo della tecnologia EUV

Intel al lavoro per lo sviluppo della tecnologia EUV

Intel e Cymer hanno stretto un accordo per lo sviluppo di macchinari per la litografia EUV

di pubblicata il , alle 08:59 nel canale Processori
Intel
 

Intel e Cymer, primo fornitore di dispositivi per la luce ultravioletta utilizzata nella produzione di semiconduttori, hanno annunciato di aver siglato un accordo per lo sviluppo dei processi di litografia EUV (Extreme Ultraviolet).

L'idea principale di questo tipo di litografia è riuscire a raggiungere un livello tale da poter "disegnare" sui wafer circuiti più sottili di quanto è possibile fare oggi.

La Litografia EUV dovrebbe essere proposta commercialmente nel 2009, ma potrebbe portare con se alcune complicazioni. Una delle tante è rappresentata dalla necessità di incrementare le capacità produttive per poter rispondere alle richieste di alti volumi di produzione per minimizzare i costi dei macchinari EUV. Un altro problema è la necessità di utilizzare specchi estremamente precisi.

Lo sviluppo rapido della tecnologia EUV è molto importante per riuscire a raggiungere alti volumi di produzione con il processo a 32nm nel 2009.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GHz29 Gennaio 2004, 09:25 #1
32nm!!!

Ma i nanotubi & nanotecnologie ancora nulla? Troppo costosi?
nonikname29 Gennaio 2004, 12:20 #2
Mi ritorna in mente la visita di TomHw ai laboratori Intel di 6 mesi fa ,dove in una saletta piena di macchinari , su un banco di lavoro , c'era un prototipo di Pentium 4 costruito a 65 nanometri con la frquenza di clock di 16Ghz con picchi di dissipazione massima vicini a 28w : se solo smettessero di centellinare la tecnologia fruibile , e ci fosse vera concorrenza adesso saremmo tecnologicamente 2-3 anni avanti e fra una generazione e la successiva ci sarebbe almeno un guadagno prestazionale del 30-40%!!

Ho cpu intel dal 2.4 fsb533 e successivamente o preso il 2.8 fsb800 con chipset 865pe e ne sono entusiasta , ma da quando è uscito l'Athlon64 mi viene voglia di cambiare di nuovo cpu (prima ho avuto un Pentium mmx , un pentium 2 400 , un pentium 3 700 , athlon Xp1?00 , athlon Xp2000+ ecc. ecc), perchè prima bene o male le prestazioni per i modelli top che uscivano dalle due marche erano sempre allineati con fasi dove intel era leggermente avanti alternate a amd che rispondeva , ma adesso con athlon 64 3400+ (che va esattamente come l'fx51 e costa quasi la meta') , e soprattutto dall'introduzione del Opteron , AMD ha colmato il gap tecnologico e ha dimostrato di saper fare veramente bene il suo lavoro , quindi come nel caso ATI - Nvidia adesso Intel come Nvidia deve tirare fuori i denti e combattere per non perdere quote di mercato .
E finalmente noi utenti avremo un guadagno , magari non in euro , ma almeno in prestazioni vere : Upgradare da una generazione all'altra di CPU o di GPU avrà un senso.
Scezzy29 Gennaio 2004, 12:28 #3
Pentium 4 che viaggia a 16 GHz consuma al massimo 28W... sta notizia m'era sfuggita !!! Mizzica... allora perche' nn se danno na mossa?! D'inverno la stufetta vicino ai piedi va bene... ma tra un po' ricomincia a far caldo
cionci29 Gennaio 2004, 12:57 #4
Mi sembra che quella a 16ghz fosse una ALU non un P4 (se non sbaglio)...
Alberello6929 Gennaio 2004, 13:11 #5
:o
stbarlet29 Gennaio 2004, 13:59 #6
le alu che abbiamo noi nei processori viaggiano già a freq elevate , se nn ricordo male viaggiano al doppio della freq del processore
+Benito+29 Gennaio 2004, 14:01 #7
non si puo' essere "2 anni avanti con la tecnologia" perche' se no tra due anni saremmo indietro di due.
La tecnologia permette di migliorare le prestazioni in funzione della richiesta del mercato, a chi conviene buttar fuori un processore 10 volte piu' potente di quello in commercio e poi non vendere piu' niente per 10 anni?
Poi bisogna valutare cosa e' tecnicamente possibile fare e cosa e' commercialmente possibile fare, un produttore deve fare dei conti, e se ha una resa del 10% puo' anche fare il processore piu' potente del mondo, ma non lo puo' certo vendere!
dragunov29 Gennaio 2004, 21:12 #8
Anche al triplo mi sembra
jotaro8030 Gennaio 2004, 02:52 #9

Riposto...Cosa ne pensate?

Vorrei evidenziare come AMD che da relativamente poco si è affacciata al mondo dei sistemi professionali stia mettendo in difficoltà intel che in questo campo ha sempre regnato... Opteron supera Xeon praticamente in tutte le applicazioni(soprattutto in configurazione a 2 o 4 processori)con costi inferiori, e con in più integrato il supporto al codice a 64 bit, che se per il mercato user non rappresenta qualcosa di essenziale, per il mercato professionale rappresenta invece un valore aggiunto notevole. Forse intel ha speso troppe risorse nello sviluppo di un progetto come quello di Merced/Itanium che se anche interessante per quanto riguarda le innoviazioni apportate all'architettura delle cpu, mi sembra per ora su di un percorso alquanto incerto e mal delineato.Itanium viene prodotto in volumi ridotti,vende poco, non riesce a fare concorrenza ad architetture forse meno innovative ma più navigate, economiche e meglio supportate come quelle dei processori RISC; è un progetto costoso che impiega tempo e risorse. Penso che intel sià in difficoltà e che questa situazione non possa durare ancora per molto. Intel dovrà decidere se portare l'architettura di Itanium nel marcato user o se far abortire questo costoso esperimento tecnologico. Molto, a mio parere, dipenderà da AMD: se AMD sfrutterà il vantaggio tecnologico nella fascia desktop allora questo porterà intel a sviluppare una nuova architteturà che sostituirà il P4( un progetto nato male e cresciuto peggio...) con qualcosa di derivato da Itanium e magari con anche qualcuna delle tecnologie presenti in Centrino/Pentium-M.
cdimauro31 Gennaio 2004, 06:08 #10
Un conto sono i prototipi di laboratori, tutt'altra cosa è fase di produzione: basta vedere i problemi che Intel ha avuto per passare dai 0,13u ai 0,09u...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^