Intel, accordo strategico con Rockchip per le soluzioni SoFIA

Intel, accordo strategico con Rockchip per le soluzioni SoFIA

Le due realtà siglano un accordo strategico per velocizzare la diffusione sul mercato dei SoC della famiglia SoFIA, le prime di Intel ad integrare una componente modem 3G

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Processori
Intel
 

Intel Corporation ha annunciato di aver stretto un accordo strategico con Rockchip, realtà fabless cinese, che permetterà di estendere e velocizzare la diffusione sul mercato delle architetture Intel e delle soluzioni di comunicazione per una vasta gamma di dispositivi Android di fascia entry-level. Rockchip, fondata nel 2001, si occupa di progettare SoC per dispositivi embedded e mobile.

Secondo i termini dell'accordo, le due realtà renderanno disponibile una piattaforma SoC mobile a marchio Intel: si tratta di una piattaforma quad-core basata su core Atom "Silvermont" e integrante la tecnologia modem 3G di Intel, nel contesto della famiglia di chip SoFIA. Tutte le altre componenti del SoC saranno a carico di Rockchip. La disponibilità del nuovo componente quad-core 3G SoFIA è prevista per la prima metà del 2015.

Si tratta di una proposta rivolta principalmente a tablet di fascia entry-level ed economici. Ricordiamo che la famiglia Intel SoFIA è stata inserita nella roadmap dei prodotti mobile di Intel alla fine dello scorso anno e include il primo processore applicativo di Intel integrato con una piattaforma di comunicazione.

L'accordo strategico con Rockchip permette ad Intel di attrarre più rapidamente nuovi clienti con un più ampo catalogo di prodotti. Brian Krzanich, CEO di Intel, ha annunciato: "L'accordo strategico con Rockchip è un esempio dell'impegno di Intel ad adottare approcci pragmatici e diversificati per far crescere la nostra presenza nel mercato mobile globale, offrendo più rapidamente un più ampio portafoglio di soluzioni e tecnologie di comunicazioni basate su architettura Intel. Siamo entusiasti di collaborare con Rockchip. Con l'annuncio odierno, abbiamo aggiunto un ulteriore prodotto alla famiglia Intel SoFIA e ci aspettiamo che siano tutte disponibili sul mercato entro la metà del 2015. Ci stiamo muovendo con rapidità per incrementare la nostra offerta nel crescente mercato dei tablet a livello globale".

"Siamo sempre alla ricerca di modi innovativi per differenziare il nostro portafoglio di prodotti, e questa collaborazione con Intel, la prima del suo genere, ci aiuta a raggiungere questo obiettivo. La combinazione dell'architettura e della tecnologia modem di Intel, leader del settore, con la nostra capacità di progettazione mobile all'avanguardia porta a una maggiore scelta nel crescente mercato mondiale dei dispositivi portatili nei segmenti di fascia entry level e a costi contenuti" sono invece state le parole di Min Li, CEO di Rockchip.

Con l'annuncio odierno, la famiglia Intel SoFIA si compone di tre offerte, tra cui una versione dual-core 3G con disponibilità prevista nel quarto trimestre di quest'anno, una versione quad-core 3G con disponibilità prevista nel primo semestre del 2015 e una versione LTE, anch'essa prevista per la prima metà del prossimo anno. In base a questo accordo, Intel e Rockchip venderanno il nuovo componente a OEM e ODM, soprattutto alla base clienti esistente di ciascuna delle due aziende.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LMCH28 Maggio 2014, 19:59 #1
Ad occhio e croce Intel deve aver fatto a Rockchip un offertona a livello di licenze dei core e del modem 3G, magari con pure un accesso a prezzo di favore alle fab Intel per la produzione di quei SoC.

"Tutte le altre componenti del SoC saranno a carico di Rockchip"
ovvero macrocelle standard di cui Rockchip ha già una licenza
per la parte wifi, bt, usb, gpu, ecc.
mi chiedo quanto questo influirà sulle prestazioni.
cdimauro29 Maggio 2014, 10:36 #2
Originariamente inviato da: LMCH
Ad occhio e croce Intel deve aver fatto a Rockchip un offertona a livello di licenze dei core e del modem 3G, magari con pure un accesso a prezzo di favore alle fab Intel per la produzione di quei SoC.

Non vedo perché. Si tratta di una politica già adottata da altri produttori di processori. Semplicemente Intel sta estendendo il suo mercato, adottando soluzioni simili a quanto già fatto da altri.
"Tutte le altre componenti del SoC saranno a carico di Rockchip"
ovvero macrocelle standard di cui Rockchip ha già una licenza
per la parte wifi, bt, usb, gpu, ecc.
mi chiedo quanto questo influirà sulle prestazioni.

A cosa ti riferisci esattamente?
LMCH29 Maggio 2014, 13:38 #3
Originariamente inviato da: cdimauro
Non vedo perché. Si tratta di una politica già adottata da altri produttori di processori. Semplicemente Intel sta estendendo il suo mercato, adottando soluzioni simili a quanto già fatto da altri.


Ma Intel è sempre stata restia a farlo, di solito per cose simili proponeva SoC completi "made in in Intel" o al massimo con customizzazioni ma sempre solo con roba sua.

Originariamente inviato da: cdimauro
A cosa ti riferisci esattamente?


Penso a certi problemi di prestazioni non esaltanti e di qualita dei driver legati alle macrocelle "di contorno" che si hanno con certi SoC ARM.
cdimauro29 Maggio 2014, 14:06 #4
Originariamente inviato da: LMCH
Ma Intel è sempre stata restia a farlo, di solito per cose simili proponeva SoC completi "made in in Intel" o al massimo con customizzazioni ma sempre solo con roba sua.

Certamente, ma è da un po' che Intel prova a diversificare e a investire in tanti settori diversi. Questa notizia rientra perfettamente in questo suo nuovo (ma non troppo) modus operandi.
Penso a certi problemi di prestazioni non esaltanti e di qualita dei driver legati alle macrocelle "di contorno" che si hanno con certi SoC ARM.

Dipende da quei componenti, per l'appunto, e di chi ne realizza il software di supporto.

Non conosco Rockchip e non posso giudicare, nello specifico.

Spero soltanto che sia il primo di una lunga serie di partner per Intel.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^